Astronews a cura di Massimiliano Razzano

Fino al 13/11/2017 a cura di Piero Bianucci, fino al 20/01/2018 a cura di Luigi Bignami

  • 23/07/2017 - Nel 2018-19 diventerà operativa l’antenna gravitazionale giapponese KAGRA. L’India insegue

    Nel 2018-19 diventerà operativa l’antenna gravitazionale giapponese KAGRA. L’India insegue

    Nel 2018-19 diventerà operativa l’antenna gravitazionale giapponese KAGRA. L’India insegue

     

    Anche il Giappone sta dotandosi di una antenna interferometrica per captare le onde gravitazionali. KAGRA (Kamioka Gravitationa- wave detector) sta sorgendo in una miniera del monte Ikeno, dove c’è già il laboratorio di fisica underground di Kamioka noto per la scoperta dell’oscillazione dei neutrini, nella regione ovest del Giappone. Una prima versione di KAGRA è stata messa alla prova nei mesi di marzo e aprile del 2016. Ora l’antenna viene aggiornata in una nuova versione con l’aggiunta di specchi, migliori sistemi di sospensione, nuovi laser e dispositivi raffreddati fin quasi allo zero assoluto per ridurre il rumore termico dei circuiti elettronici. Questa nuova versione dovrebbe essere ultimata entro poco più di un anno per diventare pienamente operativa alla fine del 2018 o all’inizio del 2019. I dati saranno analizzati in collaborazione con i team americano ed europeo. Ciò permetterà di determinare meglio la direzione di provenienza delle onde gravitazionali.

    Kamioka era una miniera di zinco abbandonata che nel 1991 è stata convertita in un laboratorio sotterraneo simile a quello italiano del Gran Sasso. Qui, oltre all’esperimento Kamiokande sui neutrini, sono in corso ricerche per rivelare particelle super-massicce che potrebbero costituire la materia oscura. Le difficoltà per KAGRA non mancano. Nel sottosuolo l’interferometro è isolato dai disturbi inevitabili quando si lavora in superficie come nel caso di LIGO (Usa) e Virgo (Europa) ma questo è l’unico vantaggio, e per averlo bisogna fare i conti con una umidità tra il 75 e il 100 per cento e con infiltrazioni di acqua che penetrano nei tunnel dell’interferometro, tanto che occorre pompare 500 tonnellate di acqua all’ora. L’installazione dei sistemi per fare il vuoto nell’interferometro è stata fermata nel 2015 dall’allagamento della caverna centrale.

    Dopo i due interferometri americani LIGO, l’europeo Virgo e il giapponese KAGRA, l’astrofisica gravitazionale si arricchirà nel 2022 di un quinto strumento in costruzione in India, con caratteristiche simili a LIGO.

    Nella foto: il tubo in cui corre il raggio laser dell’interferometro.

    Altre informazioni:

     

    http://gwcenter.icrr.u-tokyo.ac.jp/en/plan

  • 22/07/2017 - Premio “Enrico Fermi” a tre esploratori della fisica del neutrino: Bellini, Berezinsky e ...
  • 21/07/2017 - Un altro passo verso SKA, il colossale radiotelescopio da un chilometro quadrato
  • 20/07/2017 - Galassia iper-attiva ingrandita 11 volte grazie a una lente gravitazionale
  • 19/07/2017 - Scoperta: raggi cosmici di altissima energia intrappolati intorno al centro della Via Lattea
  • 17/07/2017 - Scoperta di astrofili americani: l’asteroide 113 Amalthea probabilmente ha una luna
  • 16/07/2017 - Finora è l’estate più calda dal 2003: iceberg in Antartide grande come la Liguria
  • 15/07/2017 - “Gal Hassin”, centro astronomico internazionale di Isnello, festeggia il primo anno di ...
  • 14/07/2017 - Il 18 luglio si spegnerà “Lisa Pathfinder” dopo i test per rilevare onde gravitazionali
  • 13/07/2017 - Grande macchia sul Sole mentre il debole ciclo n. 24 volge al termine
Ricerca
  • Le Stelle
    180
  • Nuovo Orione
    314
  • Libri