Astro News a cura di Piero Bianucci

  • 12/01/2016 - Ottenuto idrogeno metallico, il principale costituente dei nuclei di Giove e Saturno

    Ottenuto idrogeno metallico, il principale costituente dei nuclei di Giove e Saturno

    Ottenuto idrogeno metallico, il principale costituente dei nuclei di Giove e Saturno

    I chimici chiamano metalli gli elementi che cedono facilmente elettroni, non-metalli quelli che tendono ad acquisirne e semimetalli gli elementi che hanno proprietà intermedie, identificabili anche come semiconduttori (silicio, germanio etc.). Dal punto di vista chimico l’idrogeno è un metallo, anche se noi sentendo la parola idrogeno pensiamo immediatamente a un gas, il più leggero di tutti. In condizioni di pressione altissima però l’idrogeno molecolare si scinde in atomi singoli e acquisisce le sue proprietà metalliche. Sotto questa forma ha uno specifico interesse astronomico perché si ritiene che, intorno a piccoli noccioli rocciosi di silicio e carbonio, pianeti come Giove e Saturno abbiano noccioli di idrogeno metallico e di elio (disegno). Ora per la prima volta, riferisce “Nature” del 6 gennaio, in un laboratorio ci si è avvicinati a ottenere idrogeno metallico. Succede al Centre for Science at Extreme Conditions (CSEC) dell’Università di Edimburgo. I ricercatori hanno compresso molecole di idrogeno in una morsa di diamanti fino a 3,5 atmosfere (tre milioni e mezzo la pressione dell’aria al livello del mare), ottenendo una fase solida ad atomi singoli nella quale gli elettroni diventano mobili. L’idrogeno metallico ottenuto a Edimburgo non è ancora “perfetto” ma ci si avvicina al traguardo. “Il nostro studio – dice l’astrofisico Eugene Gregoryanz dell’Università di Edimburgo – offre la prima prova sperimentale che l’idrogeno può comportarsi come immaginato dai chimici teorici più di ottant’anni fa. Ciò permetterà notevoli progressi nelle scienze planetarie e nella ricerca di base.”

     Il sito del Centre for Science at Extreme Conditions di Edimburgo: https://www.csec.ed.ac.uk/

     

  • 11/01/2016 - Team italiano scopre una “bilancia” per stimare la massa delle stelle negli ammassi globulari
  • 11/01/2016 - Per la prima volta osservato un buco nero in luce visibile: bastava un telescopio da 20 centimetri!
  • 10/01/2016 - Finalmente individuato il cratere scavato sulla Luna dall’ultimo stadio della missione Apollo 16
  • 08/01/2016 - Seconda giovinezza per il satellite “Fermi”: un nuovo software potenzia il suo “sguardo” sui ...
  • 07/01/2016 - Con il 2016 quattro nuovi elementi chimici sono entrati nella Tavola Periodica
  • 06/01/2016 - Proposta nuova tecnica per individuare la materia oscura nelle galassie e nei loro ammassi
  • 06/01/2016 - “Radiografati” nella galassia di Andromeda 40 sistemi binari di stelle di neutroni
  • 03/01/2016 - Lampi radio super-potenti causati da asteroidi che cadono su stelle di neutroni?
  • 02/01/2016 - Telescopio spaziale “James Webb”: a metà strada il montaggio dello specchio principale
Ricerca
  • Le Stelle
    155
  • Nuovo Orione
    289
  • Libri