Astro News a cura di Piero Bianucci

  • 20/11/2016 - Le leggi dell’elettromagnetismo sono le stesse in tutto l’universo da almeno 8 miliardi di anni

    Le leggi dell’elettromagnetismo sono le stesse in tutto l’universo da almeno 8 miliardi di anni

    Le leggi dell’elettromagnetismo sono le stesse in tutto l’universo da almeno 8 miliardi di anni

     

     

    Le leggi fisiche che sperimentiamo sulla Terra sono le stesse  da sempre e in tutto l’universo? E’ una delle domande più profonde della fisica e più volte si è cercato di rispondere, ottenendo sempre lo stesso risultato: sì, al livello di accuratezza fino ad oggi raggiungibile, le leggi fisiche sono le stesse fin dalla più remota epoca dell’universo sondabile. Ma le verifiche sono sempre perfezionabili. L’ultimo numero della rivista inglese Monthly Notices of the Royal Astronomical Society ha pubblicato la misura più precisa mai eseguita per le leggi della forza elettromagnetica. Il team di astrofisici autori della ricerca è riuscito a esaminare le righe spettrali della luce di un quasar lontano 8,5 miliardi di anni luce che ha attraversato galassie interposte quasi altrettanto lontane (disegno). Le righe spettrali del quasar osservate sono esattamente identiche a quelle verificabili nei nostri laboratori con l’approssimazione di una parte su un milione.

    Lo studio è firmato dai ricercatori della Swinburne University of Technology e dell’Università di Cambridge che hanno utilizzato spettrometri montati sul Very Large Telescope (VLT, monte Paranal) e sul telescopio da 3,6 metri (La Silla) dell’Osservatorio australe europeo. «Dall’elettromagnetismo – dice uno degli autori, Michael Murphy – dipende praticamente tutto ciò che riguarda il nostro quotidiano: la luce che riceviamo dal Sole, come la vediamo, il modo in cui il suono viaggia nell’aria, la dimensione degli atomi e come interagiscono. Riscontrare che l’elettromagnetismo è costante su un arco di tempo pari a metà dell’età dell’universo non fa che approfondire il mistero. Perché sia così noi ancora non lo sappiamo».

    L’ipotesi che le “costanti” fisiche fondamentali cambino con il tempo o con la distanza è stata più volte avanzata. Finora sembra che le “costanti” siano davvero costanti ma anche su questo punto non esistono certezze definitive.

    L’articolo originale:

    http://mnras.oxfordjournals.org/content/early/2016/10/08/mnras.stw2543

     

     

     

  • 19/11/2016 - L’INAF (Istituto nazionale di astrofisica), secondo al mondo per produzione scientifica
  • 18/11/2016 - Scoperto per la prima volta “ghiaccio secco” su una cometa (la “Churyumov Gerasimenko”)
  • 17/11/2016 - Lancio record: altri 4 satelliti “Galileo” in orbita con “Ariane 5”. GPS europeo quasi ...
  • 17/11/2016 - Settimana del Meteo Spaziale: l’ESA “personalizza” i servizi di sorveglianza ...
  • 16/11/2016 - All’inizio di dicembre l’Unione Europea decide il suo futuro nello spazio: in gioco 11 ...
  • 14/11/2016 - La Super-Luna di oggi 14 novembre: tanto rumore per poco
  • 13/11/2016 - Il prototipo del telescopio ASTRI (una prima assoluta a guida italiana) supera i test tecnici
  • 12/11/2016 - Vita sugli esopianeti: ricalcolata al ribasso la finestra termica di abitabilità
  • 11/11/2016 - Misuratori della gravità della prossima generazione: piccoli, sensibili, precisissimi
Ricerca
  • Le Stelle
    168
  • Nuovo Orione
    302
  • Libri