Astronews a cura di Massimiliano Razzano

Fino al 13/11/2017 a cura di Piero Bianucci, fino al 20/01/2018 a cura di Luigi Bignami

  • 02/07/2017 - Felice esordio della Cina nell’astrofisica in raggi X con il satellite “Huiyan” (Intuizione)

    Felice esordio della Cina nell’astrofisica in raggi X con il satellite “Huiyan” (Intuizione)

    Felice esordio della Cina nell’astrofisica in raggi X con il satellite “Huiyan” (Intuizione)

    La notizia non ha avuto grande eco in occidente ma dal 15 giugno la Cina è entrata nel club dei paesi che lanciano nello spazio satelliti con scopi di ricerca astrofisica ed è significativo che l’esordio avvenga con l’osservazione dell’universo nei raggi X ad alta energia, un ambito che richiede competenze scientifiche e tecnologiche avanzate. Il satellite cinese (disegno) è indicato con la sigla HXMT, da Hard X-ray Modulation Telescope, ma è stato ribattezzato con la parola cinese Huiyan, traducibile come “intuizione” o “visione in profondità” (insight in inglese).

    La banda di radiazioni elettromagnetiche captata da Huiyan va dai raggi X duri ai raggi gamma. Studierà quindi l’universo nei suoi fenomeni più violenti: galassie remote supermassicce con nuclei attivi, buchi neri di varia massa e pulsar nella nostra galassia. Lo sviluppo del satellite è iniziato nel 2000 e lungo il percorso ha incontrato vari ostacoli di tipo tecnologico e “politico”, attraversando tre piani quinquennali della ricerca del governo di Pechino. Il satellite sta ora affrontando i test di calibrazione nello spazio per diventare operativo nella raccolta di dati scientifici significativi nell’arco di qualche mese.

    La tecnica di focalizzazione è innovativa rispetto agli schemi ottici classici e ciò consente all’osservatorio in raggi X cinese di inquadrare un campo di vista molto esteso. L’Europa, che ha nel settore vanta una vasta esperienza grazie al satellite XMM-Newton, collabora con gli scienziati cinesi e usufruirà dei loro dati per continuare l’eccezionale lavoro svolto da “Newton”. Molti auspicano che il lancio cinese del primo satellite astrofisico cinese e questa collaborazione scientifica con l’Europa possano segnare l’inizio di una nuova era nell’astronomia X.

    Altre informazioni:

    http://www.skyandtelescope.com/astronomy-news/china-launches-first-observatory-hxmt/

  • 01/07/2017 - Addio a Enzo Bertolini, pioniere della fusione nucleare, già direttore dell’Osservatorio Valle ...
  • 30/06/2017 - L’abbraccio di due galassie visto con tre telescopi spaziali. È l’oggetto 299 del Catalogo di ...
  • 29/06/2017 - La missione Nasa IXPE studierà pulsar e quasar in raggi X polarizzati: italiani i rivelatori
  • 28/06/2017 - Due stelle fuggono dal centro della Via Lattea “frustate” dalla gravità del buco nero ...
  • 27/06/2017 - Era un mini-asteroide di mezzo metro di diametro l’oggetto esploso sul Nord-Italia il 30 maggio
  • 27/06/2017 - L’ESA rilascia due nuovi cataloghi di sorgenti infrarosse osservate dal satellite “Herschel”
  • 26/06/2017 - Onde gravitazionali: l’ESA approva l’interferometro spaziale LISA, previsto per il 2034
  • 24/06/2017 - Primo CubeSat del tutto autonomo sviluppato dall’ESA per studiare piccoli asteroidi
  • 23/06/2017 - Acchiappasatelliti magnetico per liberare lo spazio da rottami e da sonde in disuso
Ricerca
  • Le Stelle
    182
  • Nuovo Orione
    316
  • Libri