Astronews a cura di Massimiliano Razzano

Fino al 13/11/2017 a cura di Piero Bianucci, fino al 20/01/2018 a cura di Luigi Bignami

  • 27/03/2017 - Scoperti nell’alta atmosfera terrestre getti di plasma a 10 mila gradi: disperdono gas nello ...

    Scoperti nell’alta atmosfera terrestre getti di plasma a 10 mila gradi: disperdono gas nello spazio

    Scoperti nell’alta atmosfera terrestre getti di plasma a 10 mila gradi: disperdono gas nello spazio

    Sappiamo ancora poco del nostro pianeta. I tre satelliti “Swarm” lanciati nel 2013 per lo studio del campo magnetico della Terra hanno scoperto che nella parte più alta e rarefatta dell’atmosfera al di sopra dei poli esistono correnti di plasma in moto a velocità supersoniche e alla temperatura di circa diecimila gradi (disegno). L’annuncio viene dal meeting sui risultati di “Swarm” che si è appena concluso in Canada, il lavoro si deve a un team di ricercatori dell’Università di Calgary. L’alta temperatura del plasma e la sua alta velocità, superiore alla velocità di fuga della Terra, favoriscono la perdita di gas dell’atmosfera terrestre. In miniatura, qualcosa di simile a quanto avviene nella corona del Sole.

     

    La teoria elaborata per spiegare questo impressionante fenomeno finora insospettato interpreta i “jet” di plasma dell’alta atmosfera terrestre come correnti elettriche alimentate dal vento solare e pilotate nella ionosfera dal campo magnetico terrestre, un fenomeno già ipotizzato più di cento anni fa dal fisico norvegese Kristian Birkeland. Si parla infatti, fin dagli anni 70 del secolo scorso, delle “correnti di Birkeland”. Solo adesso però la loro esistenza è stata confermata da osservazioni dirette e da misure compiute nello spazio. I jet, che si riconnettono attraverso la ionosfera, sono associati a campi elettrici, più potenti nella stagione invernale.

     

    Le correnti di Birkeland trasportano una potenza dell’ordine di un terawatt, circa 30 volte l’energia consumata a New York durante una ondata di calore estiva, quando i condizionatori lavorano al massimo. Gli strumenti a bordo dei satelliti “Swarm” sono i primi a consentire la visualizzazione dei jet di plasma supersonici.

     

    Altre informazioni:

    http://m.esa.int/Our_Activities/Observing_the_Earth/Swarm/Supersonic_plasma_jets_discovered

  • 25/03/2017 - L’oceano luccica e dice al satellite “Sentinel-2” come si muovono onde e correnti marine
  • 24/03/2017 - Prima assoluta: ricercatori italiani scoprono una “miniera” di ferro in una doppia pulsar
  • 23/03/2017 - Microbi partiti dal Sahara si sono adattati ai ghiacciai alpini: potrebbero vivere su Marte?
  • 22/03/2017 - Se avessimo occhi magnetici vedremmo la Terra così. Qui forse cadde un asteroide.
  • 22/03/2017 - Una frana mette a nudo il nucleo profondo della cometa Churyumov-Gerasimenko
  • 21/03/2017 - Le cellule immunitarie in assenza di peso tornano alla loro funzionalità in 42 secondi
  • 20/03/2017 - Troppo caldo il polo sud di Encelado, satellite di Saturno con un mare sotterraneo e geyser
  • 19/03/2017 - L’enigma di un super-Giove lontanissimo dal disco protoplanetario della sua giovane stella
  • 18/03/2017 - Tre studenti napoletani primi su 3400 candidati per un progetto del Lunar X Prize
Ricerca
  • Le Stelle
    175
  • Nuovo Orione
    309
  • Libri