Astro News a cura di Piero Bianucci

  • 18/09/2015 - Le maree causate dalla Terra “massaggiano” la crosta lunare e ne orientano le frane

    Le maree causate dalla Terra “massaggiano” la crosta lunare e ne orientano le frane

    Le maree causate dalla Terra “massaggiano” la crosta lunare e ne orientano le frane

     

     

    La Terra, con la sua attrazione gravitazionale, plasma lentamente la Luna “pilotando” le frane di materiali friabili lungo le scarpate di montagne, faglie e crateri. Migliaia di “giovani” accumuli di suolo staccatosi da alture sono stati individuati analizzando le immagini ad alta risoluzione riprese dalla camera della sonda LRO, “Lunar Reconnaissance Orbiter”, della Nasa. Ultimamente sono state individuate altre 14 scarpate franose dalla caratteristica forma lobata, che sono andate ad aggiungersi alle 70 già note, tutte al limite di risoluzione (foto Nasa).

    All’origine di queste formazioni c’è un effetto di marea che continuamente modifica, sia pure di poco, la superficie del nostro satellite. Nella grande maggioranza delle frane la causa è di tipo geologico e va ricercata nel raffreddamento della crosta lunare e nella sua conseguente contrazione. Ma agisce anche un altro meccanismo. Come l’attrazione della massa lunare sposta le acque dei mari terrestri generando le maree, così la forza gravitazionale della Terra agisce sulla Luna, riuscendo talvolta a far franare depositi di materiali instabili. Queste frane sono lunghe di solito intorno ai 10 chilometri e hanno uno spessore dell’ordine di una decina di metri. Che sia responsabile la marea terrestre è stato dedotto dall’orientamento prevalente delle frane. Il “massaggio” della gravità terrestre alla superficie della Luna è comprovato dal buon accordo tra le osservazioni e gli orientamenti delle frane predetti teoricamente sulla base dei modelli mareali e di contrazione termica. La ricerca verrà pubblicata nel fascicolo di ottobre della rivista “Geology”.

    Altre informazioni:

     

    http://www.nasa.gov/press-release/goddard/shrinking-moon-tides

  • 17/09/2015 - Un oceano globale si nasconde sotto la superficie di Encelado, satellite di Saturno
  • 16/09/2015 - Scoperta la tremillesima cometa con la navicella SOHO progettata per lo studio del Sole
  • 13/09/2015 - Creata per la prima volta una “molecola di luce” costituita da 2 fotoni mantenuti a ...
  • 13/09/2015 - Raffiche di asteroidi bersagliarono la faccia nascosta della Luna 4 miliardi di anni fa
  • 11/09/2015 - In orbita il nono e decimo satellite della costellazione “Galileo”: nel 2016 l’Europa avrà ...
  • 09/09/2015 - A caccia di onde gravitazionali: la sonda-test LISA Pathfinder partirà il 27 novembre
  • 07/09/2015 - In funzione nel lago Baikal (Russia) il supertelescopio per neutrini “Dubna”: sarà completato ...
  • 06/09/2015 - Record di precisione per il Numero di Avogadro: servirà a ridefinire il kg, cioè l’unità di ...
  • 05/09/2015 - Esopianeti: se cerchi la vita, trova prima l’azoto nella loro atmosfera
Ricerca
  • Le Stelle
    158
  • Nuovo Orione
    292
  • Libri