Astronews a cura di Massimiliano Razzano

Fino al 13/11/2017 a cura di Piero Bianucci, fino al 20/01/2018 a cura di Luigi Bignami

  • 16/01/2019 - Hubble: ripristinato il funzionamento della WFC3
  • 15/01/2019 - È spuntato del cotone sulla Luna!
  • 13/01/2019 - LA NEBULOSA DELLE VELE IN MOSAICO
  • 13/01/2019 - ALLA RICERCA DELL’ANTIUNIVERSO
  • 13/01/2019 - CERERE: NERO COME IL CARBONIO
  • 10/01/2019 - LA CRISTALLIZZAZIONE DELLE NANE BIANCHE
  • 09/01/2019 - Problemi alla Wide Field Camera 3 di Hubble
  • 30/12/2018 - SUPER-TERRE TEMPESTATE DI ZAFFIRI E RUBINI?
  • 18/12/2018 - L’OGGETTO PIÙ DISTANTE NEL SISTEMA SOLARE

    L’OGGETTO PIÙ DISTANTE NEL SISTEMA SOLARE

    L’OGGETTO PIÙ DISTANTE NEL SISTEMA SOLARE

    Sfruttando il grande campo e la profondità di ripresa della Hyper Supreme-Cam (HSC) applicata al telescopio Subaru da 8,2 m, situato in cima a Mauna Kea alle Hawaii, il 10 novembre 2018, il trio composto da Scott S. Sheppard della Carnegie, David Tholen dell'Università delle Hawaii e Chad Trujillo della Northern Arizona University, ha scoperto un oggetto che probabilmente appartiene alla Nube di Oort interna.

    Designato provvisoriamente come 2018 VG18, è l’oggetto più lontano a oggi conosciuto nel Sistema Solare, trovandosi a ben 120 Unità Astronomiche dal Sole. Per confronto, Plutone e Caronte distano in questo periodo circa 34 UA, mentre Eris è lontano circa 96 UA.

    Analogamente agli altri membri della ristretta cerchia dei “sednoidi”, anche 2018 VG18 è stato scoperto in seguito alla ricerca del presunto Planet 9, il massiccio pianeta di tipo Super-Terra che potrebbe albergare in quella regione dello spazio, condizionando le orbite di un gran numero di oggetti analoghi a quelli che si stanno trovando.

    Lo stesso gruppo di ricercatori ha già scoperto 2015 TG387, l’oggetto con l’afelio più lontano conosciuto, ma anche altri sednoidi, come 2012 VP113, che sono ritenuti una prova dell’esistenza del grande perturbatore poiché sono così lontani da non poter essere influenzati dai pianeti giganti del Sistema Solare.

    Le osservazioni svolte nelle settimane successive con il Magellan Telescope hanno confermato la distanza di 2018 VG18, che risulta così il primo oggetto del Sistema Solare oltre la soglia delle 100 UA.

    La sua luminosità suggerisce un diametro di circa 500 km, probabilmente di forma sferica e piuttosto rossiccio, caratteristica compatibile con la presenza di ghiacci sulla sua superficie. Tali proprietà fanno di 2018 VG18 un candidato allo status di pianeta nano, del quale si dovrà stabilire con maggiore precisione l’orbita, plausibilmente simile a quella eccentrica dagli altri sednoidi, con un periodo di circa un millennio.

    Giuseppe Donatiello

  • 11/12/2018 - ANCHE VOYAGER 2 È NELLO SPAZIO INTERSTELLARE
Ricerca
  • Le Stelle
    186
  • Nuovo Orione
    320
  • Libri