Astro News a cura di Piero Bianucci

  • 26/11/2016 - La International Astronomical Union ha ufficializzato i nomi tradizionali di 227 stelle luminose ...

    La International Astronomical Union ha ufficializzato i nomi tradizionali di 227 stelle luminose

    La International Astronomical Union ha ufficializzato i nomi tradizionali di 227 stelle luminose

     

    Ci sono regole stabilite da una apposita Commissione dell’Unione Astronomica Internazionale (IAU) per battezzare comete, asteroidi, nuovi satelliti, formazioni geologiche di Mercurio, Venere, Marte e pianeti nani. L’anagrafe degli esopianeti è ai primi passi. Le 88 costellazioni ufficiali sono fissate dal 1922: fu uno dei primi compiti svolti dalla IAU. Ma per le stelle fino a pochi mesi fa c’era soltanto una tradizione consolidata, in qualche caso da millenni, in altri da secoli. Solo 14 stelle potevano vantare una identità unanimemente riconosciuta. Ora invece 227 stelle hanno un nome ufficiale. E’ frutto di un apposito gruppo di lavoro della IAU, il Working Group on Star Names (Wgsn) insediato nel maggio scorso con l’incarico dimettere ordine tra doppioni, grafie diverse, omonimie e altre ambiguità. Tra le conferme più in evidenza, Polaris (la popolare Stella Polare), Vega, Rigel, Proxima Centauri, Sirius, Betelgeuse.

    “In realtà – spiega Piero Benvenuti dell’Università di Padova, primo italiano a ricoprire l’incarico di segretario generale IAU – il Gruppo di lavoro non ha inventato nomi nuovi. Finora semplicemente sono stati ufficializzati quei nomi che da tempo immemorabile astronomi di varie tradizioni e civiltà avevano assegnato alle stelle più luminose.”

    Di solito gli astronomi non chiamano con il loro nome neppure le stelle più luminose e celebri, e spesso neppure le riconoscono in cielo. I professionisti lavorano talvolta con le lettere identificatrici dell’alfabeto greco introdotte da Bayer e più spesso con le coordinate celesti e i vari cataloghi che raccolgono milioni di stelle, più di un miliardo nel caso del catalogo che sta creando la missione “Gaia”. Però una convenzione per le stelle storicamente note era pur necessaria. E chissà che questa iniziativa non riesca finalmente ad aprire gli occhi agli ingenui che “comprano” nomi di stelle da spregiudicati imbroglioni.

    La lista delle 227 stelle ufficialmente iscritte all’anagrafe IAU si trova a questo indirizzo:

    https://www.iau.org/public/themes/naming_stars/

    International Astronomical Union | IAU

    www.iau.org

     

     

     

     

  • 24/11/2016 - Eccezionale foto di gruppo: ecco i 4 satelliti “Galileo” che stanno per dare vita al “GPS ...
  • 22/11/2016 - Test di curvatura per lo specchio del “Webb Space Telescope”. Lancio nell’ottobre 2018?
  • 21/11/2016 - Il “Beagle 2” nel 2003 scese bene su Marte ma un pannello solare bloccò l’antenna
  • 20/11/2016 - Le leggi dell’elettromagnetismo sono le stesse in tutto l’universo da almeno 8 miliardi di anni
  • 19/11/2016 - L’INAF (Istituto nazionale di astrofisica), secondo al mondo per produzione scientifica
  • 18/11/2016 - Scoperto per la prima volta “ghiaccio secco” su una cometa (la “Churyumov Gerasimenko”)
  • 17/11/2016 - Lancio record: altri 4 satelliti “Galileo” in orbita con “Ariane 5”. GPS europeo quasi ...
  • 17/11/2016 - Settimana del Meteo Spaziale: l’ESA “personalizza” i servizi di sorveglianza ...
  • 16/11/2016 - All’inizio di dicembre l’Unione Europea decide il suo futuro nello spazio: in gioco 11 ...
Ricerca
  • Le Stelle
    164
  • Nuovo Orione
    298
  • Libri