Astro News a cura di Piero Bianucci

  • 17/03/2016 - Le misteriose chiazze bianche di Cerere cambiano aspetto durante il giorno del pianeta nano

    Le misteriose chiazze bianche di Cerere cambiano aspetto durante il giorno del pianeta nano

    Le misteriose chiazze bianche di Cerere cambiano aspetto durante il giorno del pianeta nano

    Le misteriose chiazze bianche di Cerere cambiano aspetto durante il giorno del pianeta nano

     

    Le enigmatiche macchie bianche che si vedono su Cerere, il primo asteroide scoperto (Giuseppe Piazzi, 1801), ora classificato come pianeta nano, diventano sempre più misteriose. Osservate dalla sonda americana “Dawn” attualmente in orbita intorno a Cerere, le chiazze hanno mostrato variazioni della loro brillantezza che sembrano dovute a qualche attività geologica sottostante. Ora le macchie sono state seguite con cura utilizzando lo spettrografo HARPS montato sul telescopio da 3,6 metri dell’Osservatorio Australe Europeo (ESO) e risulta che diventano più luminose quando vengono illuminate dalla radiazione solare, cioè durante il “giorno” di Cerere. Il pianeta nano ruota su se stesso in nove ore. L’ipotesi che i planetologi avanzano è che le macchie siano composte di materiale che evapora almeno in parte sotto l’azione del calore solare. E’ anche possibile che la brillantezza cambi per via della rotazione di Cerere, che fa variare l’orientamento delle macchie rispetto all’osservatore. La macchia più vistosa si trova dentro il cratere Occator (foto ESO-Harps). Osservata da vicino, risolve in una macchia tonda più grande centrale e in altre minori laterali, vicino alla cerchia montuosa. Macchie di brillantezza variabile erano già state sospettate grazie ad osservazioni fatte con il telescopio spaziale “Hubble”. Lo spettrografo HARPS ha messo in rilievo il moto di avvicinamento e allontanamento delle macchie rispetto all’osservatore terrestre in seguito alla rotazione di Cerere. Il cambiamento di velocità è di circa 20 chilometri l’ora. Si ipotizza che il materiale costituente le chiazze chiare sia solfato idrato di magnesio o semplicemente acqua ghiacciata affiorata di recente. Risulta che Cerere nasconda in profondità grosse quantità di acqua: è possibile che l’acqua sotterranea affiori in alcuni punti della sua superficie e sublimi disperdendosi nello spazio.

    Questo l’articolo dedicato al misterioso fenomeno pubblicato su arXiv:

    http://www.eso.org/public/archives/releases/sciencepapers/eso1609/eso1609a.pdf

  • 16/03/2016 - Nel 2017 cento astronauti a Tolosa (Francia) per il congresso degli “esploratori spaziali”
  • 15/03/2016 - Pannelli solari aperti, in volo verso Marte: tutto bene per la missione “Exomars”
  • 14/03/2016 - Perfetto lancio di “ExoMars” da Baikonur verso il Pianeta Rosso
  • 13/03/2016 - ESA: i satelliti per telecomunicazioni della prossima generazione saranno a propulsione elettrica ...
  • 11/03/2016 - Fisica delle astroparticelle: l’esperimento MEG allontana il sogno della “grande ...
  • 10/03/2016 - Con “Kepler-2” e telescopi al suolo in aprile campagna mondiale di caccia a esopianeti simili ...
  • 09/03/2016 - CERN: nuova ipotesi di fisici teorici: materia oscura fatta di particelle superpesanti?
  • 08/03/2016 - Mercurio è reso scuro dai residui di una antica crosta ricca di carbonio sotto forma di grafite
  • 07/03/2016 - La missione “Exomars 2016” con il lander “Schiaparelli” pronta a partire il 14 marzo
Ricerca
  • Le Stelle
    156
  • Nuovo Orione
    290
  • Libri