Astronews a cura di Massimiliano Razzano

Fino al 13/11/2017 a cura di Piero Bianucci, fino al 20/01/2018 a cura di Luigi Bignami

  • 19/09/2018 - ADAA lancia un satellite nella stratosfera

    ADAA lancia un satellite nella stratosfera

    ADAA lancia un satellite nella stratosfera

    Il 15 settembre 2018, presso Ceriano Laghetto (MB), l’ADAA (Associazione per la Divulgazione Astronomica e Astronautica. www.adaa.it) ha effettuato il primo test di collaudo del nano-satellite (cubesat) denominato AlSat#1 (Precursor Flight Test).

    Il test è consistito nel rilascio, a mezzo pallone sonda gonfiato a elio, di un primo prototipo del piccolo satellite, che verrà lanciato nello spazio nel 2019/20. La missione aveva lo scopo di testare la strumentazione di bordo di AlSat#1, in vista del lancio nello spazio a bordo di un razzo vettore, e di misurare alcuni parametri atmosferici che sono stati resi disponibili alle università, partner del progetto.

    A bordo del congegno di forma cubica con lato 10 cm, una serie di dispositivi elettronici, messi a punto dagli ing. Dario Kubler e Luca De Rosa del Team ADAA, coordinati dall’ing. Alessandro Barazzetti.

    L’ADAA ha ottenuto questo successo grazie alla collaborazione con istituti universitari (Politecnico di Milano, Supsi, UCM) e aziende (iMEX.A, Qbt, Microchip, Leafspace, Aerotech e Promec-in).

    Il rilascio è stato curato dal socio Jonathan Polotto: alle 11.15 AlSat#1 è decollato verso la stratosfera , raggiungendo la quota di oltre 40 mila metri. Durante il volo sono stati raccolti vari tipi di dati, come la temperatura, la posizione e trasmesso un segnale radio di tracciatura in banda UHF.

    Il nome AlSat#1 deriva dal fatto che il testimonial del progetto è stato l’astronauta Alfred Worden, pilota del modulo di comando della missione Apollo 15. Sono molti i radioamatori italiani che hanno seguito il segnale inviato dal satellite, tenendo aggiornato il team e inviando i dati registrati fino a pomeriggio inoltrato. Il prezioso lavoro dei radioamatori aiuterà il team a elaborare l’enorme mole di dati registrati.

    Su YouTube sono disponibili un video del lancio (https://goo.gl/9iiJjD) e una “soggettiva” del satellite dalla partenza fino al suo avvicinamento ai “confini dello spazio” (https://goo.gl/dw36xU). Fonte: Luigi Pizzimenti.

    Piero Stroppa

  • 11/09/2018 - Un super esagono nei cieli di Saturno
  • 09/09/2018 - CHE COSA SUCCEDE QUANDO SI BUCA UNA GALASSIA?
  • 06/09/2018 - Una cometa frammentata da una nana bianca
  • 29/08/2018 - Quanto pesa un pianeta neonato?
  • 24/08/2018 - RISERVATO AI LETTORI DI NUOVO ORIONE E LE STELLE
  • 22/08/2018 - Un asteroide per Aretha Franklin
  • 19/08/2018 - ECCO RCW 38 IN TUTTO IL SUO SPLENDORE
  • 19/08/2018 - LA SORELLA SMARRITA DELLA VIA LATTEA
  • 19/08/2018 - IL VERY LARGE TELESCOPE SI È RIFATTO LE LENTI
Ricerca
  • Le Stelle
    183
  • Nuovo Orione
    317
  • Libri