Astronews a cura di Massimiliano Razzano

Fino al 13/11/2017 a cura di Piero Bianucci, fino al 20/01/2018 a cura di Luigi Bignami

  • 23/07/2018 - IL PREMIO JAVIER GOROSABEL ALLE COLLABORAZIONI PROAM

    IL PREMIO JAVIER GOROSABEL ALLE COLLABORAZIONI PROAM

    IL PREMIO JAVIER GOROSABEL ALLE COLLABORAZIONI PROAM

    In ambito europeo, la Spagna punta tantissimo alle collaborazioni ProAm (tra professionisti e amatori) e già da qualche tempo sono in corso alcuni programmi che vedono affiancati astronomi e astrofili. Per via della pratica ormai consolidata, la Sociedad Española de Astronomía (SEA) ha istituito il Premio Javier Gorosabel de colaboración ProAm in astrofisica, che vuole riconoscere le collaborazioni in corso o che hanno portato a indagini degne di nota.

    Di questo premio, intitolato a Javier Gorosabel (1969-2015), astronomo specializzato in astronomia gamma, nonché astrofilo, si è conclusa recentemente la prima edizione, con la proclamazione dei vincitori, lo scorso 19 luglio. La giuria ha deciso di concedere l'ex-aequo al team guidato da David Martinez-Delgado (Max-Planck-Institut für Astronomie) e al gruppo coordinato da Ricardo Hueso (Università dei Paesi Baschi / EHU).

    Il gruppo di Martinez-Delagado si occupa dello studio delle code mareali conseguenti alla distruzione di galassie satelliti e rilevabili mediante immagini profonde e specifiche elaborazioni. Del team fanno parte: [Am] R. Jay GaBany (USA), Johannes Schedel (Austria), Mark Hanson (USA), Josep Maria Drudis (Spagna), Karel Teuwen (Belgio), Giuseppe Donatiello (Italia), Jordi Gallego (Spagna), Fabian Neyer (Svizzera); [Pro] David Valls-Gabaud (Osservatorio di Parigi); María A. Gómez-Flechoso (Università Complutense di Madrid); Ignacio Trujillo (IAC); Armando Gil de Paz (Università Complutense di Madrid); Julio A. Carballo-Bello (Istituto di Astrofisica, Pontificia Universidad Católica de Chile); Elisa Toloba (University of the Pacific, USA).

    Hueso guida un progetto di sorveglianza sistematica dei pianeti finalizzato alla rilevazione di impatti. Del gruppo fanno parte alcuni astrofili ben noti per le loro immagini planetarie, come: [Am] Marc Delcroix (Societé Astronomique de France), Josep María Gómez-Forrellad (Fundacio Observatorio Esteve Duran), Damian Peach (Regno Unito), Christopher Go (Filippine), Anthony Wesley (Australia), Phil Miles (Australia), Trevor Barry (Australia), Jean-Luc Dauvergne (Francia), Donald Parker (Stati Uniti). Clyde Foster (Sudafrica), Josep Soldevilla e Joaquín Camarena (Spagna); [Pro] Ricardo Hueso (UPV/EHU) Sanchez-Lavega e Agostino (UPV/EHU).

    Il premio conferito ai principal investigator consiste in una riproduzione in bronzo dell’asteroide (6192) Javiergorosabel e soprattutto tempo di osservazione garantito presso tutti i grandi Osservatori spagnoli gestiti dall’Istituto di Astrofisica delle Canarie (IAC), Calar Alto Observatory, Javalambre Astrophysical Observatory, Osservatorio della Sierra Nevada e Montsec Astronomical Parc che hanno sponsorizzato e sostenuto l’iniziativa.

    Giuseppe Donatiello

     

  • 23/07/2018 - Quando le stelle vanno in pausa pranzo
  • 21/07/2018 - L’Universo “quasi perfetto” di Planck
  • 18/07/2018 - UNA DOZZINA DI NUOVE LUNE PER GIOVE
  • 15/07/2018 - Neutrini e raggi gamma, un nuovo capitolo nell’astronomia multimessaggero
  • 12/07/2018 - ESISTONO LE MEZZE STAGIONI SUGLI ESOPIANETI?
  • 12/07/2018 - BOLLE DI MACROMOLECOLE ORGANICHE E SUONI ALIENI DA ENCELADO
  • 12/07/2018 - CINQUE NUOVI AMMASSI GLOBULARI
  • 02/07/2018 - L’identikit di ‘Oumuamua: il visitatore interstellare è una mini-cometa
  • 25/06/2018 - Raggi X tra i banchi di scuola
Ricerca
  • Le Stelle
    191
  • Nuovo Orione
    325
  • Libri