Astro News a cura di Piero Bianucci

  • 19/03/2017 - L’enigma di un super-Giove lontanissimo dal disco protoplanetario della sua giovane stella

    L’enigma di un super-Giove lontanissimo dal disco protoplanetario della sua giovane stella

    L’enigma di un super-Giove lontanissimo dal disco protoplanetario della sua giovane stella

     

    La varietà dei sistemi planetari di altre stelle è sorprendente ed è un ulteriore monito a non essere provinciali quando cerchiamo di immaginare come possa essere fatto l’universo. Una versione “giovanile” e su grandissima scala del nostro sistema solare è appena stata descritta su “The Astrophysical Journal Letters”. La stella di questo sistema è HD 1069006. Intorno ad essa c’è un ampio disco protoplanetario fatto di polveri, gas e piccoli detriti. Molto al d là del disco, che ha una forma insolitamente ellittica, orbita un pianeta colossale, un Giove undici volte più grande di Giove, cioè con un diametro paragonabile a quello del Sole. L’orbita del super-Giove si trova a 650 unità astronomiche dalla stella, cioè 22 volte la distanza tra Nettuno, il più remoto dei pianeti, e il nostro Sole. L’anno di quel pianeta dura 1500 anni terrestri.

    I planetologi stanno ora cercando di capire come questa situazione si sia verificata. La stella HD 1069006 è giovanissima, ha soltanto 13 milioni di anni (contro i 4,5 miliardi di anni del Sole). Nel suo disco protoplanetario nasceranno quindi parecchi pianeti via via che le polveri e i gas si aggregheranno. Ma come si è formato quel super-Giove così lontano?

    Una ipotesi già avanzata tre anni fa è che una perturbazione gravitazionale lo abbia allontanato dal disco protoplanetaio. Ma gli autori del lavoro uscito su “The Astrophysical Journal Letters”, tra i quali c’è Smadar Naoz della University of California, dissentono. Servendosi di un algoritmo chiamato Smack (Superparticle-Method Algorithm for Collision in Kuiper belts and debrits disks) hanno simulato al computer la formazione di quel sistema planetario (disegno) e hanno concluso che il super pianeta è nato in effetti alla grande distanza di 650 unità astronomiche dalla sua stella. Quello di Hd 1069006, in definitiva, si dimostra un interessante caso di studio per capire come possa svilupparsi un super-pianeta lontano dal suo disco protoplanetario.

    Altre informazioni:

    http://iopscience.iop.org/article/10.3847/2041-8213/aa61a7

    https://arxiv.org/abs/1702.06578

     

     

  • 18/03/2017 - Tre studenti napoletani primi su 3400 candidati per un progetto del Lunar X Prize
  • 17/03/2017 - La teoria “It from Qubit”: lo spazio-tempo è un insieme di informazioni quantistiche correlate
  • 16/03/2017 - Svelato il volto di Pan, piccola luna di Saturno scoperta nel 1990. Sembra un disco volante
  • 15/03/2017 - Meteore sotto controllo: inaugurata a Napoli la prima camera “all sky” del Sud d’Italia
  • 14/03/2017 - La rotazione delle stelle più vecchie racconta la storia dell’universo primordiale
  • 13/03/2017 - La sonda euro-russa TGO invia immagini stereo. Da un anno è in orbita intorno a Marte
  • 13/03/2017 - Polveri cosmiche belle come pietre preziose: ne scrive il “New York Times”
  • 11/03/2017 - Il tempo diventa “sfocato” per effetto dell’”entenglement gravitazionale”
  • 10/03/2017 - Missione JUNO nell’alta atmosfera e nel campo magnetico di Giove: meglio non rischiare
Ricerca
  • Le Stelle
    170
  • Nuovo Orione
    304
  • Libri