Astro News a cura di Piero Bianucci

  • 01/09/2016 - Nuovi dati del satellite europeo “Planck” post-datano la nascita delle prime stelle

    Nuovi dati del satellite europeo “Planck” post-datano la nascita delle prime stelle

    Nuovi dati del satellite europeo “Planck” post-datano la nascita delle prime stelle

     

    Una nuova analisi dei dati trasmessi dal satellite europeo “Planck” per lo studio del fondo di radiazione cosmica ha post-datato la formazione delle prime stelle. Dal Big Bang usci una densa nebbia di particelle elementari, principalmente protoni, elettroni, neutrini e fotoni, cioè particelle di luce. Queste però non riuscivano a farsi strada nella nebbia delle altre particelle. Solo quando la temperatura della nebbia scese abbastanza da consentire la cattura degli elettroni da parte dei protoni e dei nuclei di elio, e quindi la materia divenne elettricamente neutra, i fotoni ebbero via libera e l’universo divenne luminoso. Ciò si verificò circa 380 mila anni dopo il Big Bang e il satellite “Planck” fotografa quell’epoca attraverso la traccia nelle microonde che rimane di quell’universo caldo (la temperatura cosmica era allora di circa tremila Kelvin). Ma perché si accendessero le prime stelle grazie alla fusione nucleare fu necessario tornare a materia ionizzata. I nuovi dati – basati sulla polarizzazione della radiazione fossile rilevata da “Planck”: vedi illustrazione – dicono che questa fase non avvenne poche decine di milioni di anni dopo ma molto più tardi: solo 700 milioni di anni dopo il Big Bang circa la metà della materia e nuovamente ionizzata e poteva dar luogo a stelle e quindi a galassie primordiali. Novecento milioni di anni dopo il Big Bang, invece, quasi tutta la materia era ionizzata. Gli articoli che riferiscono questo studio compaiono sulla rivista “Astronomy and Astrphyisics”.

    Altre informazioni:

    http://sci.esa.int/planck/58193-first-stars-formed-even-later-than-previously-thought/

    http://www.aanda.org/component/article?access=doi&doi=10.1051/0004-6361/201628897

    http://www.aanda.org/component/article?access=doi&doi=10.1051/0004-6361/201628890

     

     

     

  • 30/08/2016 - La massa mancante della Via Lattea è una “nebbia” prodotta dalla furia del buco nero centrale ...
  • 29/08/2016 - Niku, pianetino transnettuniano ribelle, ha dei “fratelli”? Lo sapremo del 2019
  • 28/08/2016 - Scoperta nella Chioma di Berenice una galassia fatta al 99.99 per cento di materia oscura
  • 27/08/2016 - Viaggio di una sonda verso Proxima Centauri: polveri e gas sono un rischio serio
  • 26/08/2016 - Il terremoto visto dai satelliti: il suolo si è abbassato di 20 cm, la faglia spostata di 1 metro
  • 26/08/2016 - Superato il limite di diffrazione con un dispositivo di ottica quantistica
  • 25/08/2016 - Terra-bis intorno a Proxima Centauri, la stella più vicina: ridimensionate le speranze di ...
  • 24/08/2016 - Le “caverne cosmiche” usate per porre limiti più precisi ai test di relatività e ...
  • 23/08/2016 - Nel 2019 due satelliti “Proba-3” produrranno regolarmente eclissi totali di Sole
Ricerca
  • Le Stelle
    161
  • Nuovo Orione
    295
  • Libri