Astro News a cura di Piero Bianucci

  • 13/08/2016 - Vesta non sarebbe un protopianeta intatto ma un aggregato di frammenti di altri asteroidi

    Vesta non sarebbe un protopianeta intatto ma un aggregato di frammenti di altri asteroidi

    Vesta non sarebbe un protopianeta intatto ma un aggregato di frammenti di altri asteroidi

     

     

    Si riaprono gli interrogativi sulla natura dell’asteroide Vesta, studiato nei minimi particolari per un anno (2011-2012) dalla sonda della Nasa “Dawn”. Varie ricerche indipendenti su questo pianetino, il secondo per dimensioni dopo Cerere (530 km di diametro), hanno messo in evidenza depositi di olivina. Il numero e la distribuzione casuale dei siti ricchi di olivina fanno ritenere che a portare su Vesta questo minerale siano stati impatti meteoritici durante l’ultimo miliardo di anni (foto-disegno). E’ la tesi sostenuta sulla rivista “Icarus” da Diego Turrini dell’Inaf (autore della mappa qui accanto che riporta i depositi di olivina su Vesta) e da Guy Consolmagno, esperto di meteoriti della Specola Vaticana. Gli impatti sono stati simulati da Vladimir Svetsov, dell’Accademia delle Scienze Russa, confermando la tesi.

    L’olivina è il minerale che costituisce la maggior parte del mantello dei corpi planetari di tipo roccioso – Mercurio, Venere, Terra e Marte – e altri corpi minori ma abbastanza grandi da avere una struttura interna geologicamente differenziata. Vesta dovrebbe appartenere a quest’ultima categoria, ma la distribuzione dell’olivina contrasta con questo scenario. Come ha fatto notare Consolmagno, «Invece che un protopianeta intatto come credevamo, Vesta potrebbe essere un riaggregato di frammenti della crosta differenziata di uno o più corpi distrutti riaccresciutisi sopra il nucleo di ferro di uno di essi. Questo spiegherebbe perché non vediamo tracce del mantello sulla sua superficie, ma solo contaminanti lasciati da impatti successivi».

    Altre informazioni nell’articolo su “Icarus”:

    http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0019103516304043

    https://it.wikipedia.org/wiki/4_Vesta

     

     

  • 12/08/2016 - Ecco la pista di atterraggio su Marte del modulo “Schiaparelli”: scenderà il 19 ottobre
  • 12/08/2016 - Ad ogni eclisse l’atmosfera di Io (Il satellite galileiano più vicino a Giove) collassa e ...
  • 11/08/2016 - Neanche il superacceleratore LHC (Cern) finora è riuscito a produrre monopoli magnetici
  • 10/08/2016 - Ora è dimostrato: le galassie nane crescono divorando galassie ancora più piccole
  • 09/08/2016 - Sedici giorni sott’acqua per sperimentare la gravità di Marte e testare nuovi equipaggiamenti
  • 08/08/2016 - “Hitomi”, satellite per raggi X giapponese “morto” poco dopo il lancio, avrà un ...
  • 07/08/2016 - Pulsar come GPS per le sonde spaziali: così cambierà la navigazione interplanetaria
  • 06/08/2016 - Due anni di danza della sonda “Rosetta” intorno alla cometa riassunti in 3 minuti e 43 secondi ...
  • 05/08/2016 - Il 4 agosto il Sole ha divorato una cometa della “famiglia Kreutz”: impatto a 600 km al ...
Ricerca
  • Le Stelle
    163
  • Nuovo Orione
    297
  • Libri