Astro News a cura di Piero Bianucci

  • 07/06/2017 - L’italiano Michele Mazzucato in testa agli scopritori di supernove di Pan-STARRS

    L’italiano Michele Mazzucato in testa agli scopritori di supernove di Pan-STARRS

    L’italiano Michele Mazzucato in testa agli scopritori di supernove di Pan-STARRS

     

    Un italiano, Michele Mazzucato, è in testa alla classifica dei ricercatori volontari che partecipano al Progetto “Supernova Hunters”, “Cacciatori di supernove”, lanciato nel luglio 2016 e condotto analizzando le immagini riprese con il Paoramic Survey Telescope and Rapid Response System (Pan-STARRS PS1). Mazzuccato non solo occupa il primo posto nella Top Ten internazionale ma è anche il solo ricercatore che abbia superato le mille scoperte. Il telescopio del progetto Pan-STARRS (foto) si trova nell’arcipelago della Hawaii sull’isola Maui presso la cima del vulcano Haleakala. E’ un riflettore dall’apertura di 1,8 metri, con un campo grande quanto la Luna piena che permette di esaminare vaste aree di cielo in tempi relativamente brevi. La mole di dati raccolta è enorme, e solo il lavoro dei volontari permette di identificare gli eventi realmente significativi per la scienza astronomica.

     

    In meno di un anno sono state osservate centinaia di migliaia di triplette fotografiche con oltre due milioni di classificazioni effettuate da circa 4300 volontari sparsi nel mondo. Si sono così individuati numerosi oggetti transienti astronomici quali candidati di supernova, tutti riportati nel Transient Name Server TNS dell’Unione Astronomica Internazionale (IAU) che, dal 1 gennaio 2016, ha sostituito la precedente gestione del Central Bureau for Astronomical Telegrams per questo tipo di eventi. Le conferme spettroscopiche degli oggetti osservati sono prodotte dal Public ESO Spectroscopic Survey of Transient Objects (PESSTO, www.pessto.org) che allo scopo utilizza il New Technology Telescope NTT da 3,58 metri e gli spettrografi EFOSC2 (ottico) e il SOFI (NIR) nell’infrarosso.

     

    Ed ecco la lista dei “cacciatori” più bravi (accanto alla nazionalità, il numero delle scoperte): 1 Michele T. Mazzucato, Italy 1002; 2 Brian L. Goodwin, UK 968; 3 Henryk Krawczyk, Poland 886; 4 José Alberto da Silva Campos, Portugal 590; 5 Meryl Patrice Goulbourne, UK 535; 6 Anna Shiriaeva, Russia 530; 7 Chris Lee, UK 311; 8 Hollis Williams, UK 281; 9 Dean Joseph Simister, UK 205; 10 Elisabeth Baeten, Belgium 177.

     

    Alle spalle di Michele Mazzucato troviamo anche José Campos del duo scopritore della cometa D/1978 R1 Haneda-Campos, il professor Goodwin, biochimico dell’Università di Oxford, e tre ricercatrici (una inglese, una russa e una belga).

     

    Lista completa degli oggetti scoperti dal 2013 comprendente anche le oltre 1000 supernovae individuate dai ricercatori volontari del progetto Supernova Hunters all’indirizzo:

    https://star.pst.qub.ac.uk/ps1threepi/psdb/public_quickview/

  • 06/06/2017 - Prima osservazione in 3D di una stella in formazione: successo del Sardinia Radio Telescope
  • 05/06/2017 - Super-buchi neri primordiali: ecco come si formarono nel primo miliardo di anni dopo il Big Bang
  • 04/06/2017 - Spettroscopi tre volte più efficienti con tecnologia olografica di ideazione italiana
  • 03/06/2017 - L’equivalenza di massa inerziale e gravitazionale verificata per la prima volta a livello ...
  • 02/06/2017 - Onde gravitazionali, seconda puntata: il satellite “Agile” ha visto un segnale X e Gamma
  • 01/06/2017 - Annunciata terza osservazione diretta di onde gravitazionali: basterà per il Nobel?
  • 31/05/2017 - Bolide eccezionale attraversa il cielo di Lombardia ed Emilia: osservato dalla rete PRISMA
  • 31/05/2017 - Foto mossa della Luna: un micrometeorite ha dato una spallata alla sonda LRO
  • 31/05/2017 - Scoperti maser ad acqua in sistemi planetari che distano meno di 20 anni luce da noi
Ricerca
  • Le Stelle
    171
  • Nuovo Orione
    305
  • Libri