Astronews a cura di Massimiliano Razzano

Fino al 13/11/2017 a cura di Piero Bianucci, fino al 20/01/2018 a cura di Luigi Bignami

  • 17/04/2019 - Un minuscolo frammento di cometa all'interno di un meteorite
  • 10/04/2019 - È di M87 la prima immagine diretta di un buco nero!
  • 08/04/2019 - Scoperti i resti di un pianeta intorno a una nana bianca
  • 06/04/2019 - L'antica 'palla di neve' si sciolse in un lampo
  • 05/04/2019 - Curiosity ha catturato due transiti solari su Marte
  • 02/04/2019 - L’atmosfera di un Super-Giove
  • 02/04/2019 - Un’istantanea della grande estinzione alla fine del Cretaceo
  • 21/03/2019 - UNA LENTE GRAVITAZIONALE A FORMA DI “CROCE LATINA”
  • 21/03/2019 - UNA TEMPESTA SOLARE RECORD DI 2610 ANNI FA
  • 21/03/2019 - NGC 6052: UN ABBRACCIO COSMICO

    NGC 6052: UN ABBRACCIO COSMICO

    NGC 6052: UN ABBRACCIO COSMICO

    A prima vista, quella ripresa in Figura sembra una galassia irregolare. Questa foto effettuata nel visibile e nell’ultravioletto dalla Wide Field Camera 3 del telescopio spaziale Hubble riprende in realtà la coppia di galassie in collisione NGC 6052. Due galassie interagenti situate in Ercole, a circa 230 milioni di anni luce da noi. Un abbraccio dovuto alla reciproca attrazione gravitazionale tra le due galassie iniziato molto tempo fa e che le ha indotte ad avvicinarsi, producendo lo stato caotico che si osserva oggi.

    Le brillanti stelle, presenti originariamente nelle singole galassie, hanno abbandonano le loro orbite per intraprenderne di nuove, indotte dai modificati effetti gravitazionali, iniziando così una specie di danza dove le stelle sono tirate l’un l’altra dalla gravità.

    Catalogata inizialmente come irregolare (fu scoperta da W. Herschel nel 1784), la NGC 6052 si è rivelata uno scontro fra titani, come tanti altri che si conoscono in cielo. Questa collisione porterà a una fusione delle due galassie, dalla quale si formerà una nuova e unica galassia stabile. 

    Una sorte che pare pure ci riguardi da vicino. In un futuro molto remoto (non prima di due miliardi di anni) la Via Lattea è destinata a scontrarsi con il nostro vicino galattico: la Grande Nube di Magellano. Poi sarà il turno della grande Galassia di Andromeda, con il quale si realizzerà un vero scontro titanico (Fonte: Media-INAF).

    Piero Stroppa

Ricerca
  • Le Stelle
    189
  • Nuovo Orione
    323
  • Libri