Astro News a cura di Piero Bianucci

  • 20/02/2017 - Inaugurato vicino a Pisa “Advanced Virgo”: riparte la caccia alle onde gravitazionali
  • 20/02/2017 - Arecibo: immagini radar svelano il nucleo della cometa 45P/Honda-Mrkos-Paidusakova
  • 19/02/2017 - Il fruscio delle grandi meteore? Effetto fotoacustico svela “Scientific Reports”
  • 18/02/2017 - Primo esperimento di radiointerferometria VLB con segnale orario trasmesso in fibra ottica su 550 ...
  • 17/02/2017 - Cinque problemi di fisica e astrofisica risolti in un colpo solo con un Modello Standard esteso
  • 16/02/2017 - Forse già Ligo e Virgo potranno captare lo onde gravitazionali del Big Bang
  • 15/02/2017 - Spento 'SOLAR': per 9 anni a bordo della Iss ha raccolto dati sulla radiazione della nostra stella
  • 15/02/2017 - Una supernova individuata solo 3 ore dopo l’esplosione in una galassia di magnitudine 15

    Una supernova individuata solo 3 ore dopo l’esplosione in una galassia di magnitudine 15

    Una supernova individuata solo 3 ore dopo l’esplosione in una galassia di magnitudine 15

     

     

    Una supernova scoperta appena tre ore dopo l’esplosione / collasso: è un record di tempestività che promette importanti e originali informazioni sul catastrofico fenomeno che mette fine alle stelle con una massa notevolmente più grande di quella del Sole e quindi destinate a una vita breve e a una “morte” pirotecnica che le fa brillare per alcune ore quanto una intera galassia.

    L’osservazione è stata fatta nella debole e piccola galassia NGC 7610 di quindicesima magnitudine nella costellazione di Pegaso e l’analisi dei primi dati si deve a Ofer Yaron dell’Istituto Weizman (Israele). Il suo articolo è pubblicato sulla rivista “Nature Physics”.

    La prontezza con cui è avvenuta la scoperta di questa supernova è stata possibile grazie al progetto “Intermediate Palomar Transient Factory”, una rete internazionale di ricercatori che sorveglia continuamente il cielo allo scopo di coglierne i minimi cambiamenti. Prima del collasso esplosivo che l’ha fatta splendere come supernova la stella era una supergigante rossa. Poco prima della fine, aveva espulso una grande quantità di gas. Nell’esplosione buona parte dell’energia è stata dispersa sotto forma di neutrini e onde gravitazionali. Data la distanza è molto improbabile che qualche neutrino sia stato catturato dai rivelatori attualmente in funzione. Quanto alle onde gravitazionali, si vedrà se le antenne americane Ligo hanno registrato l’evento. 

    Nella foto: la croce indica la supernova comparsa nella galassia NGC 7610.

    Altre informazioni:

    http://www.castfvg.it/galassie/ngc8000/ngc7610.htm

    http://www.ptf.caltech.edu/iptf

    iPTF - Palomar Transient Factory

    www.ptf.caltech.edu

    Accumulated Sky Coverage in R-band Coverage Video • November 4, 2014 Accumulated coverage video from the Palomar Transient Factory.

     

     

     

  • 14/02/2017 - I “getti blu” nella stratosfera esistono davvero. Lo prova un film girato sulla Stazione ...
  • 13/02/2017 - “E il naufragar m’è dolce” tra le 800 mila galassie di questo catalogo online
Ricerca
  • Le Stelle
    163
  • Nuovo Orione
    297
  • Libri