Astro News a cura di Piero Bianucci

  • 24/09/2015 - Cinque volte più rare del previsto le emissioni di onde gravitazionali da fusione di buchi neri ...

    Cinque volte più rare del previsto le emissioni di onde gravitazionali da fusione di buchi neri supermassicci

    Cinque volte più rare del previsto le emissioni di onde gravitazionali da fusione di buchi neri supermassicci

     

     

    Mentre stanno per riaccendersi le grandi antenne gravitazionali americane ed europee (rispettivamente LIGO e VIRGO) aggiornate fino a renderle 100 volte più sensibili, arriva una doccia fredda riguardo alla frequenza dei fenomeni che possono produrre emissioni intense di queste onde: uno studio su 100 galassie con buchi neri centrali massicci suggerisce che le coppie e quindi le fusioni di questi buchi neri tra loro sono cinque volte meno frequenti di quanto si pensava. La ricerca è stata fatta su dati d’archivio del VLA, il radiotelescopio nazionale americano di Socorro, New Mexico analizzando particolari galassie a forma di X con jet relativistici che indicano la presenza di buchi neri supermassicci (foto). Il risultato è che delle 52 sorgenti radio più promettenti solo 11 sono candidate reali a buchi neri frutto di fusioni galattiche. Ne risulta meno dell’1,3 per cento delle galassie con emissione estesa nelle onde radio ha effettivamente subito una collisione/fusione con un’altra galassia, e questo tasso di fusioni è appunto 5 volte inferiore a quanto prima si supponeva. Conclusione di David Roberts, autore della ricerca: «Ciò potrebbe comportare una riduzione significativa del livello di onde gravitazionali che ci aspettiamo di osservare da queste peculiari radio galassie rispetto a quanto stimato in precedenza. Sarà molto importante conoscere l’emissione di onde gravitazionali attesa dagli oggetti di cui conosciamo il comportamento elettromagnetico: ci permetterà di migliorare la nostra comprensione della fisica fondamentale».

    Altre informazioni:

    http://www.media.inaf.it/2015/09/22/quella-rara-fusione-di-buchi-neri/

     

     

  • 23/09/2015 - “Nature”: anche le comete hanno un “ciclo dell’acqua” simile a quello della Terra
  • 21/09/2015 - Nuove immagini di Plutone: “E’ più complicato di Marte” dicono i ricercatori di “New ...
  • 19/09/2015 - Rinviato al 14 marzo il lancio di “ExoMars” con a bordo il modulo di atterraggio ...
  • 19/09/2015 - Montagne e atmosfera stratificata di Plutone: un quasi-pianeta più evoluto di quanto ci si ...
  • 18/09/2015 - Le antenne LIGO per onde gravitazionali: sensibili allo spessore di un capello sulla distanza ...
  • 18/09/2015 - Le maree causate dalla Terra “massaggiano” la crosta lunare e ne orientano le frane
  • 17/09/2015 - Un oceano globale si nasconde sotto la superficie di Encelado, satellite di Saturno
  • 16/09/2015 - Scoperta la tremillesima cometa con la navicella SOHO progettata per lo studio del Sole
  • 13/09/2015 - Creata per la prima volta una “molecola di luce” costituita da 2 fotoni mantenuti a ...
Ricerca
  • Le Stelle
    156
  • Nuovo Orione
    290
  • Libri