Astronews a cura di Massimiliano Razzano

Fino al 13/11/2017 a cura di Piero Bianucci, fino al 20/01/2018 a cura di Luigi Bignami

  • 09/09/2017 - Sette brillamenti solari in tre giorni nelle stesse regioni. Uno è il più grande dell’intero ...

    Sette brillamenti solari in tre giorni nelle stesse regioni. Uno è il più grande dell’intero ciclo

    Sette brillamenti solari in tre giorni nelle stesse regioni. Uno è il più grande dell’intero ciclo

    Le fasi conclusive di questo ventiquattresimo ciclo solare sono insolitamente convulse: nella prima settimana di settembre la fotosfera è stata occupata da tre estesissimi sistemi di macchie più altri minori, e in pochi giorni si sino susseguiti sette brillamenti nella stessa zona attiva, indicata con AR 2673. Uno dei due brillamenti registrati il 6 settembre è stato il più violento che sia stato registrato nell’intero ciclo: alle 12,02 ora di Greenwich ha toccato l’intensità 9,3 in classe X. Il 7 settembre si sono avuti quattro brillamenti. Di questi tre rientrano nella classe M, rispettivamente di M 2,4 – M 1,4 – M 7, e uno di classe X 1,3. Il 7 settembre non ci sono state emissioni di massa coronale verso la Terra. C’è stata invece una “mass ejection” dal brillamento del 6 settembre X 9,3, con arrivo sulla magnetosfera terrestre il giorno 8 settembre. Un vistoso brillamento si era già verificato il 4 settembre.

    «In associazione con il flare X 9,3 – ha detto Mauro Messerotti dell’Osservatorio astronomico di Trieste, senior advisor dell’Inaf per lo Space Wheater – sono state osservate fortissime emissioni radio che hanno interessato varie bande dello spettro radio, aumentando significativamente il rumore nella banda delle onde corte. E’ interessante il fatto che sia stato osservato un burst radio nella banda L, quella utilizzata dai sistemi Gps e da alcune tipologie di radar, di lunga durata e con una intensità molto elevata, che potrebbe aver interferito i sistemi Gps nella sua fase di massimo.

    La fine del ciclo solare in corso è attesa nel 2018-2019 ma di questo passo potrebbe riservare ulteriori sorprese. L’immagine è stata ottenuta dal satellite americano SDO, Solar Dynamics Observatory il 9 settembre 2017.

    Animazione da SDO e altre informazioni:

    https://www.nasa.gov/feature/goddard/2017/active-region-on-sun-continues-to-emits-solar-flares

    http://www.media.inaf.it/wp-content/uploads/2017/09/xnovetre.gif

     

     

     

  • 08/09/2017 - Simulata la “ragnatela cosmica”: fotoni che si trasformano in assioni e poi di nuovo in fotoni
  • 07/09/2017 - Su Giove le aurore polari hanno una “logica” inversa rispetto a quella terrestre
  • 06/09/2017 - Darkmap: ecco la distribuzione di materia ed energia oscure su scala cosmica
  • 05/09/2017 - Osservate sulla superficie della stella Antares due vaste regioni con correnti di gas a 20 km/s
  • 04/09/2017 - L’espansione accelerata dell’universo varia in funzione dell’energia oscura
  • 03/09/2017 - L’asteroide Florence ha 2 lune. Lo dicono i radiotelescopi-radar di Goldstone e Arecibo
  • 02/09/2017 - Il 15 settembre la sonda “Cassini” si tuffa su Saturno sotto il controllo del Sardinia Radio ...
  • 01/09/2017 - I pianeti simili alla Terra di Trappist-1 hanno dell’acqua ma la stanno perdendo
  • 31/08/2017 - Piogge di comete per il passaggio di stelle vicino al Sole. Lo dice il satellite europeo “Gaia”
Ricerca
  • Le Stelle
    175
  • Nuovo Orione
    309
  • Libri