Astronews a cura di Massimiliano Razzano

Fino al 13/11/2017 a cura di Piero Bianucci, fino al 20/01/2018 a cura di Luigi Bignami

  • 19/05/2019 - PROIETTILI DI MATERIA OSCURA NELLA GALASSIA?

    PROIETTILI DI MATERIA OSCURA NELLA GALASSIA?

    PROIETTILI DI MATERIA OSCURA NELLA GALASSIA?

    Si ritiene che le grandi galassie si siano accresciute ai danni di quelle più piccole, distrutte dall’azione gravitazionale e assorbite dalla struttura, principalmente nel bulge e più diffusamente nell’alone. Tuttavia, tali processi di completo assorbimento sono piuttosto lenti e un gran numero di detriti, disposti in ampi archi di stelle, sono stati identificati sulla volta celeste.

    Stiamo parlando dei flussi stellari (stellar stream), il cui studio rientra nell’archeologia galattica, lo studio della formazione della Via Lattea e in generale delle galassie. Studiare i flussi stellari è utile per comprendere l’evoluzione delle galassie ed è uno strumento valido per sondare le proprietà degli aloni di materia oscura che fungono da collante per la materia ordinaria.

    Tra i successi dell’archeologia galattica figura la scoperta del flusso stellare GD-1. Questo lungo e sottile filamento di stelle si estende all’esterno della Via Lattea ed è stato già studiato, soprattutto di recente, grazie ai dati astrometrici del satellite Gaia. Grazie ai dati più recenti, si è potuta tracciare in dettaglio la densità stellare di GD-1, che presenta alcune evidenti discontinuità. Gli addensamenti possono essere retaggi del progenitore (nel caso di GD-1 potrebbe essere la disgregazione di un ammasso globulare), mentre le lacune, che si estendono per dimensioni comprese tra i 30 e i 65 anni luce, sono tutte da interpretare. Secondo uno studio di Ana Bonaca, ricercatrice presso l'Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics, qualcosa dalla natura incerta si è scontrato con GD-1.

    Una lacuna di GD-1 presenta il bordo frastagliato, che sembra essere stato prodotto da qualcosa di enorme che abbia colpito in pieno lo stellar stream, tranciandolo e trascinandosi dietro un certo numero di stelle, Affinché ciò sia possibile, il proiettile deve avere “qualcosa come un milione di volte la massa del Sole. Ma non ci sono stelle di quella massa. E se fosse un buco nero, sarebbe un supermassiccio come quello che si trova al centro della Galassia ', ha detto la ricercatrice.

    Non sappiamo quando e come ci sia stato lo scontro, ma non dovrebbe essere avvenuto molto tempo fa; pertanto, il proiettile non dovrebbe essere molto lontano. L’ipotesi del buco nero supermassiccio si può accantonare perché non rileviamo gli effetti che produrrebbe il suo enorme disco di accrescimento; pertanto, si pensa a un addensamento compatto e massiccio, in larga parte costituito da materia oscura, dato che non si conoscono altri oggetti astrofisici capaci di produrre gli effetti osservati.

    La possibilità di essere alle prese con oggetti esotici è intrigante: questi proiettili che si tuffano nella Via Lattea offrirebbero la prova regina dell’esistenza della materia oscura sotto forma di globuli massicci e densi che circondano la Galassia.

    In Figura, il flusso stellare GD-1 è indicato nell’immagine superiore ricavata con studi di densità stellare nei dati della SDSS8. In basso, il recente studio, con dati del satellite Gaia, in cui sono state rilevate le lacune (gaps) lungo la struttura che si estende per molti gradi nel cielo settentrionale.

    Giuseppe Donatiello

  • 19/05/2019 - ONDE GRAVITAZIONALI PER TUTTI CON BLACKHOLES@HOME
  • 19/05/2019 - UNA PISTA DA PATTINAGGIO LUNGA 6300 KM
  • 19/05/2019 - FOTO DI GRUPPO CON 265 MILA GALASSIE
  • 03/05/2019 - Una kilonova all’origine dell’oro terrestre
  • 30/04/2019 - La materia oscura esiste: non servono spiegazioni alternative
  • 29/04/2019 - FIUMI IN PIENA NEL PASSATO DI MARTE
  • 29/04/2019 - CERCASI VOLONTARI PER SVELARE I SEGRETI DEL COSMO
  • 29/04/2019 - GAULT: UN ASTEROIDE CONDANNATO ALL’AUTODISTRUZIONE
  • 24/04/2019 - Registrato il primo terremoto marziano?
Ricerca
  • Le Stelle
    192
  • Nuovo Orione
    326
  • Libri