Astronews a cura di Massimiliano Razzano

Fino al 13/11/2017 a cura di Piero Bianucci, fino al 20/01/2018 a cura di Luigi Bignami

  • 07/05/2017 - Costruiti mattoni con materiale lunare e stampante 3D. Servirà per colonie sulla Luna

    Costruiti mattoni con materiale lunare e stampante 3D. Servirà per colonie sulla Luna

    Costruiti mattoni con materiale lunare e stampante 3D. Servirà per colonie sulla Luna

    Con una stampante 3D e polvere e ghiaia del suolo lunare (regolite) è possibile produrre mattoni utilizzabili sul nostro satellite per costruire laboratori e abitazioni permanenti (foto). L’energia necessaria per alimentare la stampante e cuocere i mattoni può essere quella gentilmente offerta dal Sole. Lo ha dimostrato una simulazione che apre la porta alle future colonie lunari che l’Agenzia Spaziale Europea da tempo sta progettando. L’esperimento non è stato condotto usando autentica regolite lunare (troppo preziosa!) ma con materiale pressoché identico ottenuto imitando la composizione dei campioni raccolti tra il luglio 1969 e il dicembre 1972, portati a terra dagli astronauti di sei missioni Apollo (in tutto 382 chilogrammi di polvere, sabbia e sassi). La cottura dei mattoni, che hanno un color grigio-lavagna come la superficie della Luna, è avvenuta in una fornace solare con specchio a concentrazione, spiega Advent Makaya, supervisore del progetto per conto dell’Agenzia Spaziale Europea. C’è già anche il progetto della grande fornace da predisporre sulla Luna, formata da 147 specchi curvi. I mattoni risultano dalla sovrapposizione di centinaia di strati spessi un decimo di millimetro. Il materiale, reso fluido portandolo alla temperatura di 1000 °C e distribuito dalla stampante 3D secondo un software specifico, dà origine a mattoni di 20 x 10 x 3 centimetri. Il processo per produrre un mattone richiede circa 5 ore. La resistenza del prodotto da costruzione così ottenuto è pari a quella del gesso. Si tenga conto che la gravità sulla Luna è un sesto di quella terrestre, e quindi le costruzioni sono soggette a sollecitazioni assai inferiori. 

    Altre informazioni:

    http://www.esa.int/Our_Activities/Space_Engineering_Technology/Printing_bricks_from_moondust_using_the_Sun_s_heat

  • 06/05/2017 - Radioattività nello spazio e sulla Terra: meeting il 3 giugno in Val di Zoldo (Belluno)
  • 04/05/2017 - Qui in diretta streaming il 50° Congresso dell’Unione Astrofili Italiani (Frosinone, 5-7 maggio)
  • 03/05/2017 - Meteore sotto controllo sistematico in Italia e in Europa: “Prisma Day” a Firenze il 16 maggio
  • 02/05/2017 - Microlente gravitazionale svela pianeta di tipo terrestre ma gelido a 13 mila anni luce da noi
  • 01/05/2017 - “Cassini” domani 2 maggio si tuffa per la seconda volta tra Saturno e il suo anello più ...
  • 29/04/2017 - Nata per le onde gravitazionali, LISA Pathfinder va anche a caccia di polveri interplanetarie
  • 27/04/2017 - Chi scoprì M 57, la nebulosa ad anello della Lyra? “Sky and Telescope” riapre il dibattito
  • 26/04/2017 - Altro passo verso il Big Bang in laboratorio: al Cern plasma di quark e gluoni in urti tra protoni
  • 25/04/2017 - Resurrezione di una pulsar cannibale nella galassia di Andromeda: è un faro in raggi X
Ricerca
  • Le Stelle
    175
  • Nuovo Orione
    309
  • Libri