Astro News a cura di Piero Bianucci

  • 08/02/2017 - E’ morto Neil Geherls, astrofisico dei raggi gamma al Goddard Space Center della Nasa

    E’ morto Neil Geherls, astrofisico dei raggi gamma al Goddard Space Center della Nasa

    E’ morto Neil Geherls, astrofisico dei raggi gamma al Goddard Space Center della Nasa

     

    Il 6 febbraio è morto Neil Gehrels (foto), uno degli astrofisici più noti al mondo, studioso del cielo nei raggi gamma, direttore del Laboratorio di fisica delle astroparticelle al Goddard Space Flight Center della Nasa. Aveva 64 anni, essendo nato il 3 ottobre 1952. Originario del Wisconsin, si era formato all’Università di Tucson in Arizona e aveva lavorato al California Institute of Technology per poi approdare al “Goddard” nel 1982. Autore di oltre 600 pubblicazioni scientifiche, era anche professore di astrofisica all’Università del Maryland.

    Geherls ha lavorato con vari satelliti per l’osservazione del cielo nei raggi gamma, in particolare con Swift e “Fermi”, dando importanti contributi alla comprensione dei “lampi gamma” e scoprendo due categorie di galassie con nuclei attivi nella banda di queste radiazioni elettromagnetiche ad altissima energia. Supernove, onde gravitazionali, coalescenza di stelle e oggetti compatti erano tra i suoi maggiori interessi scientifici. Con palloni stratosferici fece ricerche sulla supernova 1987A esplosa trent’anni fa nella Grande Nube di Magellano.

    «Ho conosciuto e iniziato a collaborare con Neil Gherels negli anni 90 quando sono stato coinvolto nel team che ha proposto alla Nasa, all’Asi e al Particle Physics and Astronomy Research Council la missione Swift, di cui fu il principal investigator – dice Gianpiero Tagliaferri, direttore dell’Osservatorio Astronomico di Brera – Neil era già stato il PI del satellite Compton Gamma Ray Observatory, un progetto della Nasa di grande successo. Aveva la capacità di esercitare la sua leadership in modo semplice ma efficace, garantendo una unità di intenti nella collaborazione internazionale che ha creato e gestisce “Swift” in modo fantastico, portandoci ad ottenere i successi che tutti conosciamo e di cui gli riconosciamo gran merito».

    Altre informazioni:

    http://www.media.inaf.it/2017/02/07/scomparsa-neil-gehrels/

     

    Addio a Neil Gehrels

    www.media.inaf.it

    Ci ha lasciati lunedì 6 febbraio, a 64 anni, Neil Gehrels, uno fra gli scienziati più apprezzati al mondo nel campo dell’astrofisica delle alte energie. «Neil era diventato un vero amico, per me come per tanti altri colleghi italiani c

  • 07/02/2017 - ExoMars TGO sta raggiungendo l’orbita finale intorno a Marte: pieno successo della manovra
  • 07/02/2017 - Astronomia e post-verità: “Nature” interviene sul “caso esopianeti”. Questione di ...
  • 06/02/2017 - Frenata interstellare per eventuali sonde dirette a Proxima Centauri: ecco come fare
  • 05/02/2017 - Accordo tra l’ESO e il miliardario Milner per cercare pianeti nel sistema di Alpha Centauri
  • 05/02/2017 - Gli astrofili di Faenza ricordano il “loro” astronomo G.B. Lacchini a 50 anni dalla scomparsa
  • 04/02/2017 - Scoperto intorno alla Via Lattea un alone di materia oscura: sono “neutrini sterili”?
  • 03/02/2017 - La dinamica della calotta glaciale nord di Marte svelata da “Mars Express”
  • 02/02/2017 - Il satellite cinese MICIUS sperimenta la crittografia quantistica nello spazio
  • 01/02/2017 - L’esperimento LUNA risolve l’enigma della scarsità di ossigeno-17 nelle polveri cosmiche
Ricerca
  • Le Stelle
    167
  • Nuovo Orione
    301
  • Libri