Astronews a cura di Massimiliano Razzano

Fino al 13/11/2017 a cura di Piero Bianucci, fino al 20/01/2018 a cura di Luigi Bignami

  • 06/03/2017 - “BepiColombo” supera i test e si prepara al lancio verso Mercurio nell’ottobre 2018

    “BepiColombo” supera i test e si prepara al lancio verso Mercurio nell’ottobre 2018

    “BepiColombo” supera i test e si prepara al lancio verso Mercurio nell’ottobre 2018

     

     

    L’Europa è quasi pronta al balzo verso Mercurio con la missione “BepiColombo”, intitolata al geniale matematico padovano che di Mercurio calcolò l’esatto periodo di rotazione. La navicella partirà verso il pianeta più piccolo e più vicino al Sole nell’ottobre 2018 dalla base europea di Kourou nella Guyane francese. Attualmente sta superando i test finali nei laboratori Estec dell’Agenzia Spaziale Europea (in Olanda). 

    Uno dei test più delicati, perfettamente riuscito, è stata la simulazione dell’apertura nello spazio dei tre pannelli solari della navicella, lunghi 7 metri e mezzo. Questo è sempre un punto delicato perché l’apertura avviene in assenza di peso e nel vuoto, quindi in condizioni non perfettamente riproducibili sulla Terra. Un altro test cruciale è quello che riguarda la resistenza alle forti vibrazioni che la navicella subisce al momento del lancio e durante l’ascesa fino al distacco dall’ultimo stadio del razzo vettore, che sarà l’affidabilissimo “Ariane 5”.

    L’orbiter “BepiColombo” ha richiesto una schermatura dalle radiazioni solari (foto) e un controllo termico passivo particolarmente accurati perché si troverà ad operare ad appena 60 milioni di chilometri dal Sole, poco più di un terzo della distanza a cui si trova la Terra. La schermatura è ottenuta con una pellicola di metallo argentea perfettamente riflettente.

    La missione prevede che l’orbiter europeo sia agganciato a un orbiter giapponese dedicato allo studio della magnetosfera di Maercurio. La traiettoria sarà assistita da colpi di “fionda” gravitazionale ottenuti in flyby della Terra, di Venere e dello stesso Mercurio. Dopo un viaggio di sette anni e due mesi, i due orbiter si separeranno e raccoglieranno in modo indipendente dati complementari sull’interno, la superficie, l’esosfera e la magnetosfera di Mercurio. Queste ricerche saranno utili per comprendere meglio la formazione del sistema solare e degli esopianeti.

    Altre informazioni:

    http://m.esa.int/spaceinimages/Images/2017/03/BepiColombo_solar_wing_deployment_test

    BepiColombo solar wing deployment test

    m.esa.int

    The European Space Agency portal features the latest news in space exploration, human spaceflight, launchers, telecommunications, navigation, monitoring and space science.

     

    http://sci.esa.int/bepicolombo/

     

    ESA Science & Technology: BepiColombo

    sci.esa.int

    BepiColombo is Europe's first mission to Mercury. It will set off in 2018 on a journey to the smallest and least explored terrestrial planet in our Solar System.

  • 05/03/2017 - Nel 2018 “Space X” ripeterà a 50 anni di distanza la circumnavigazione della Luna con ...
  • 04/03/2017 - Risolto l’enigma dell’altissima temperatura della corona del Sole: sono proprio le onde di ...
  • 03/03/2017 - Gli anelli di Saturno hanno le loro “stagioni” e la Divisione di Cassini brilla ...
  • 02/03/2017 - Record: da un buco nero supermassiccio soffia un “vento” a 71 mila chilometri al secondo
  • 01/03/2017 - L’enigma delle galassie con stelle ruotanti “a due sensi di marcia”
  • 26/02/2017 - Collaborazione Russia-Italia: nato il Centro Arnold-Regge per la Fisica Teorica
  • 26/02/2017 - La galassia di Andromeda ha un “cuore” di materia oscura o di stelle di neutroni
  • 25/02/2017 - Trent’anni fa esplodeva la supernova SN 1987a. Resta l’enigma dei suoi neutrini: furono 24 o ...
  • 24/02/2017 - 17 elementi chimici usati come “DNA stellare” tracciano l’albero genealogico di 22 stelle
Ricerca
  • Le Stelle
    175
  • Nuovo Orione
    309
  • Libri