Astro News a cura di Piero Bianucci

  • 27/11/2016 - Lieto fine per la meteorite “Clarendon”, seconda condrite degli Usa per massa (345 kg)

    Lieto fine per la meteorite “Clarendon”, seconda condrite degli Usa per massa (345 kg)

    Lieto fine per la meteorite “Clarendon”, seconda condrite degli Usa per massa (345 kg)

    Lieto fine per la meteorite “Clarendon”, seconda condrite degli Usa per massa (345 kg)

     

    La meteorite “Clarendon (c)”, per dimensioni seconda condrite finora scoperta negli Stati Uniti, è stata donata alla Texas Christian University. Lo comunica il “Meteoritical Bulletin”, rivista online disponibile nel sito della Meteoritical Society. Quella di Clarendon è un interessante storia a lieto fine.

    Trovata il 6 aprile 2015 da Frank e DeeDee Hommel nell’azienda agricola dove lavorano (foto), Clarendon (c) è classificata come una “condrite ordinaria”, categoria che comprende l’ottanta per cento di tutte le meteoriti. La lettera (c) indica che è la terza meteorite identificata vicino alla cittadina di Clarendon, ma non ha alcun rapporto con le prime due. La caratteristica speciale di Clarendon (c) è la sua massa: 345 chilogrammi. Altri frammenti raccolti nei dintorni assommano a 32 kg.

    Poche ore dopo il ritrovamento, chiamato dagli Hommel, Ruben Garcia, noto come Mister Meteorite, famoso collezionista e cercatore di sassi spaziali, ha potuto osservare Clarendon, accertarne l’autenticità e rilevare che la nuova meteorite, per quanto riguarda gli Stati Uniti, era superata soltanto “Paragould”, 408 chilogrammi, caduta nel 1930 nello stato dell’Arkansas.

    C’è un notevole commercio più o meno lecito di meteoriti. I “cacciatori” che le ritrovano spesso se ne appropriano, sottraendole alla ricerca scientifica e ai musei. Per fortuna questo non è successo per Clarendon grazie alla correttezza dei coniugi Hommel e di Ruben Garcia. La scoperta è stata annunciata sul Meteoritical Bulletin e poi Garcia ha interpellato la Texas Christian University a Fort Worth, dove sulle meteoriti si fa ricerca e divulgazione. In appena due giorni di trattative, Clarendon ha trovato casa. A partire dal prossimo anno migliaia di persone potranno ammirarla visitando la Meteorite Collection del Monning Museum.

    Altre informazioni:

     

    http://meteoriticalsociety.org/?page_id=56

  • 26/11/2016 - La Via Lattea è circondata da decine di galassie nane finora sfuggite perché troppo deboli
  • 26/11/2016 - Nel corso della sua storia geologica Mercurio si è ristretto di 14 chilometri
  • 26/11/2016 - La International Astronomical Union ha ufficializzato i nomi tradizionali di 227 stelle luminose ...
  • 24/11/2016 - Eccezionale foto di gruppo: ecco i 4 satelliti “Galileo” che stanno per dare vita al “GPS ...
  • 22/11/2016 - Test di curvatura per lo specchio del “Webb Space Telescope”. Lancio nell’ottobre 2018?
  • 21/11/2016 - Il “Beagle 2” nel 2003 scese bene su Marte ma un pannello solare bloccò l’antenna
  • 20/11/2016 - Le leggi dell’elettromagnetismo sono le stesse in tutto l’universo da almeno 8 miliardi di anni
  • 19/11/2016 - L’INAF (Istituto nazionale di astrofisica), secondo al mondo per produzione scientifica
  • 18/11/2016 - Scoperto per la prima volta “ghiaccio secco” su una cometa (la “Churyumov Gerasimenko”)
Ricerca
  • Le Stelle
    167
  • Nuovo Orione
    301
  • Libri