Astronews a cura di Massimiliano Razzano

Fino al 13/11/2017 a cura di Piero Bianucci, fino al 20/01/2018 a cura di Luigi Bignami

  • 20/04/2018 - Lanciata con successo TESS, la nuova missione NASA che andrà a caccia di pianeti extrasolari
  • 17/04/2018 - Dalla fantascienza alla mitologia, anche Caronte ha la sua toponomastica

    Dalla fantascienza alla mitologia, anche Caronte ha la sua toponomastica

    Dalla fantascienza alla mitologia, anche Caronte ha la sua toponomastica

    Ci sono i monti Clarke, dedicati allo scrittore di fantascienza autore di 2001:Odissea nello spazio, e c’è il monte Kubrick, dedicato al regista che nel 1968 trasformò il romanzo di Clarke in una pietra miliare del cinema di fantascienza. Sono solo due dei nomi scelti dall’Unione Astronomica Internazionale (IAU) per le formazioni geologiche di Caronte, la più grande luna di Plutone. Anche Caronte ha quindi una sua toponomastica ufficiale, decisa dall’IAU in seguito al successo della missione New Horizon, che ha visitato il satellite di Plutone nel corso della sua missione. Una toponomastica che trae ispirazione dal mondo della fantascienza, della mitologia e dell’esplorazione dello spazio.

    Caronte è uno degli oggetti più grandi nella fascia di Kuiper ed è molto ricco di formazioni geologiche, analogamente alla nostra Luna o ad altri satelliti nel Sistema Solare. Monti, crateri e valli che ora hanno ricevuto un nome ufficiale grazie all’IAU, l’ente che ha l’autorità a livello internazionale sulla toponomastica astronomica. Un ruolo chiave in questa fase l’ha avuto il team della missione New Horizon, che ha proposto i nomi in seguito alla campagna Our Pluto (il nostro Plutone) che si è svolta online nel 2015. I nomi celebrano l’epica esplorazione di Plutone condotta da New Horizon, e pertanto sono stati scelti in modo da celebrare lo spirito di esplorazione umana. Quelli di Caronte sono nomi ispirati alla letteratura, dalle antiche leggende ai cult della fantascienza moderna, in uno spirito decisamente internazionale.

     

    Articolo originale:

    https://www.iau.org/news/pressreleases/detail/iau1803/

     

    Nell’immagine: La superficie di Caronte con la nomenclatura approvata di recente dall’IAU (NASA/JOHNS HOPKINS UNIVERSITY APPLIED PHYSICS LABORATORY/SOUTHWEST RESEARCH INSTITUTE)

  • 13/04/2018 - Sholz, la stella che ci ha “sfiorato” 70 mila anni fa
  • 09/04/2018 - Chi sta vincendo il “braccio di ferro” fra le Nubi di Magellano?
  • 04/04/2018 - Sempre più lontano, grazie alle lenti gravitazionali
  • 30/03/2018 - Scoperta una “galassia fantasma” senza materia oscura
  • 27/03/2018 - Tutto il ferro di Kepler 229b
  • 22/03/2018 - Ariel, la nuova missione europea studierà i pianeti extrasolari
  • 16/03/2018 - Dov'è STEVE? La NASA e gli astrofili a caccia le aurore più strane
  • 14/03/2018 - Ci ha lasciati Stephen Hawking, il celebre astrofisico della “Teoria del tutto”
Ricerca
  • Le Stelle
    177
  • Nuovo Orione
    311
  • Libri