Astronews a cura di Massimiliano Razzano

Fino al 13/11/2017 a cura di Piero Bianucci, fino al 20/01/2018 a cura di Luigi Bignami

  • 31/07/2017 - Il Sole perde colpi, forse sta scivolando nella sua “mezza età”

    Il Sole perde colpi, forse sta scivolando nella sua “mezza età”

    Il Sole perde colpi, forse sta scivolando nella sua “mezza età”

     

    Forse il Sole sta scivolando davvero nella sua “mezza età”, alla quale come nel caso della mezza età umana, corrisponde un abbassamento dell’esuberanza e del vigore. E’ la conclusione a cui sono arrivati Rachel Howe delle università di Birmingham (Regno Unito) e di Aahrhaus (Danimarca) e collaboratori in un articolo pubblicato sulla rivista “Monhly Notices” della Royal Astronomical Society. Lo studio si fonda sulla constatazione che qualcosa è cambiato in modo piuttosto evidente 23 anni fa nella proliferazione delle macchie solari, in corrispondenza di un abbassamento del campo magnetico globale della nostra stella. Di qui gli ultimi due cicli di attività nettamente deboli, con lunghi periodi nei quali la fotosfera è apparsa del tutto priva di macchie.

    L’interno del Sole pulsa ritmicamente un po’ come il nostro cuore. Il periodo più evidente di circa cinque minuti, ma ci sono molti periodi che si sovrappongono e che risuonano tra loro (figura). Si tratta di oscillazioni della pressione del tutto simili a onde acustiche, ma non udibili dal nostro orecchio perché di bassissima frequenza. Raccogliendo dati per 29 anni, Rachel Howe e colleghi hanno notato un cambiamento di frequenza nei quattro anni tra il 1988 e il 1992. Ciò dovrebbe corrispondere a una modifica strutturale avvenuta negli strati esterni del Sole. La mutazione è avvenuta in particolare per le onde a frequenza relativamente più alta. L’indebolimento del campo magnetico e la scarsa frequenza di macchie ne sarebbero la conseguenza. Questi alti e bassi (un altro minimo prolungato, di 70 anni, fu registrato nel diciassettesimo secolo, dal 1645 al 1715) sarebbero caratteristici della mezz’età di stelle come il Sole, la cui formazione risale a 4,6 miliardi di anni fa, con una aspettativa di vita di circa 10 miliardi di anni.

    L’articolo originale:

    https://arxiv.org/abs/1705.09099

     

     

  • 29/07/2017 - Scoperti gli “embrioni” degli ammassi globulari, gli oggetti più antichi dell’universo
  • 28/07/2017 - Paolo Nespoli a 60 anni in orbita per la terza volta con la missione “Vita”
  • 26/07/2017 - Sulla Stazione Spaziale sperimentazione simultanea dei sistemi di navigazione GPS e “Galileo”
  • 25/07/2017 - Simulato l’universo per preparare la missione “Euclid” dedicata al “cosmo oscuro”
  • 24/07/2017 - Si alza il velo di mistero che copriva il moto delle nubi nell’emisfero buio di Venere
  • 23/07/2017 - Nel 2018-19 diventerà operativa l’antenna gravitazionale giapponese KAGRA. L’India insegue
  • 22/07/2017 - Premio “Enrico Fermi” a tre esploratori della fisica del neutrino: Bellini, Berezinsky e ...
  • 21/07/2017 - Un altro passo verso SKA, il colossale radiotelescopio da un chilometro quadrato
  • 20/07/2017 - Galassia iper-attiva ingrandita 11 volte grazie a una lente gravitazionale
Ricerca
  • Le Stelle
    175
  • Nuovo Orione
    309
  • Libri