Astronews a cura di Massimiliano Razzano

Fino al 13/11/2017 a cura di Piero Bianucci, fino al 20/01/2018 a cura di Luigi Bignami

  • 17/09/2019 - L’ESTINZIONE DEI DINOSAURI: FU ANCHE UN PROBLEMA DI ZOLFO
  • 21/08/2019 - NUOVO RITRATTO DI GIOVE ESEGUITO DA HUBBLE
  • 17/08/2019 - L’ORIGINE PRIMORDIALE DEI BUCHI NERI SUPERMASSICCI
  • 17/08/2019 - L’INGORDIGIA DI ETA CARINAE
  • 17/08/2019 - IL CUORE DI FERRO DI MERCURIO
  • 17/08/2019 - La cometa 67P ha una minuscola luna

    La cometa 67P ha una minuscola luna

    La cometa 67P ha una minuscola luna

    La sonda Rosetta dell’ESA non era da sola a volteggiare intorno alla cometa 67P/ Churyumov-Gerasimenko. Insieme con essa c’era una minuscola luna di appena 4 m di diametro. Questo mini-satellite è ritenuto un frammento staccatosi dal corpo principale della cometa ed è stato notato dall’astrofilo spagnolo Jacint Roger mentre esaminava le immagini catturate dalla sonda tra agosto 2014 e settembre 2016.

     

    In particolare, tra le riprese ottenute il 21 ottobre 2015 con la sonda distante circa 400 km dal nucleo, ha notato tra i vari frame che stava utilizzando per un’animazione, un punto che si spostava in maniera coerente con un oggetto in orbita e presente in tutti i fotogrammi della sequenza (Figura).

    Roger ha pubblicato una GIF animata su Twitter lo scorso maggio e la cosa non è passata inosservata ai membri del team di Rosetta che hanno ulteriormente indagato sull’oggetto, nel frattempo soprannominato Churymoon. Si è potuto ritrovare l’oggetto anche in altre immagini ed è stata confermata la sua presenza in orbita almeno sino al 23 ottobre 2015.

    La presenza di detriti nei pressi dei nuclei cometari è tutt’altro che rara, come hanno dimostrato le immagini ottenute dalle sonde avvicinatesi ad altri astri chiomati, ma tali oggetti erano perlopiù transitori e destinati ad allontanarsi, sospinti dal vento solare. Il caso di Churymoon è speciale, perché il detrito è apparso stabilmente in orbita per alcuni giorni.

    Presumibilmente, si tratta di un satellite temporaneo ed è improbabile una lunga permanenza in orbita, per via delle perturbazioni che hanno agito su di esso. Sarà comunque interessante indagarne le sorti analizzando altre riprese di Rosetta, ma nel frattempo l’astrofilo spagnolo si gode il suo meritato momento di popolarità, a conferma di quante cose utili possano fare gli appassionati quando vanno a sbirciare negli archivi di dati pubblici, sia essi ottenuti da sonde sia da strumenti al suolo.

    Giuseppe Donatiello

  • 16/08/2019 - Una “Terra Calda” ne fa trovare un’altra più ospitale
  • 16/08/2019 - Sgr A* ha battuto un colpo
  • 27/07/2019 - IL REDSHIFT RELATIVISTICO AL CENTRO DELLA VIA LATTEA
  • 04/07/2019 - L’OCEANO SALATO DI EUROPA
Ricerca
  • Le Stelle
    194
  • Nuovo Orione
    328
  • Libri