Astro News a cura di Piero Bianucci

  • 08/12/2015 - Scoperta la galassia ancestrale: si chiama Tanya e genera stelle a ritmo velocissimo (10 volte ...

    Scoperta la galassia ancestrale: si chiama Tanya e genera stelle a ritmo velocissimo (10 volte quello attuale)

    Scoperta la galassia ancestrale: si chiama Tanya e genera stelle a ritmo velocissimo (10 volte quello attuale)

    I telescopi spaziali “Hubble” e “Spitzer” (il primo funzionante nel visibile, il secondo nell’infrarosso) in collaborazione tra loro e con l’aiuto determinante di una lente gravitazionale hanno portato a una scoperta molto interessante: una piccola galassia antichissima, che vediamo così come era appena 400 milioni di anni dopo il Big Bang, nella quale il ritmo di generazione di nuove stelle risulta dieci volte più veloce di quello che osserviamo adesso nelle galassie intorno a noi (foto). Questo oggetto debolissimo e remotissimo, con dimensioni paragonabili alla Grande Nube di Magellano (modesta galassia satellite della Via Lattea, visibile dal cielo australe), è un campione attendibile di come doveva essere l’universo 13,3 miliardi di anni fa: un pulviscolo di piccole galassie in accrescimento, con una vivacissima attività di formazione stellare. Siamo, insomma, nell’era cosmica più feconda, l’adolescenza dell’universo. La galassia appena scoperta (la pubblicazione è su “The Astrophysical Journal”, vol. 815, n1, del 10 dicembre 2015) ha ricevuto dagli scopritori il nome di Tanya, parola che significa “primogenita” nella lingua Aymara parlata nelle regioni andine e nell’altipiano del Sud America.

    Tanya fa parte di un gruppo di altre 22 giovanissime galassie: lo studio di questo “sito archeologico” posto all’orizzonte estremo dell’universo osservabile, spiega Leopoldo Infante, autore dell’articolo e astronomo della Pontificia Università Cattolica del Cile, “ci permetterà per la prima volta di analizzare le proprietà degli oggetti formatisi subito dopo il Big Bang.”.

    Altre informazioni:

    http://hubblesite.org/newscenter/archive/releases/2015/45/full/

     

    http://hubblesite.org/newscenter/archive/releases/2015/45

  • 07/12/2015 - In orbita il cargo per la Stazione spaziale: un astronauta in orbita fotografa il lancio da Cape ...
  • 07/12/2015 - Vedremo la materia oscura osservando raggi gamma intorno a buchi neri massicci
  • 05/12/2015 - Scoperta italiana: nei quasar si nasconde un nuovo “metro” per misurare l’universo
  • 04/12/2015 - Risolto l’enigma delle stelle degli ammassi globulari che contraddicevano i modelli evolutivi
  • 03/12/2015 - Riuscito a Kourou il lancio di “LISA Pathfinder”, precursore delle antenne gravitazionali ...
  • 02/12/2015 - SOHO compie vent’anni di osservazioni solari: prodotti 5000 articoli, scoperte più di tremila ...
  • 30/11/2015 - Dentro il “cuore” di LISA Pathfinder, test decisivo per la caccia alle onde gravitazionali
  • 30/11/2015 - Si chiama V774104, è l’oggetto più lontano che sia stato scoperto nel Sistema solare
  • 29/11/2015 - Enigmatico doppio “lampo radio veloce” captato in Australia documenta l’espansione ...
Ricerca
  • Le Stelle
    156
  • Nuovo Orione
    290
  • Libri