Astro News a cura di Piero Bianucci

  • 17/10/2017 - Il 23 ottobre si inaugura CUORE, esperimento per Majorana nei Laboratori Gran Sasso
  • 16/10/2017 - CLAMOROSO: nata l’astronomia multimessaggio (gravitazionale e intero spettro elettromagnetico)
  • 15/10/2017 - Record: la Panstarrs C/2017 K2 è la più lontana cometa attiva mai osservata
  • 14/10/2017 - Un asteroide intitolato all’astronauta Luca Parmitano
  • 13/10/2017 - Per 70 milioni di anni la Luna ebbe un’atmosfera generata da eruzioni vulcaniche
  • 12/10/2017 - Scoperta: Haumea, pianeta nano transenettuniano, è un Saturno in miniatura
  • 11/10/2017 - I protoni sono più leggeri di quanto si credeva. Lo dice l'ultima misura di estrema precisione
  • 09/10/2017 - In una valle delle Alpi Francesi test per il primo rivoluzionario “ipertelescopio”
  • 08/10/2017 - Le sette stelle principali delle Pleiadi hanno dei pianeti? Una nuova tecnica ce lo dirà
  • 07/10/2017 - Altro rinvio per il telescopio spaziale “James Webb”: ora si parla del giugno 2019

    Altro rinvio per il telescopio spaziale “James Webb”: ora si parla del giugno 2019

    Altro rinvio per il telescopio spaziale “James Webb”: ora si parla del giugno 2019

    Sarebbe una notizia se la Nasa confermasse la prevista partenza del telescopio spaziale “James Webb” (JWST, nel disegno), successore del glorioso “Hubble”. Ma non è così: il lancio del “James Webb” Space Telescope è stato rinviato ancora una volta, e ora si parla del giugno 2019. Quasi una non-notizia…

    Si è ormai perso il conto dei rinvii, basta dire che il lancio è atteso almeno dal 2011 e che rispetto alle previsioni di quell’anno il costo è aumentato di parecchie volte: precisamente da 1,6 miliardi di dollari a 8,8. Per fortuna “Hubble” tiene duro e funziona ancora benissimo benché l’ultima missione di manutenzione risalga al maggio 2009. Quando si svolse quella missione di servizio (la quarta, e sarebbe stato impossibile programmarne altre perché lo Shuttle stava per essere messo fuori servizio), la sostituzione di “Hubble” con “James Webb” sembrava relativamente vicina. La causa del nuovo ritardo è attribuita a problemi di integrazione dei vari strumenti e non a preoccupazioni per l’hardware o per le sue prestazioni tecniche.

    Il futuro telescopio spaziale, che lavorerà nell’infrarosso dal Punto di Lagrange L2, avrà una apertura di 6,5 metri. Lo specchio principale sarà composto da 18 segmenti. Tra gli obiettivi scientifici, la formazione delle galassie, le nebulose dove nascono stelle, immagini dirette di esopianeti e lo studio delle loro atmosfere.

    Altre informazioni:

     

    http://www.skyandtelescope.com/astronomy-news/james-webb-space-telescope-launch-delayed-2019/?_source=newsletter&utm_campaign=sky-jma-nl-171006&utm_content=974213_EDT_SKY_171006&utm_medium=email

Ricerca
  • Le Stelle
    171
  • Nuovo Orione
    305
  • Libri