Astronews a cura di Massimiliano Razzano

Fino al 13/11/2017 a cura di Piero Bianucci, fino al 20/01/2018 a cura di Luigi Bignami

  • 27/10/2017 - I “coriandoli” del Sole: i protoni di una tempesta magnetica visti da “Gaia”

    I “coriandoli” del Sole: i protoni di una tempesta magnetica visti da “Gaia”

    I “coriandoli” del Sole: i protoni di una tempesta magnetica visti da “Gaia”

    Questi sono i “coriandoli” che il Sole sparge nello spazio interplanetario quando la fotosfera e la corona sono agitate da tempeste magnetiche. Si tratta, in realtà, di protoni del vento solare. Un singolo protone particolarmente carico di energia attraversa tutta l’immagine, che è stata ripresa (involontariamente...) dal satellite astrometrico europeo “Gaia”, in orbita a 1,5 milioni di chilometri dalla Terra in un Punto di Lagrange.

    Lo strumento che ha registrato questa “nevicata” di protoni (nuclei di idrogeno) è GWFS, il “Gaia’s Wave Font Sensor”, una camera fotografica secondaria, interna alla camera principale che ha il compito di riprendere le stelle inquadrate dal telescopio del satellite. Lo scopo di “Gaia” è quello di misurare con precisione corso della missione, iniziata nel 2013 e tuttora in corso. Le particelle cariche ovviamente estrema posizione e moto proprio di un miliardo di stelle della nostra galassia, la Via Lattea. Ognuna di queste stelle viene osservata 70 volta nel disturbano i pixel della grande camera CCD di “Gaia”.

    Normalmente i protoni sono soltanto un paio per immagine acquisita, e a bassa energia. Ma il 10 settembre scorso c’è stata una tempesta solare di grande intensità e il flusso di protoni emessi ad alta energia dalla nostra stella ha raggiunto il picco intorno alla mezzanotte dell’11 settembre investendo la Terra e il suo corteo di satelliti artificiali. Per fortuna non ci sono stati danni all’elettronica di “Gaia”. Il fenomeno è stato registrato in modo “mirato” e non casuale dal satellite della Nasa “Goes”, progettato apposta per tenere sotto controllo il vento solare e fornire previsioni del “tempo spaziale” a protezione degli astronauti e dei satelliti in orbita geostazionaria.

    Alte informazioni:

    http://www.esa.int/spaceinimages/Images/2017/10/Cloudy_with_a_chance_of_protons

     

     

  • 26/10/2017 - Crateri da impatto di Marte: simulati milioni di anni di evoluzione geologica
  • 25/10/2017 - Il “chiaro di luna” calibrerà le foto riprese dai satelliti in modo più preciso?
  • 24/10/2017 - Origine della vita: fu essenziale il contributo delle meteoriti al “brodo primordiale”
  • 23/10/2017 - “Sentinel 5B” funziona perfettamente. Sorveglierà i gas inquinanti nell’atmosfera terrestre
  • 22/10/2017 - Aborigeni australiani notarono variazioni di luminosità in Aldebaran, Antares e Betelgeuse
  • 21/10/2017 - Con il 2018 si concluderà la missione “Dawn” della Nasa intorno al pianeta nano Cerere
  • 20/10/2017 - Il 30 ottobre esordisce a Roma SWERTO, banca dati del servizio “meteo spaziale”
  • 19/10/2017 - Una stella simile al Sole ha divorato pianeti rocciosi per una massa pari a 15 Terre
  • 18/10/2017 - Primi dati scientifici del radiotelescopio cinese da 500 metri: captate due pulsar
Ricerca
  • Le Stelle
    184
  • Nuovo Orione
    318
  • Libri