Astronews a cura di Massimiliano Razzano

Fino al 13/11/2017 a cura di Piero Bianucci, fino al 20/01/2018 a cura di Luigi Bignami

  • 18/11/2018 - LA NUBE DI MAGELLANO PERDUTA

    LA NUBE DI MAGELLANO PERDUTA

    LA NUBE DI MAGELLANO PERDUTA

    Uno degli spettacoli celesti del cielo notturno australe, osservato per migliaia di anni da antiche culture, potrebbe essere il residuo di qualcosa di più complesso. Le Nubi di Magellano, così chiamate poiché furono descritte per la prima dall’esploratore portoghese, potrebbero aver avuto una compagna.

    Le Nubi sono due galassie satelliti della nostra; la Piccola Nube è la più distante, a circa 200 mila anni luce da noi, mentre la Grande Nube si trova a circa 160 mila anni luce ed è questa il soggetto di un recente studio che ipotizza l’esistenza in passato di una terza galassia.

    Secondo Benjamin Armstrong (International Center for Radioastronomy Research), un’altra galassia è stata probabilmente inghiottita dalla Grande Nube di Magellano tra 3 e 5 miliardi di anni fa. Questo potrebbe spiegare come mai la maggior parte delle stelle nella Grande Nube ruoti in senso orario intorno al centro della galassia, mentre alcune stelle ruotano in senso antiorario.

    Secondo il ricercatore, questa scoperta potrebbe anche spiegare due problemi che presenta la Grande Nube di Magellano: il grande divario di età tra le diverse stelle nella nube e l’elevato spessore del disco.

    “Gli ammassi stellari contengono moltissime stelle che sono tutte di età abbastanza simili e formate in ambienti analoghi. – dice Armstrong - Nella Via Lattea, gli ammassi stellari sono tutti molto antichi. Mentre nella Grande Nube di Magellano abbiamo ammassi molto vecchi e altri molto giovani, ma niente in mezzo. Poiché nella Grande Nube vediamo ricominciare la formazione stellare, questo potrebbe essere indicativo di una fusione galattica in atto. Il nostro studio suggerisce che questo tipo di processo avrebbe potuto essere responsabile per il disco più spesso in passato”.

    In Figura: la Grande Nube ripresa da Andrew Lockwood con una fotocamera DSLR modificata e un piccolo teleobiettivo (Fonte: Media-INAF).

    Piero Stroppa

  • 18/11/2018 - QUATTRO GIGANTI ATTORNO A UNA BAMBINA
  • 18/11/2018 - GIOVE SVELATO DA SCIENZIATI AMATORIALI (O ARTISTI)?
  • 18/11/2018 - LA GALASSIA PIÙ LUMINOSA DELL’UNIVERSO
  • 18/11/2018 - UN ENORME CRATERE SOTTO I GHIACCI IN GROENLANDIA
  • 18/11/2018 - La Stella di Barnard ha un pianeta
  • 18/11/2018 - Il moto di Beta Pictoris b intorno alla sua stella ripreso dal VLT
  • 06/11/2018 - Idrogeno, quel “bagliore” primordiale che illumina le prime galassie
  • 04/11/2018 - LE FASI LUNARI DI NOVEMBRE
  • 02/11/2018 - La “stella in scatola” che svela il mistero delle pulsar
Ricerca
  • Le Stelle
    185
  • Nuovo Orione
    319
  • Libri