Astro News a cura di Luigi Bignami

Fino al 13/11/2017 a cura di Piero Bianucci

  • 07/08/2017 - Scoperta una correlazione tra campo magnetico del Sole e quantità di ferro nella corona

    Scoperta una correlazione tra campo magnetico del Sole e quantità di ferro nella corona

    Scoperta una correlazione tra campo magnetico del Sole e quantità di ferro nella corona

     

    Fervono gli ultimi preparativi dei fortunati – professionisti e dilettanti – che potranno osservare l’eclisse totale di Sole visibile dagli Stati Uniti il 21 agosto. Sarà una magnifica occasione per ammirare lo spettacolo della corona plasmata dal campo magnetico della nostra stella, e la cosa interessante è che quando il ciclo undecennale del Sole, come accade adesso, entra nella fase di attività minima, la corona diventa asimmetrica e allunga grandi espansioni simili ad “ali” intorno al piano equatoriale (fotografia).

    La fisica della rarefattissima e caldissima atmosfera solare non è ancora ben conosciuta: vale quindi la pena di segnalare il lavoro pubblicato su “Nature Communications” svolto da un gruppo di ricercatori della University College London (UCL), della George Mason University e del Naval Research Laboratory (Usa). Gli autori dello studio si sono avvalsi dei dati della sonda spaziale della Nasa “Solar Dynamics Observatory” (SDO). Nell’analizzarli, si sono accorti che ad un aumento dell’attività magnetica del Sole corrisponde una maggiore quantità di ferro e di altri elementi pesanti nella corona. Una “corona ferrea” che fa venire in mente quella della regina longobarda Teodolinda…

    «La composizione chimica – spiega Deborah Baker dell’UCL – è un importante aspetto per caratterizzare il flusso di massa e di energia nell’atmosfera del Sole e di tutte le altre stelle. Capire come cambi questa composizione, ammesso che cambi, nella materia che fuoriesce dalla superficie del Sole verso la corona è determinante per formulare le nostre ipotesi che spiegano il surriscaldamento e l’attività delle atmosfere stellari».

    Il fatto che la quantità di ferro nella corona sia correlata con le oscillazioni del campo magnetico offre una chiave per capire meglio come mai l’atmosfera solare abbia una temperatura di milioni di gradi mentre la superficie, la fotosfera, non arriva a 6000 Kelvin.

    L’articolo originale:

     

    https://www.nature.com/articles/s41467-017-00328-7

  • 06/08/2017 - Per la prima volta le Perseidi (“lacrime di San Lorenzo”) cadono nella rete di PRISMA
  • 05/08/2017 - “Science”: scoperta una famiglia di asteroidi antichissimi
  • 04/08/2017 - CERN: dall’antimateria potrebbe venire la risposta agli enigmi della vita e dell’universo
  • 03/08/2017 - Questi potrebbero essere i primi “abitanti” di un futuro villaggio lunare
  • 02/08/2017 - Forse gli asteroidi “troiani” di Marte li ha generati un impatto sul pianeta
  • 01/08/2017 - Da oggi l’antenna gravitazionale europea VIRGO raccoglie dati al più alto livello di ...
  • 31/07/2017 - Il Sole perde colpi, forse sta scivolando nella sua “mezza età”
  • 29/07/2017 - Scoperti gli “embrioni” degli ammassi globulari, gli oggetti più antichi dell’universo
  • 28/07/2017 - Paolo Nespoli a 60 anni in orbita per la terza volta con la missione “Vita”
Ricerca
  • Le Stelle
    173
  • Nuovo Orione
    307
  • Libri