Astro News a cura di Piero Bianucci

  • 28/01/2016 - Entro il 2020 missioni spaziali con stormi di microsatelliti e sciami di sonde grandi come api

    Entro il 2020 missioni spaziali con stormi di microsatelliti e sciami di sonde grandi come api

    Entro il 2020 missioni spaziali con stormi di microsatelliti e sciami di sonde grandi come api

     

     

    Il futuro è dei microsatelliti e delle microsonde spaziali. E’ la rivoluzione delle nanotecnologie – nuovi materiali, sensori, motori e generatori di energia su scala molecolare – che si appresta a colonizzare l’orbita terrestre, Marte, gli asteroidi. La parola magica è “cubesat” e non è nuova: sono piccoli satelliti modulari, tipicamente di 10 centimetri di lato, peso tra 1 e 10 kg, controllo termico e schermatura antiradiazioni, che da un decennio vengono sviluppati da studenti delle università e dei politecnici come esercitazioni ma anche un po’ come supporto alla ricerca scientifica. Nuove sono però le prospettive che la nanotecnologia apre alla prossima generazione di “cubesat”. Avremo presto un gran numero di questi satelliti a basso costo di produzione e di lancio, e potranno lavorare in squadra nell’esplorazione e nella sorveglianza dello spazio. Più avanti nel tempo, ci saranno veri sciami di sonde, grandi come un insetto, che lavoreranno sulla Luna, su Marte, sugli asteroidi.

    E’ un campo fecondo specie per paesi con pochi mezzi finanziari. Al Mektory Space Centre di Tallin, in Estonia, un gruppo di studenti universitari sta costruendo il suo primo nanosatellite: partirà nel 2018. Niente di eccezionale, per ora: 'Stiamo sviluppando un cubesat teleorientabile per riprendere immagini della Terra dallo spazio' dice Mart Vihmand, capo del Mektory Space Centre.

    L'Agenzia Spaziale Europea lavora a nanosatelliti per missioni nello spazio profondo. Roger Walker coordina il programma Cubesat nel centro ESA di Nordwijk, Olanda. “Qarman” è uno dei prototipi in fase sperimentale, lancio entro un anno. Nel 2020 uno stormo di cubesat parteciperà alla missione per intercettare un piccolo asteroide.

    Altre informazioni: https://en.wikipedia.org/wiki/CubeSat

    http://www.esa.int/spaceinimages/Images/2015/01/QARMAN_CubeSat%20

     

     

     

  • 27/01/2016 - Il pianeta solitario non è più orfano ma conserva i suoi primati (distanza e durata dell’anno)
  • 27/01/2016 - Orologi quantistici primordiali potrebbero raccontarci la vera storia del Big Bang
  • 25/01/2016 - Europa e Stati Uniti insieme all’attacco dell’asteroide binario Didymos nel 2022
  • 24/01/2016 - Se 40 milioni di galassie vi sembrano pochi… beh, li potete avere nel vostro computer
  • 23/01/2016 - LISA ha raggiunto il suo posto di lavoro a 1,5 milioni di km dalla Terra. Un test per cercare le ...
  • 21/01/2016 - Scoperto (forse) il Pianeta X. I calcoli lo “vedono”, i telescopi non ancora
  • 21/01/2016 - Allarme pianeta Terra: il 2015 è stato l’anno più caldo da quando si fanno misure globali ...
  • 20/01/2016 - E’ sbocciato il primo fiore nello spazio: è una zinnia, ma ha sofferto l’assenza di peso
  • 20/01/2016 - L’”ombra” del buco nero al centro della Via Lattea diventa un test per la relatività di ...
Ricerca
  • Le Stelle
    161
  • Nuovo Orione
    295
  • Libri