Astronews a cura di Massimiliano Razzano

Fino al 13/11/2017 a cura di Piero Bianucci, fino al 20/01/2018 a cura di Luigi Bignami

  • 18/06/2018 - BZ509, l’asteroide che si è trasferito a casa nostra
  • 14/06/2018 - Tre baby pianeti e una stella neonata. Alma scopre la sua prima 'nursery stellare'
  • 11/06/2018 - Ci sono molecole organiche su Marte, parola di Curiosity
  • 08/06/2018 - Chi ha paura di Alfa Centauri?
  • 07/06/2018 - Quanti anni ha un ammasso globulare?
  • 04/06/2018 - Giove, Venere, e quel tira e molla con l’orbita terrestre
  • 25/05/2018 - Giocando a nascondino con la polvere zodiacale
  • 22/05/2018 - Segnali da ET? Una questione di tempismo
  • 20/05/2018 - KOROLEV, CRATERE MARZIANO NELL’OCCHIO DI CASSIS
  • 20/05/2018 - DEEP IMPACT ALL’ORIGINE DI PHOBOS E DEIMOS

    DEEP IMPACT ALL’ORIGINE DI PHOBOS E DEIMOS

    DEEP IMPACT ALL’ORIGINE DI PHOBOS E DEIMOS

    Phobos e Deimos, i due satelliti di Marte (Figura), sono da decenni al centro di un dibattito riguardo la loro origine. Si tratta di asteroidi che hanno osato spingersi troppo vicini a Marte e che sono stati quindi catturati dalla sua gravità, oppure sono lune che si sono formate per accrezione attorno al Pianeta Rosso?

    Uno studio del Southwest Research Institute (SWRI) sostiene la seconda ipotesi, suggerendo che il colpevole sia stato un oggetto dalle dimensioni di un pianeta nano che ha impattato con Marte quando questi era ancora una sfera di roccia fusa.

    I ricercatori, guidati da Robin Canup dello SWRI, hanno usato simulazioni idrodinamiche a grande scala per riprodurre l’impatto di un corpo massiccio con Marte. Secondo il modello, un oggetto con le dimensioni di Vesta o Cerere sarebbe entrato in collisione con Marte durante il periodo della sua formazione.

    L’impatto avrebbe generato un disco di detriti attorno al protopianeta, la cui parte più esterna pian piano “si sarebbe accumulata fino a formare Phobos e Deimos, mentre la parte più interna si sarebbe accumulata in lune più grandi per poi eventualmente spiraleggiare verso la superficie fino a essere assimilate da Marte” ha spiegato Julien Salmon, altro ricercatore dell’SWRI.

    Nomen omenPhobos (“Paura”) e Deimos (“Terrore”) sarebbero perciò nati in seguito a un catastrofico evento distruttivo. Un cataclisma simile a quello dell’ipotesi dell’impatto di Theia con la Terra, un ipotetico planetoide dalle dimensioni simili a quelle di Marte che 4,5 miliardi di anni fa si sarebbe scontrato con il nostro pianeta. I detriti lanciati in orbita si sarebbero successivamente ammassati fino a formare la Luna. Allo stesso modo, l’ipotesi proposta da Canup e dal suo team mostrerebbe come un evento simile, ma su scala minore, avrebbe potuto portare alla formazione delle due piccole lune.

    “Il modello predice anche che le due lune derivano principalmente da materiale originatosi da Marte, così che la maggior parte della loro composizione dovrebbe essere simile a quella di Marte per la maggior parte degli elementi. Comunque, il riscaldamento del materiale espulso dall’impatto e la bassa velocità di fuga da Marte suggeriscono che il vapore d’acqua sarebbe andato perduto, implicando che le lune, se formate dall’impatto, dovrebbero essere aride”.

    Ed è proprio la composizione carente d’acqua a essere molto interessante per una futura missione della JAXA, l’agenzia spaziale giapponese che lancerà nel 2024 la missione MMX (Mars Moons eXploration), per esplorare le due piccolissime lune, atterrando su Phobos per raccogliere dei campioni da riportare sulla Terra. Fonte: Media-INAF

    Piero Stroppa

Ricerca
  • Le Stelle
    179
  • Nuovo Orione
    313
  • Libri