Astro News a cura di Piero Bianucci

  • 20/02/2017 - Inaugurato vicino a Pisa “Advanced Virgo”: riparte la caccia alle onde gravitazionali
  • 20/02/2017 - Arecibo: immagini radar svelano il nucleo della cometa 45P/Honda-Mrkos-Paidusakova
  • 19/02/2017 - Il fruscio delle grandi meteore? Effetto fotoacustico svela “Scientific Reports”
  • 18/02/2017 - Primo esperimento di radiointerferometria VLB con segnale orario trasmesso in fibra ottica su 550 ...
  • 17/02/2017 - Cinque problemi di fisica e astrofisica risolti in un colpo solo con un Modello Standard esteso
  • 16/02/2017 - Forse già Ligo e Virgo potranno captare lo onde gravitazionali del Big Bang
  • 15/02/2017 - Spento 'SOLAR': per 9 anni a bordo della Iss ha raccolto dati sulla radiazione della nostra stella
  • 15/02/2017 - Una supernova individuata solo 3 ore dopo l’esplosione in una galassia di magnitudine 15
  • 14/02/2017 - I “getti blu” nella stratosfera esistono davvero. Lo prova un film girato sulla Stazione ...

    I “getti blu” nella stratosfera esistono davvero. Lo prova un film girato sulla Stazione spaziale

    I “getti blu” nella stratosfera esistono davvero. Lo prova un film girato sulla Stazione spaziale

     

     

    Gli “elfi” o “getti blu” ci sono proprio: lo confermano osservazioni fatte dalla Stazione Spaziale Internazionale (Iss). Sono potenti scariche elettriche nell’alta atmosfera che saettano sopra le nubi temporalesche (foto). Il fenomeno è sfuggente, un po’ come i famosi fulmini globulari, e quindi è stato a lungo controverso. Le osservazioni del resto erano più aneddotiche che scientifiche: venivano di solito da piloti in volo a quote superiori a quelle dei temporali. Ora la documentazione scientifica c’è ed è pubblicata su “Geophysical Research Letters”. Nel 2015, durante a missione Iriss di 10 giorni, l’astronauta danese dell’Esa Andreas Mogensen ha svolto l’esperimento Thor che aveva come obiettivo lo studio dei temporali. La camera più sensibile a bordo della Iss ha ripreso belle immagini di questi fenomeni luminosi transitori.

    I getti blu sono lunghi circa un chilometro e si sviluppano di solito a una quota di 18 chilometri ma se n’è osservato uno a 40 chilometri, altri sul golfo del Bengala a 28 chilometri. Il fenomeno era già stato indagato da satelliti per l’osservazione della Terra ma l’altezza delle loro orbite aveva impedito di arrivare a risultati soddisfacenti. In un video di 160 secondi l’astronauta Mogensen ha fissato 245 lampi blu, circa 90 per minuto.

    Questa ricerca ha dimostrato due cose importanti: che conosciamo ancora troppo poco dei fenomeni fisici e climatici dell’alta atmosfera e che la Stazione spaziale internazionale offre ottime possibilità di sviluppare questo tipo di ricerche. Un nuovo strumento adatto allo studio dei getti blu, chiamato Asim (Atmosphere-Space Interactions Monitor), sarà installato entro la fine dell’anno all’esterno del modulo “Columbus”, il laboratorio scientifico europeo della Iss.

    Altre informazioni, immagini e video:

    http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/2016GL071311/full

     

    http://www.asim.dk/payload.php

  • 13/02/2017 - “E il naufragar m’è dolce” tra le 800 mila galassie di questo catalogo online
Ricerca
  • Le Stelle
    163
  • Nuovo Orione
    297
  • Libri