Astronews a cura di Massimiliano Razzano

Fino al 13/11/2017 a cura di Piero Bianucci, fino al 20/01/2018 a cura di Luigi Bignami

  • 19/10/2017 - Una stella simile al Sole ha divorato pianeti rocciosi per una massa pari a 15 Terre

    Una stella simile al Sole ha divorato pianeti rocciosi per una massa pari a 15 Terre

    Una stella simile al Sole ha divorato pianeti rocciosi per una massa pari a 15 Terre

    La stella Kronos (per gli astronomi HD 240430), compagna della stella Krios (HD 240429) ha divorato i suoi pianeti rocciosi abbuffandosi con una massa complessiva pari a una quindicina di Terre. Questo sistema binario (foto), il cui periodo orbitale è di circa diecimila anni, si trova ad appena 350 anni luce da noi ma finora era passato quasi inosservato. Poiché il mitologico dio Kronos divorava i suoi figli, il nome di questa stella è quanto mai appropriato.

    La prova dell’orrendo pasto è venuta dall’analisi spettrale della luce di questa stella crudele: una quantità insolitamente elevata di metalli (elementi pesanti tipici delle rocce: magnesio, silicio, alluminio, ferro, cromo e ittrio) nella sua fotosfera non lascia dubbi. A guidare la ricerca è stata Semyeong Oh, della Princeton University: il confronto con l’atmosfera stellare del tutto “normale” della compagna Krios, affermano gli scienziati del team, fornisce la prova del nove del “pasto”. Le due stelle sono di tipo solare e hanno un’età di circa 4 miliardi di anni. Se il Sole si fosse comportato così, la vita non sarebbe mai comparsa, il nostro pianeta sarebbe stato fagocitato prima di poterla far evolvere.

    Il sistema Kronos-Krios è stato studiato con l’ausilio del satellite astrometrico europeo “Gaia”: distanza e direzione del moto erano identiche, è così che si è scoperto che si tratta di una stella doppia. I telescopi in funzione alle isole Hawaii all’Osservatorio di Mauna Kea hanno permesso una accurata analisi spettroscopica. Ciò ha messo in evidenza la profonda diversità chimica di queste due stelle per altri aspetti gemelle.

    L’anteprima dell’articolo scientifico:

    https://arxiv.org/abs/1709.05344

     

     

  • 18/10/2017 - Primi dati scientifici del radiotelescopio cinese da 500 metri: captate due pulsar
  • 17/10/2017 - Il 23 ottobre si inaugura CUORE, esperimento per Majorana nei Laboratori Gran Sasso
  • 16/10/2017 - CLAMOROSO: nata l’astronomia multimessaggio (gravitazionale e intero spettro elettromagnetico)
  • 15/10/2017 - Record: la Panstarrs C/2017 K2 è la più lontana cometa attiva mai osservata
  • 14/10/2017 - Un asteroide intitolato all’astronauta Luca Parmitano
  • 13/10/2017 - Per 70 milioni di anni la Luna ebbe un’atmosfera generata da eruzioni vulcaniche
  • 12/10/2017 - Scoperta: Haumea, pianeta nano transenettuniano, è un Saturno in miniatura
  • 11/10/2017 - I protoni sono più leggeri di quanto si credeva. Lo dice l'ultima misura di estrema precisione
  • 09/10/2017 - In una valle delle Alpi Francesi test per il primo rivoluzionario “ipertelescopio”
Ricerca
  • Le Stelle
    182
  • Nuovo Orione
    316
  • Libri