Astro News a cura di Piero Bianucci

  • 13/10/2016 - Un oro e 2 bronzi: eccezionale risultato degli studenti italiani alle Olimpiadi dell’astronomia

    Un oro e 2 bronzi: eccezionale risultato degli studenti italiani alle Olimpiadi dell’astronomia

    Un oro e 2 bronzi: eccezionale risultato degli studenti italiani alle Olimpiadi dell’astronomia

     

     

    Gli studenti italiani si sono sempre distinti alle Olimpiadi Internazionali dell’Astronomia ma il successo di quest’anno è senza precedenti: torniamo dalla Bulgaria, dove si è svolta la gara, con una medaglia d’oro e due di bronzo. L’oro è di Jacopo Guoy Chen (Liceo statale Landi di Velletri), primo assoluto nella prova teorica; i bronzi sono di Pietro Benotto (IISS Vallauri di Fossano) e Pica Ciamarra (Liceo classico statale Vittorio Emanuele II di Napoli). La premiazione di questa XXI Olimpiade dell’Astronomia si è svolta il 12 ottobre al Teatro Arena di Smolyan.

    Congratulazioni anche agli “allenatori” Maria Pia Di Mauro e Gaetano Valentini dell’Inaf-Osservatorio di Teramo.

    La prova teorica riguardava l’orbita di un satellite intorno a Marte adatto a osservare eclissi solari, le variazioni della durata del giorno dovute all’influsso gravitazionale della Luna, la minima dimensione di un oggetto di Kuiper osservabile con un telescopio e la ricostruzione di una battaglia tra bulgari e bizantini avvenuta nell’813 che fu caratterizzata dalla comparsa di una cometa che poi probabilmente si spezzò in due frammenti. Nella prova pratica i concorrenti doveva ricavare dalle effemeridi i dati dell’orbita di una cometa, oppure stimare alcuni parametri ricavabili dal grafico della prima onda gravitazionale osservata dalle antenne LIGO negli Stati Uniti.

    A causa del cattivo tempo la prova osservativa si è svolta al coperto: riguardava campi di quasar, oggetti del catalogo Messier nella costellazione dello Scorpione e alcune stelle che erano state cancellate da una mappa della costellazione di Orione.

    Nella foto: i tre studenti italiani saliti sul podio. Da sinistra: Lorenzo Pica Ciamarra (Liceo Classico Statale “Vittorio Emanuele II” di Napoli), medaglia di bronzo categoria junior; Jacopo Guoyi Chen (Liceo Scientifico Statale “A. Landi” di Velletri), medaglia d’oro categoria senior e menzioni speciali per le migliori prove teorica e pratica; Pietro Benotto (I.I.S.S. “G. Vallauri” di Fossano), medaglia di bronzo categoria senior.

    I testi delle prove e altre informazioni:

    http://www.olimpiadiastronomia.it/team-italiano-alle-xxii-iao/

    http://www.media.inaf.it/2016/10/05/olimpiadi-internazionali-astronomia/

     

     

  • 12/10/2016 - Ricerca italiana nell’Artico: 14 mila anni fa il livello dei mari salì di 20 metri in appena ...
  • 11/10/2016 - Chi fu il primo a sospendere nello spazio il pianeta Terra? Cercatelo in questo sito web
  • 10/10/2016 - Anche Dione, satellite di Saturno, nasconde un oceano nel sottosuolo a 100 km di profondità
  • 09/10/2016 - Microbi alieni che “mangiano” raggi cosmici? Sulla Terra c’è qualcosa di simile
  • 08/10/2016 - La Royal Astronomical Society, cento anni dopo, chiede scusa ad Annie Maunder, studiosa del Sole
  • 07/10/2016 - Gli embrioni di nuove stelle si formano per azione del campo magnetico nelle nubi molecolari
  • 07/10/2016 - Individuato un limite alla massa dei buchi neri al centro delle galassie: 10 miliardi di masse ...
  • 05/10/2016 - “De-lensing”: come estrarre dal fondo di radiazione cosmica le onde gravitazionali del Big ...
  • 04/10/2016 - Geyser di vapore acqueo alti 200 km su Europa, satellite di Giove. Li ha scoperti “Hubble”
Ricerca
  • Le Stelle
    165
  • Nuovo Orione
    299
  • Libri