Astronews a cura di Massimiliano Razzano

Fino al 13/11/2017 a cura di Piero Bianucci, fino al 20/01/2018 a cura di Luigi Bignami

  • 17/03/2017 - La teoria “It from Qubit”: lo spazio-tempo è un insieme di informazioni quantistiche correlate

    La teoria “It from Qubit”: lo spazio-tempo è un insieme di informazioni quantistiche correlate

    La teoria “It from Qubit”: lo spazio-tempo è un insieme di informazioni quantistiche correlate

     

     

    Lo spazio-tempo potrebbe essere costituito da un turbinio di bit quantistici di informazione, cioè da una sorta di “nebbia” di unità informatiche elementari correlate tra di loro tramite un fenomeno di entanglement. E’ una teoria innovativa, per adesso completamente astratta, che emergerebbe da una “fusione” tra la gravità relativistica e la meccanica dei quanti. Ed è anche una evoluzione della cosiddetta “teoria olografica” dell’universo. Circa 200 fisici teorici, informatici e cosmologi stanno lavorando su queste idee incontrandosi ogni tre mesi nell’ambito di un programma di ricerca denominato “It fron Qubit”, dove “it”, la “cosa” è lo spazio-tempo, il “vuoto quantistico” opportunamente rivisitato. Tra i fisici più in vista di questa ricerca c’è Brian Swingle della Stanford University. Il lavoro è finanziato dalla Simons Foundation.

    Se si scava in concetti fisici fondamentali come l’entropia, e quindi il secondo principio della termodinamica, alla fine si ritrova l’idea di informazione e di “atomo di informazione”, l’unità elementare che corrisponde al bit degli informatici e allo zero e uno del linguaggio dei computer. Ma mentre in un computer i bit sono coordinati da software (a loro volta fatti di bit) esterni all’hardware nel quale i bit vengono manipolati e memorizzati, nel caso dello spazio-tempo tutti i bit quantistici cosmologici sarebbero interrerlati in un gioco di reciproco influsso. “Quello che importa solo le relazioni tra i bit, più che i bit stessi – spiega Brian Swingle – perché è da queste relazioni che proviene la ricchezza del modello: l’aspetto cruciale non sono i costituenti ma il modo in cui si organizzano.” Aggiunge Vijay Balasumi dell’Università della Pennsylvania: “Se è vero, è entusiasmante”.

    Capire come lo spazio-tempo possa essere generato dall’entanglement significa ottenere una teoria della gravità quantistica completa, cosa che sembra ancora lontana. Stringhe e superstringhe però hanno preparato il terreno con un apparato matematico e concettuale che si rivelerà prezioso per “It from Qubit”.

    Nella foto: un momento dell’ultimo meeting del Progetto “It from Qubit”.

    Altre informazioni:

    https://www.simonsfoundation.org/mathematics-and-physical-science/it-from-qubit-simons-collaboration-on-quantum-fields-gravity-and-information/

     

    It from Qubit: Simons Collaboration on Quantum Fields ...

    www.simonsfoundation.org

    “It from Qubit” is a large-scale effort by some of the leading researchers in the fundamental physics and quantum information communities to foster

  • 16/03/2017 - Svelato il volto di Pan, piccola luna di Saturno scoperta nel 1990. Sembra un disco volante
  • 15/03/2017 - Meteore sotto controllo: inaugurata a Napoli la prima camera “all sky” del Sud d’Italia
  • 14/03/2017 - La rotazione delle stelle più vecchie racconta la storia dell’universo primordiale
  • 13/03/2017 - La sonda euro-russa TGO invia immagini stereo. Da un anno è in orbita intorno a Marte
  • 13/03/2017 - Polveri cosmiche belle come pietre preziose: ne scrive il “New York Times”
  • 11/03/2017 - Il tempo diventa “sfocato” per effetto dell’”entenglement gravitazionale”
  • 10/03/2017 - Missione JUNO nell’alta atmosfera e nel campo magnetico di Giove: meglio non rischiare
  • 09/03/2017 - Scoperta una popolazione di galassie primordiali, appena uscite dall’Era Oscura
  • 07/03/2017 - Il satellite europeo custode dell'ambiente “Sentinel-2B” estende l’area in alta definizione: ...
Ricerca
  • Le Stelle
    177
  • Nuovo Orione
    311
  • Libri