Astronews a cura di Massimiliano Razzano

Fino al 13/11/2017 a cura di Piero Bianucci, fino al 20/01/2018 a cura di Luigi Bignami

  • 27/04/2018 - Scoperto un super ingorgo nell’Universo primordiale. Così sono nati gli ammassi di galassie

    Scoperto un super ingorgo nell’Universo primordiale. Così sono nati gli ammassi di galassie

    Scoperto un super ingorgo nell’Universo primordiale. Così sono nati gli ammassi di galassie

     

    Ai nostri occhi potrebbe sembrare una foto di gruppo su scala cosmica, quasi il ritratto di una famiglia di galassie. La realtà non è troppo diversa, perché quello che stiamo osservando sono in realtà due grandi famiglie di galassie che stanno per incontrarsi. A scoprirle sono stati due gruppi internazionali grazie alle antenne dell’Atacama Large Millimeter/Submillimeter Array (ALMA) e gli stumenti dell’Atacama Pathfinder Experiment (APEX). I dati mostrano che si tratta del più grande scontro fra ammassi di galassie mai osservato, e misurandone le caratteristiche gli astronomi hanno scoperto che la luce delle galassie è partita quando l'Universo aveva solo 1 miliardo e mezzo di anni, circa un decimo della sua età attuale. Un risultato, discusso in due lavori pubblicati su Nature e The Astrophysical Journal, che che apre nuovi scenari per capire come sono nati i primi ammassi di galassie nel cosmo.

    Il risultato è il frutto del lavoro combinato di due team, coordinati rispettivamente da Tim Miller della Dalhousie University in Canada e dell’Università americana di Yale, e da Ivan Oteo dell’Università di Edimburgo. Studiando il protoammasso SPT2349-56, inizialmente identificato come un unico oggetto nelle osservazioni del South Pole Telescope e del telescopio spaziale Herschel, i ricercatori ne hanno rivelato la struttura grazie alla risoluzione di ALMA, mostrando in realtà che si tratta di due gruppi formati da 10 e 14 galassie con un’intensa attività di formazione stellare. La vera sorpresa è arrivata dalla misura della distanza di questi oggetti, che è risultata molto più grande di quanto atteso. Sembra infatti che la luce di queste galassie sia partita quando l’Universo aveva appena 1 miliardo e mezzo di anni, cioè un decimo della sua età. Un fatto sorprendente, perché non ci si aspettava dai modelli che la formazione di ammassi di galassie così grandi richiedesse un tempo molto maggiore. 'Come questo gruppo di galassie sia divento così grande così in fretta rimane ancora oscuro. Non è stata ammonticchiata lentamente nel corso di miliardi di anni, come gli astronomi si sarebbero aspettati” sottolinea Miller, “La scoperta offre una grande opportunità di studiare come le galassie massicce si siano incontrare per formare un ammasso di galassie così grande.'

     

    Altre informazioni

     

    Articoli originali

    Miller et al. 

    Oteo et al. 

     

    Nell’immagine: Immagine artistica di una super-fusione fra ammassi di galassie (
    ESO/M. Kornmesser

     

  • 24/04/2018 - Su Urano c’è puzza di uova marce?
  • 20/04/2018 - Lanciata con successo TESS, la nuova missione NASA che andrà a caccia di pianeti extrasolari
  • 17/04/2018 - Dalla fantascienza alla mitologia, anche Caronte ha la sua toponomastica
  • 13/04/2018 - Sholz, la stella che ci ha “sfiorato” 70 mila anni fa
  • 09/04/2018 - Chi sta vincendo il “braccio di ferro” fra le Nubi di Magellano?
  • 04/04/2018 - Sempre più lontano, grazie alle lenti gravitazionali
  • 30/03/2018 - Scoperta una “galassia fantasma” senza materia oscura
  • 27/03/2018 - Tutto il ferro di Kepler 229b
  • 22/03/2018 - Ariel, la nuova missione europea studierà i pianeti extrasolari
Ricerca
  • Le Stelle
    179
  • Nuovo Orione
    313
  • Libri