Astro News a cura di Piero Bianucci

  • 10/12/2016 - Un chip permetterà di vedere gli esopianeti e analizzarne la luce per scoprire la vita

    Un chip permetterà di vedere gli esopianeti e analizzarne la luce per scoprire la vita

    Un chip permetterà di vedere gli esopianeti e analizzarne la luce per scoprire la vita

     

    Il concetto è quello del coronografo: nascondere il Sole con una ostruzione interna al telescopio per poterne vedere la corona, che è un milione di volte meno luminosa della fotosfera. Questa operazione, già difficile per il Sole, è difficilissima con una stella, che è puntiforme: osservare eventuali esopianeti con un disco occultatore è una tecnica al limite del possibile. Almeno fino ad oggi. Ma presto non sarà più così. Nessun disco occultatore. L’Australian Institute of Physics ha presentato un chip ottico che esclude la luce della stella, permettendo così di “estrarre” eventuali esopianeti dal suo bagliore. In queste condizioni sarebbe relativamente semplice analizzare la luce riflessa dagli esopianeti con uno spettroscopio per conoscerne la composizione e trarne conclusioni sull’esistenza di forme di vita. Una informazione importante, per esempio, verrebbe dalla scoperta delle righe di assorbimento dell’ozono,  

    Lo sviluppo del chip ha richiesto dieci anni di collaborazione tra università e industrie. «Si tratta – spiega il responsabile della ricerca Steve Madden della Australian National University, Canberra – di un interferometro che funziona in modo simile alle cuffie che cancellano il rumore». Nel caso dell’osservazione di esopianeti, «l’interferometro aggiunge onde uguali ma opposte a quelle della luce che proviene dalla stella annullandola: così può emergere la luce più debole».

    Nella foto: Stev Madden in laboratorio (Credit Stuart Hay, Anu)

    Altre informazioni:

    https://physics.anu.edu.au/people/profile.php?ID=348

    Associate Professor Stephen Madden - RSPE - ANU

    physics.anu.edu.au

    Associate Professor Stephen Madden, Senior Fellow, Laser Physics Centre - Profile page at the Research School of Physics and Engineering (RSPE) Australian National ...

     

     

     

  • 09/12/2016 - Morto l’astronauta John Glenn: nel 1962 fu il primo americano in orbita, nel 1998 il più anziano
  • 08/12/2016 - Ritratto dell’universo con materia oscura: pieni e vuoti, la distribuzione è discontinua
  • 07/12/2016 - Misura 2 metri il più piccolo oggetto interplanetario mai osservato: è “2015 TC25”
  • 06/12/2016 - Da Marte il satellite Phobos in 3D visto dalla sonda europea TGO arrivata il 19 ottobre 2016
  • 05/12/2016 - Nuova caccia alle onde gravitazionali: riaccesa l’antenna Usa, a marzo arriva quella europea
  • 04/12/2016 - Super-telescopi del futuro: immagini più nitide convertendo la luce infrarossa in luce visibile ...
  • 03/12/2016 - Così si spenderanno 10,3 miliardi di euro dell’Agenzia spaziale europea nel periodo 2017-2019
  • 02/12/2016 - In diretta come nasce una super-galassia: il modello è “Spiderweb”
  • 01/12/2016 - Domani si inaugura una “fabbrica” di astroparticelle esotiche nei laboratori di Legnaro ...
Ricerca
  • Le Stelle
    170
  • Nuovo Orione
    304
  • Libri