Astro News a cura di Piero Bianucci

  • 10/05/2017 - Scoperta: il Sole disperde nello spazio masse di plasma invisibili con un meccanismo “lento”

    Scoperta: il Sole disperde nello spazio masse di plasma invisibili con un meccanismo “lento”

    Scoperta: il Sole disperde nello spazio masse di plasma invisibili con un meccanismo  “lento”

    Una ricerca sviluppata da un gruppo di ricercatori dell’Università della California a Berkeley ha individuato nel Sole un nuovo tipo di emissione di masse di plasma. Si tratta di materia coronale espulsa in modo non visibile sotto la spinta dei campi magnetici solari “aggrovigliati” a causa della diversa velocità di rotazione della nostra stella a diverse latitudini, velocità che risulta via via minore a mano a mano che ci si allontana dall’equatore verso i poli. Il lavoro è pubblicato sul “Journal of Geophysical Research”.

    Il modello teorico delle “espulsioni invisibili” è stato elaborato a partire dalla grande mole di osservazioni e di dati raccolti nel corso delle missioni “Stereo” e “Soho”. La rotazione differenziale del Sole distorce lentamente ma inesorabilmente le linee del campo magnetico solare, fino ad una liberazione di energia che veicola nello spazio plasma coronale. Queste emissioni finora ignorate avvengono a velocità assai inferiore rispetto alle grandi “mass ejection” ben note, di solito connesse a grandi brillamenti (flare) e allo scatenarsi di potentissimi campi magnetici. Mentre la velocità del plasma delle “mass ejecton” classiche può raggiungere i 2000 chilometri al secondo, le “mass ejection” invisibili avvengono a velocità tra i 400 e i 700 chilometri al secondo, che è anche la velocità tipica del “vento solare”. Poiché la velocità di fuga del Sole è di 617 chilometri al secondo, è possibile che parte del plasma si disperda nello spazio (vedi foto qui accanto). In ogni caso, anche le espulsioni invisibili perturbano profondamente il campo magnetico della Terra.

    Le simulazioni suggeriscono che due settimane siano sufficienti perché la rotazione differenziale della nostra stella formi anelli di campo magnetico carichi di energia. Quando la tensione supera certi limiti, l’anello magnetico si stacca dal Sole trascinando con sé il plasma intrappolato nel campo magnetico.

    Altre informazioni:

    http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/2016JA023432/full

  • 09/05/2017 - Il 12 giugno occhi puntati sulla cometa “Johnson C/2015 V2”. Passerà vicino ad Arturo
  • 08/05/2017 - Nuovi dati sulla fascia di asteroidi che circonda la stella Epsilon Eridani
  • 07/05/2017 - Costruiti mattoni con materiale lunare e stampante 3D. Servirà per colonie sulla Luna
  • 06/05/2017 - Radioattività nello spazio e sulla Terra: meeting il 3 giugno in Val di Zoldo (Belluno)
  • 04/05/2017 - Qui in diretta streaming il 50° Congresso dell’Unione Astrofili Italiani (Frosinone, 5-7 maggio)
  • 03/05/2017 - Meteore sotto controllo sistematico in Italia e in Europa: “Prisma Day” a Firenze il 16 maggio
  • 02/05/2017 - Microlente gravitazionale svela pianeta di tipo terrestre ma gelido a 13 mila anni luce da noi
  • 01/05/2017 - “Cassini” domani 2 maggio si tuffa per la seconda volta tra Saturno e il suo anello più ...
  • 29/04/2017 - Nata per le onde gravitazionali, LISA Pathfinder va anche a caccia di polveri interplanetarie
Ricerca
  • Le Stelle
    170
  • Nuovo Orione
    304
  • Libri