Astronews a cura di Massimiliano Razzano

Fino al 13/11/2017 a cura di Piero Bianucci, fino al 20/01/2018 a cura di Luigi Bignami

  • 24/10/2017 - Origine della vita: fu essenziale il contributo delle meteoriti al “brodo primordiale”

    Origine della vita: fu essenziale il contributo delle meteoriti al “brodo primordiale”

    Origine della vita: fu essenziale il contributo delle meteoriti al “brodo primordiale”

    Sì, la vita sarebbe germogliata in pozze di acqua calda sulla Terra di 3,7 -4,4 miliardi di anni fa come si ipotizza ormai da decenni con la teoria del “brodo primordiale”. E l’acqua calda abbondava grazie a fenomeni vulcanici (disegno) e fumarole sottomarine. Ma ci sarebbe voluta anche una pacca di incoraggiamento rappresentata dalla caduta di qualche meteorite. Lo sostengono i ricercatori Ben K.D. Pearce e Ralph Putritz della McMaster University e del Max Planck Institut in un articolo pubblicato su “Proceedings of the National Academy of Science” (PNAS). Le meteoriti avrebbero portato sul nostro pianeta molecole pre-biologiche che le condizioni termiche e l’ambiente umido del “brodo primordiale” avrebbero attivato, con la complicità di un apporto energetico fornito dal Sole e forse anche da fenomeni elettrici naturali.

    In altre parole, il contributo delle meteoriti sarebbe stato determinante nel depositare sulla Terra primitiva dei “prelavorati” chimici che si sarebbero poi trasformati in veri e propri precursori della vita. I primi passaggi dalla materia inanimata alle strutture viventi rimangono la parte più misteriosa della questione. La maggioranza della comunità scientifica sta in ogni caso convergendo sull’idea che la prima molecola che abbia manifestato la capacità di autoreplicarsi assumendo materiale dall’ambiente sia stata la molecola di RNA, cioè dell’acido ribonucleico. Nelle forme di vita più evolute, l’RNA ha poi mantenuto il ruolo di messaggero: copiando tratti del DNA in cui è scritto il patrimonio genetico, l’RNA estrae dal DNA le istruzioni per costruire le proteine, i mattoni di ogni organismo vivente.  

    Altre informazioni:

    http://www.pnas.org/content/early/2017/09/26/1710339114.abstract

     

     

     

     

  • 23/10/2017 - “Sentinel 5B” funziona perfettamente. Sorveglierà i gas inquinanti nell’atmosfera terrestre
  • 22/10/2017 - Aborigeni australiani notarono variazioni di luminosità in Aldebaran, Antares e Betelgeuse
  • 21/10/2017 - Con il 2018 si concluderà la missione “Dawn” della Nasa intorno al pianeta nano Cerere
  • 20/10/2017 - Il 30 ottobre esordisce a Roma SWERTO, banca dati del servizio “meteo spaziale”
  • 19/10/2017 - Una stella simile al Sole ha divorato pianeti rocciosi per una massa pari a 15 Terre
  • 18/10/2017 - Primi dati scientifici del radiotelescopio cinese da 500 metri: captate due pulsar
  • 17/10/2017 - Il 23 ottobre si inaugura CUORE, esperimento per Majorana nei Laboratori Gran Sasso
  • 16/10/2017 - CLAMOROSO: nata l’astronomia multimessaggio (gravitazionale e intero spettro elettromagnetico)
  • 15/10/2017 - Record: la Panstarrs C/2017 K2 è la più lontana cometa attiva mai osservata
Ricerca
  • Le Stelle
    177
  • Nuovo Orione
    311
  • Libri