Astro News a cura di Luigi Bignami

Fino al 13/11/2017 a cura di Piero Bianucci

  • 06/07/2017 - Editoriale di 'Nature': mezzo secolo fa Jocelyn Bell scopriva la prima pulsar. Il Nobel a Hewish

    Editoriale di 'Nature': mezzo secolo fa Jocelyn Bell scopriva la prima pulsar. Il Nobel a Hewish

    Editoriale di 'Nature': mezzo secolo fa Jocelyn Bell scopriva la prima pulsar. Il Nobel a Hewish

    Era il luglio del 1967: siamo a mezzo secolo esatto dalla scoperta della prima pulsar, cioè la prima stella di neutroni, capostipite di una nuova classe di oggetti ultra-densi dalle caratteristiche fisiche estreme. Lo ricorda l’editoriale di “Nature” del 6 luglio, osservando che cinquant'anni dopo molti aspetti delle stelle di neutroni rimangono da chiarire. La scoperta del segnale della prima pulsar si deve a Jocelyn Bell, dottoranda a Cambridge che stava lavorando per la tesi con un nuovo radiotelescopio da lei stessa costruito. Il primo annuncio ufficiale comparve su “Nature” il 24 febbraio 1968 con la prima firma di Anthony Hewish, cattedratico a Cambridge che seguiva la tesi di Jocelyn Bell, premiato con il Nobel per la fisica nel 1974 (la Bell fu ignorata). Lo scienziato austriaco Thomas Gold aveva ipotizzato l’esistenza delle stelle di neutroni già negli Anni 30 del secolo scorso. Al primo modello di questi oggetti contribuì l’astrofisico italiano Franco Pacini dell’Osservatorio di Arcetri (Firenze).

    Jocelyn Bell riconobbe un enigmatico regolarissimo segnale radio analizzando per un anno 29 metri di tracciato su strisce di carta al giorno. Il segnale pulsato si ripeteva ogni 1,3 secondi. Sembravano segnali artificiali di origine extraterrestre e all’inizio scherzosamente si ipotizzò che arrivassero da “omini verdi”. Seguirono altre tre scoperte simili. Oggi si conoscono circa duemila pulsar, alcune con un periodo di rotazione di pochi millesimi di secondo.

    Le pulsar possono avere campi magnetici 20mila miliardi di volte più intensi del campo terrestre e la loro superficie può ruotare a 70 mila chilometri al secondo. Nel 1974 Hulse e Taylor scoprirono una prova indiretta dell’esistenza delle onde gravitazionali studiando una pulsar binaria: anche loro ricevettero il Nobel per la fisica. Nel 1992 rigorose misure delle pulsazioni di PSR1257+12 rivelarono il primo esopianeta, tre anni prima delle osservazioni di Michel Mayor e Didiez Quéloz.

    Nella foto: Jocelyn Bell con il suo professore Anthony Hewish in una fotografia scattata nel 1967 poco dopo la scoperta della prima pulsar.

    Altre informazioni nello storico articolo su “Nature” del 24 febbraio 1968:
    https://www.nature.com/nature/journal/v217/n5130/abs/217709a0.html

  • 05/07/2017 - A Venezia con Kip Thorne prove generali di Nobel per la Fisica alle onde gravitazionali
  • 04/07/2017 - Dove sono i buchi neri di massa intermedia? Semplice: non ce ne sono più
  • 03/07/2017 - Esiste una quinta dimensione? Le onde gravitazionali nel 2019 potranno darci la risposta
  • 02/07/2017 - Felice esordio della Cina nell’astrofisica in raggi X con il satellite “Huiyan” (Intuizione)
  • 01/07/2017 - Addio a Enzo Bertolini, pioniere della fusione nucleare, già direttore dell’Osservatorio Valle ...
  • 30/06/2017 - L’abbraccio di due galassie visto con tre telescopi spaziali. È l’oggetto 299 del Catalogo di ...
  • 29/06/2017 - La missione Nasa IXPE studierà pulsar e quasar in raggi X polarizzati: italiani i rivelatori
  • 28/06/2017 - Due stelle fuggono dal centro della Via Lattea “frustate” dalla gravità del buco nero ...
  • 27/06/2017 - Era un mini-asteroide di mezzo metro di diametro l’oggetto esploso sul Nord-Italia il 30 maggio
Ricerca
  • Le Stelle
    172
  • Nuovo Orione
    306
  • Libri