Astronews a cura di Massimiliano Razzano

Fino al 13/11/2017 a cura di Piero Bianucci, fino al 20/01/2018 a cura di Luigi Bignami

  • 02/02/2018 - I buchi neri e il destino dell'Universo

    I buchi neri e il destino dell'Universo

    I buchi neri e il destino dell'Universo

    Si nascondono al centro delle galassie e hanno un ruolo di primo piano nello sviluppo delle galassie. E' questo il profilo dei buchi neri emerso da un nuovo lavoro sviluppato fra Europa e Stati Uniti e basato su una simulazione al computer senza precedenti. Grazie ai 24 mila processori del supercomputer Hazen Hen, il più veloce della Germania, un team di astronomi ha simulato l'evoluzione di buchi neri e galassie nell'Universo, riuscendo a riprodurre la formazione delle galassie e delle stelle nel corso dell'evoluzione cosmica. ll lavoro, descritto in tre articoli su “Monthly Notices of the Royal Astronomical Society”, ci permette di capire meglio alcune questioni aperte nella formazione ed evoluzione delle strutture nel cosmo.

    La simulazione , chiamata “Illustris TNG” ha richiesto due mesi di calcoli e ha prodotto oltre 500 terabyte di dati, che richiederanno mesi per essere analizzati, permettono di far luce su fenomeni complessi, fra cui la formazione degli elementi chimici, la nascita dei campi magnetici e la distribuzione di materia oscura nelle galassie. In particolare, dalle simulazioni emerge il ruolo chiave dei buchi neri supermassicci, che possono avere masse di milioni o miliardi di masse solari, nei processi di formazione stellare nelle galassie. “L’unica entità fisica capace di spegnere la formazione stellare nelle grandi galassie ellittiche sono i buchi neri al loro centro”, spiega Dylan Nelson dell’Istituto Max Planck per l’Astrofisica di Garching, presso Monaco di Baviera, che ha coordinato uno dei lavori “I flussi ultraveloci di queste trappole gravitazionali raggiungono velocità pari al 10 per cento della velocità della luce e influenzano questi sistemi stellari giganti che sono miliardi di volte più grandi del buco nero stesso”.

    Altre informazioni

     

    Nell’immagine: Istantanea di una porzione di simulazione (Illustris TNG)

     

  • 01/02/2018 - La Via Lattea alla radio, come non l’abbiamo mai vista
  • 31/01/2018 - Europa ed Encelado sono più “morbidi” del previsto
  • 29/01/2018 - Apre gli occhi ExTrA, il nuovo “cacciatore” di pianeti extrasolari
  • 26/01/2018 - Guardiamo in faccia le stelle giganti
  • 24/01/2018 - LISA, nuovo passo in avanti per il l’osservatorio spaziale di onde gravitazionali
  • 23/01/2018 - Lo strano pianeta dove i venti soffiano al contrario
  • 18/01/2018 - Tra “bastoni” e suoli grigiastri continua l’avventura di Curiosity
  • 13/01/2018 - Gli spuntini e i rigurgiti di un buco nero
  • 12/01/2018 - I grandi ghiacciai sepolti su Marte ora hanno un volto
Ricerca
  • Le Stelle
    188
  • Nuovo Orione
    322
  • Libri