Astro News a cura di Piero Bianucci

  • 29/11/2015 - Enigmatico doppio “lampo radio veloce” captato in Australia documenta l’espansione ...

    Enigmatico doppio “lampo radio veloce” captato in Australia documenta l’espansione dell’universo

    Enigmatico doppio “lampo radio veloce” captato in Australia documenta l’espansione dell’universo

     

     

    Da qualche tempo gli astronomi si arrovellano intorno al fenomeno dei “lampi radio veloci” (FRB, fast radio bursts) che, osservati per la prima volta nel 2007, sono quanto mai elusivi perché, oltre ad avere una durata di pochi millesimi di secondo (ma una grande energia), sono rarissimi e ovviamente del tutto imprevedibili – basti dire che se ne è osservata una decina in sette anni. Ora però si aggiunge un mistero al mistero: un doppio lampo, con una distanza tra l’uno e l’altro di appena un quattrocentesimo di secondo (vedi grafico della registrazione). Quale oggetto celeste può manifestare un comportamento così strano? Forse una pulsar di tipo particolare?

    Per ora gli astrofisici non si sbilanciano ma l’impressione è che si tratti di qualcosa di molto violento e lontano – diciamo alcuni miliardi di anni luce. E’ certo in ogni caso che il 25 novembre 2015 il radiotelescopio di Parkes, in Australia, ha captato il duplice segnale. L’articolo compare sulla rivista inglese 'Monthly Notices of Royal Society' e tra gli autori del lavoro c’è Andrea Possenti dell’Inaf-Osservatorio di Cagliari, che fa osservare un particolare interessante e cosmologicamente istruttivo: «In origine, quando i lampi sono stati emessi, la separazione doveva essere di circa un millisecondo, in quanto l’interpretazione più comune di questi eventi, che li vuole originati da sorgenti a miliardi di anni luce, la distanza del burst fa sì che, nel tempo richiesto dalle onde radio per trasferirsi dalla sorgente a noi che le osserviamo, l’universo sia andato espandendosi, introducendo fra i due eventi, un allungamento dei tempi (apparente) rispetto alla separazione originale”.

    L’articolo su “Monthly Notices of Royal Society”: http://arxiv.org/pdf/1511.07746v1.pdf

     

     

     

  • 26/11/2015 - I due “Exomars” pronti a spiccare il volo verso Marte. “Schiaparelli” farà da apripista, ...
  • 25/11/2015 - Conferma: è uno sciame di comete a oscurare una misteriosa stella segnalata dal satellite ...
  • 24/11/2015 - “LISA Pathfinder” parte il 2 dicembre: si apre la caccia alle onde gravitazionali con antenne ...
  • 23/11/2015 - Nuovo telescopio-robot della Nasa terrà sotto controllo la spazzatura spaziale
  • 22/11/2015 - Esa e Nasa: 30 anni di dati sul riscaldamento globale alla Conferenza di Parigi (30 novembre/9 ...
  • 21/11/2015 - Dopo il Big Bang una minima violazione della simmetria nel microcosmo annullò l’antimateria
  • 20/11/2015 - L’Europa prepara un satellite per lo studio della vegetazione della Terra. Partirà nel 2022
  • 17/11/2015 - “Science”: l’acqua della Terra viene da micro granuli della nebulosa solare primordiale
  • 15/11/2015 - Simulazione al computer spiega perché negli ammassi globulari ci siano stelle di diversa ...
Ricerca
  • Le Stelle
    156
  • Nuovo Orione
    290
  • Libri