Astro News a cura di Piero Bianucci

  • 20/02/2017 - Inaugurato vicino a Pisa “Advanced Virgo”: riparte la caccia alle onde gravitazionali
  • 20/02/2017 - Arecibo: immagini radar svelano il nucleo della cometa 45P/Honda-Mrkos-Paidusakova
  • 19/02/2017 - Il fruscio delle grandi meteore? Effetto fotoacustico svela “Scientific Reports”
  • 18/02/2017 - Primo esperimento di radiointerferometria VLB con segnale orario trasmesso in fibra ottica su 550 ...
  • 17/02/2017 - Cinque problemi di fisica e astrofisica risolti in un colpo solo con un Modello Standard esteso

    Cinque problemi di fisica e astrofisica risolti in un colpo solo con un Modello Standard esteso

    Cinque problemi di fisica e astrofisica risolti in un colpo solo con un Modello Standard esteso

     

     

    Un nuovo modello delle particelle elementari che estende il Modello Standard senza rivoluzionarlo ma con alcune integrazioni, potrebbe risolvere in un colpo solo cinque dei maggiori problemi aperti della fisica e dell'astrofisica. Elaborato da quattro teorici europei (originari di Spagna, Francia, Germania e Regno Unito), il nuovo modello, chiamato SMASH (modello standard ad alternanza assioni/Higgs), aggiunge sei nuove particelle fondamentali alle diciassette attualmente conosciute. Tre, dotate di massa, sono neutrini destrogiri; un nuovo fermione; una particella chiamata “rho” che conferisce massa ai neutrini destrogiri e insieme con il bosone di Higgs pilota l’inflazione cosmica; e un assione, ipotetica particella che potrebbe costituire la materia oscura (vedi lo schema del Modello Standard esteso e integrato).

    Con queste sei particelle i fisici che hanno concepito SMASH si propongono di spiegare la forte asimmetria tra materia e antimateria nell’universo; le masse dei neutrini noti; la simmetria dell’interazione forte che confina i quark nelle particelle nucleari; la materia oscura e l’inflazione cosmica. Il modello, dicono gli autori, fa delle previsioni verificabili che possono essere controllate tramite osservazioni della radiazione di fondo a microonde ed esperimenti per ricerca degli assioni. La massa prevista per gli assioni sarebbe compresa tra 50 e 200 milionesimi di elettronvolt.

    I principali autori del lavoro sono Guillermo Ballesteros, Javier Redondo, Andreas Ringwald e Carlos Tamarit. Titolo dell’articolo, pubblicato il 15 febbraio sulla rivista “Physical Review Letters': “Model Tries to solve five physics problems at once”.

    Altre informazioni:

    http://physics.aps.org/synopsis-for/10.1103/PhysRevLett.118.071802

    Synopsis: Model Tries to Solve Five Physics Problems at Once

    physics.aps.org

    A minimal extension to the standard model of particle physics involves six new particles.

     



  • 16/02/2017 - Forse già Ligo e Virgo potranno captare lo onde gravitazionali del Big Bang
  • 15/02/2017 - Spento 'SOLAR': per 9 anni a bordo della Iss ha raccolto dati sulla radiazione della nostra stella
  • 15/02/2017 - Una supernova individuata solo 3 ore dopo l’esplosione in una galassia di magnitudine 15
  • 14/02/2017 - I “getti blu” nella stratosfera esistono davvero. Lo prova un film girato sulla Stazione ...
  • 13/02/2017 - “E il naufragar m’è dolce” tra le 800 mila galassie di questo catalogo online
Ricerca
  • Le Stelle
    163
  • Nuovo Orione
    297
  • Libri