Astro News a cura di Piero Bianucci

  • 18/02/2017 - Primo esperimento di radiointerferometria VLB con segnale orario trasmesso in fibra ottica su 550 ...

    Primo esperimento di radiointerferometria VLB con segnale orario trasmesso in fibra ottica su 550 km

    Primo esperimento di radiointerferometria VLB con segnale orario trasmesso in fibra ottica su 550 km

     

    Per la prima volta un esperimento di radio-interferometria a lunghissima base (VLBI) ha utilizzato un orologio atomico di altissima precisione il cui segnale è stato trasmesso usando un collegamento in fibra ottica lungo 550 chilometri. E’ avvenuto tra l’Istituto nazionale di Ricerca Metrologica di Torino (INRiM) e il radiotelescopio di Medicina (Inaf), in provincia di Bologna.

    L’esperimento è consistito in una campagna geodetica della durata di 24 ore realizzata con una rete di radiotelescopi europei tra i quali quello dell’Osservatorio geodetico di Wettzel in Germania (Monaco). Presso il radiotelescopio italiano di Medicina l’orologio locale si alternava con il segnale generato da un orologio a fontana di idrogeno in funzione a Torino e trasmesso in fibra ottica con un raggio di luce coerente (laser). La qualità del risultato ottenuto con questa “facility” e con un orologio locale è comparabile; le frange di interferenza hanno mantenuto per tutte le 24 ore il desiderato livello di risoluzione. L’esito dell’esperimento incoraggia quindi ulteriori ricerche per il raggiungimento di migliori prestazioni in interferometria a lunghissima base grazie a fibre ottiche che disseminano il segnale orario generato da orologi atomici allo stato dell’arte. Il prossimo passo consisterà nel passare da un orologio a fontana di idrogeno a un orologio ottico ancora migliore.

    L’articolo, pubblicato il 1° febbraio su “Scientific Reports” di “Nature” è la sintesi di un lavoro fatto all’Istituto di Ricerca Metrologica (INRiM) di Torino con il coordinamento di Davide Calonico. Le altre firme sono di Cecilia Clivati, Roberto Ambrosini, Thomas Artz, Alessandra Bertarini, Claudio Bortolotti, Matteo Frittelli, Filippo Levi, Alberto Mura, Giuseppe Maccaferri, Mauro Nanni, Monia Negusini, Federico Perini, Mauro Roma, Matteo Stagni, Massimo Zucco.

    Link all’articolo:

    http://www.nature.com/articles/srep40992.epdf?author_access_token=CinDmmj4IU7Jhs8YWQ-MSdRgN0jAjWel9jnR3ZoTv0O7dDcAq4gL5gO3oxqY3_reQiGurOWH0ucl8COs-gY_5sXogh2gqIVA4Hi9N-WJdh3R30yTPcLmQgSHTlSHVk3I

     

     

     

  • 17/02/2017 - Cinque problemi di fisica e astrofisica risolti in un colpo solo con un Modello Standard esteso
  • 16/02/2017 - Forse già Ligo e Virgo potranno captare lo onde gravitazionali del Big Bang
  • 15/02/2017 - Spento 'SOLAR': per 9 anni a bordo della Iss ha raccolto dati sulla radiazione della nostra stella
  • 15/02/2017 - Una supernova individuata solo 3 ore dopo l’esplosione in una galassia di magnitudine 15
  • 14/02/2017 - I “getti blu” nella stratosfera esistono davvero. Lo prova un film girato sulla Stazione ...
  • 13/02/2017 - “E il naufragar m’è dolce” tra le 800 mila galassie di questo catalogo online
  • 12/02/2017 - Il 20 febbraio inaugurazione di “Advanced Virgo”, l'antenna gravitazionale europea
  • 11/02/2017 - La metamorfosi di AG Carinae da variabile del tipo S Doradus a stella di Wolf-Rayet
  • 10/02/2017 - Eccezionale: osservata super-cometa mentre precipita su una stella nana bianca
Ricerca
  • Le Stelle
    170
  • Nuovo Orione
    304
  • Libri