Astronews a cura di Massimiliano Razzano

Fino al 13/11/2017 a cura di Piero Bianucci, fino al 20/01/2018 a cura di Luigi Bignami

  • 05/10/2017 - Scoperta al telescopio “Galileo” una pulsar millisecondo che lampeggia anche nel visibile

    Scoperta al telescopio “Galileo” una pulsar millisecondo che lampeggia anche nel visibile

    Scoperta al telescopio “Galileo” una pulsar millisecondo che lampeggia anche nel visibile

    Una pulsar molto speciale è stata scoperta con il telescopio nazionale italiano “Galileo” in funzione alle isole Canarie: oltre a variare rapidamente – 590 volte al secondo – in raggi X, varia periodicamente anche in luce visibile. Un comportamento pressoché inedito. Il lavoro è pubblicato su “Nature Astronomy”.

    Gli impulsi gamma, X e in banda radio delle pulsar (stelle di neutroni) sono dovuti all’accelerazione ad altissime energie di fasci di elettroni, ben orientati nello spazio come potenti fari cosmici. Nelle pulsar più veloci, gli impulsi sono fino a un migliaio al secondo. Le pulsar con un disco di accrescimento hanno però comportamenti peculiari, e questo è il caso studiato al telescopio “Galileo” (disegno). Le pulsar millisecondo dette “transizionali” alternano in poche settimane fasi a raggi X e fasi in banda radio alimentate dal campo magnetico. Per spiegare questo fenomeno un team guidato da Filippo Ambrosino dell'INAF - IAPS di Roma e da Alessandro Papitto ha utilizzato il fotometro SiFAP (Silicon Fast Astronomical Photometer), uno strumento in grado di misurare l'arrivo dei singoli fotoni di luce visibile con una accuratezza di 25 nanosecondi, cioè la quarantamilionesima parte di un secondo. 'Le osservazioni con SiFAP di PSR J1023+0038, appunto una pulsar millisecondo transizionale – dicono Ambrosino e Papitto – in un periodo durante il quale possedeva un disco di accrescimento, ci hanno permesso per la prima volta di registrare un segnale pulsato nella luce visibile emessa da quell'oggetto celeste. Un comportamento da radio pulsar, insomma, pure in presenza di un disco di accrescimento'.

    Altre informazioni:

     

    http://www.nature.com/natastron/

  • 05/10/2017 - “Gaia” aiuta studi sull'atmosfera di Tritone (satellite di Nettuno) occultato il 5 ottobre da ...
  • 04/10/2017 - L'Astrario di Dondi a Pavia fino al 23 dicembre nel castello dove nacque verso il 1350
  • 03/10/2017 - Nobel 2017 alle onde gravitazionali: trionfano Kip Thorne, Rainer Weiss e Barry Barish
  • 01/10/2017 - Il radiotelescopio VLA traccerà in 7 anni la più completa mappa del cielo a 2 e 4 Gigahertz
  • 30/09/2017 - Il radiotelescopio di Arecibo danneggiato (ma non troppo) dall’uragano Maria
  • 29/09/2017 - Sorpresa: l’ultima cartolina di “Rosetta” dalla cometa un attimo prima dello schianto
  • 27/09/2017 - Tripla rivelazione di onda gravitazionale: è il trionfo di Virgo-Ligo e della nuova astrofisica
  • 26/09/2017 - Trovato sulla Luna dopo più di 10 anni il sito di impatto della sonda “Smart-1”
  • 25/09/2017 - Mezzo litro di acqua in ogni tonnellata di polvere lunare: i dati di “Chandrayaan-1'
Ricerca
  • Le Stelle
    184
  • Nuovo Orione
    318
  • Libri