Astronews a cura di Massimiliano Razzano

Fino al 13/11/2017 a cura di Piero Bianucci, fino al 20/01/2018 a cura di Luigi Bignami

  • 25/05/2018 - Giocando a nascondino con la polvere zodiacale
  • 22/05/2018 - Segnali da ET? Una questione di tempismo
  • 20/05/2018 - KOROLEV, CRATERE MARZIANO NELL’OCCHIO DI CASSIS
  • 20/05/2018 - DEEP IMPACT ALL’ORIGINE DI PHOBOS E DEIMOS
  • 20/05/2018 - MISSIONE GAIA: QUESTO È IL CATALOGO
  • 20/05/2018 - WASP-96B, UN PIANETA ”SALATO” DAL CIELO TERSO
  • 20/05/2018 - IL BUCO NERO PIÙ VORACE DELL’UNIVERSO
  • 20/05/2018 - BATTITO D’ALI DI FARFALLA DA DUE BUCHI NERI
  • 20/05/2018 - DIECIMILA BUCHI NERI AL CENTRO DELLA VIA LATTEA
  • 07/05/2018 - Lanciata InSight, la sonda che studierà il “cuore” di Marte

    Lanciata InSight, la sonda che studierà il “cuore” di Marte

    Lanciata InSight, la sonda che studierà il “cuore” di Marte

    Dopo anni di preparazione, la sonda InSight è finalmente partita per il suo viaggio verso Marte. La sonda della NASA è stata lanciata con successo alle 13:05 italiane di sabato dalla base di Vandenberg, in California, ed è stata portata in orbita da un razzo Atlas V. Come suggerisce l’acronimo Interior Exploration using Seismic Investigations, Geodesy and Heat Transport (InSight), lo scopo della missione sarà lo studio delle regioni più interne di Marte, che ci permetterà non solo di comprendere come sia fatto il Pianeta Rosso, ma anche come si sono formati gli altri pianeti rocciosi fra cui la Terra.

    Il viaggio di InSight durerà circa sei mesi, al termine dei quali la sonda si immetterà in orbita marziana e scenderà sulla superficie del Pianeta Rosso e inizierà ad “ascoltare” i segnali provenienti dal sottosuolo. Analogamente a quanto viene fatto per studiare l’interno del nostro pianeta, InSight sfrutterà la propagazione delle onde sismiche nell’interno di Marte per determinare con precisione la struttura interna di Marte. Nel corso della sua missione biennale, InSight sarà anche in grado di monitorare la distanza dalla Terra, in modo da misurare con precisione il moto di Marte sotto l’azione della gravità del Sole, da cui sarà possibile capire la componente liquida del nucleo marziano. Dalle misure della composizione interna di Marte gli scienziati sperano di trovare anche delle indicazioni di concentrazioni di acqua liquida nel sottosuolo. Insieme alle altre sonde in orbita intorno a Marte, InSight ci aiuterà a comprendere meglio il passato di Marte e la formazione dei pianeti rocciosi come Venere e la nostra Terra

     

     

    Altre informazioni

     

    Nell’immagine: Il lancio della sonda InSight (NASA)

Ricerca
  • Le Stelle
    179
  • Nuovo Orione
    313
  • Libri