Astro News a cura di Piero Bianucci

  • 28/07/2016 - Per la scoperta delle onde gravitazionali Premio Fermi a Barry Barish e Adalberto Giazotto

    Per la scoperta delle onde gravitazionali Premio Fermi a Barry Barish e Adalberto Giazotto

    Per la scoperta delle onde gravitazionali Premio Fermi a Barry Barish e Adalberto Giazotto

    Per la scoperta delle onde gravitazionali Premio Fermi a Barry Barish e Adalberto Giazotto

     

    Barry Barish e Adalberto Giazotto (rispettivamente a sinistra e destra nella foto) sono i vincitori del Premio “Enrico Fermi” 2016. La motivazione comune si riferisce al “loro fondamentale ruolo nella prima osservazione diretta delle onde gravitazionali” e alla “scoperta di buchi neri binari in coalescenza'. Come si ricorderà, la prima osservazione diretta delle onde gravitazionali previste dalla teoria della relatività generale di Einstein è avvenuta il 14 settembre 2015 ed è stata annunciata nel febbraio scorso su “Physical Review Letters”. Una seconda osservazione nel dicembre 2015 ha confermato il risultato di settembre. In entrambi i casi l’osservazione si deve alle due antenne americane LIGO, mentre l’antenna europea (italo-francese) VIRGO dovrebbe entrare in funzione a fine 2016. Le tecnologie sviluppate per VIRGO sono tuttavia state essenziali per realizzare LIGO. Lo specificano le due motivazioni personali. A Barry Barish, del California Institute of Technology di Pasadena Usa) il riconoscimento va 'per il suo fondamentale contributo alla creazione delle collaborazioni scientifiche LIGO e LIGO-VIRGO e per il suo ruolo rispetto a varie sfide tecnologiche e scientifiche la cui soluzione ha permesso la prima rivelazione delle onde gravitazionali'; ad Adalberto Giazotto, dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Pisa, Italia), 'per il suo contributo decisivo alla concezione e realizzazione del primo interferometro con super-attenuatori, VIRGO che ha reso possibile la ricerca di sorgenti di onde gravitazionali di bassa frequenza con una sensibilità senza precedenti'. Il Premio Fermi è stato istituito nel 2001 per celebrare il centenario della nascita del grande fisico italiano.

    Ci si domanda, ora, chi porterà a casa il Nobel per la fisica (2016 o 2017). Gli scienziati in corsa sono tre – come i posti disponibili sul palcoscenico della Concert Hall di Stoccolma – ma molti meriterebbero di gareggiare, anche se non tutti i mille e più che hanno firmato in ordine alfabetico l’articolo su “Physical Review Letters”. In pole position spiccano Rainer Weiss, Ronald Drever e Kip Thorne.

    Altre informazioni:

    https://en.wikipedia.org/wiki/Barry_Barish

     

    http://static.sif.it/SIF/resources/public/files/uomini-quarks/giazotto.pdf

  • 27/07/2016 - Scoperte 20 mila nuove sorgenti gamma: il volto segreto dell’universo più violento
  • 26/07/2016 - Dove sono finiti i grandi crateri di Cerere? Uno studio a guida italiana offre la risposta
  • 26/07/2016 - Ellittica, barrata, spirale, giovane e vecchia: UGC 1382 è la “galassia Frankenstein”
  • 25/07/2016 - E’ deciso: “Rosetta” scenderà sulla cometa il 30 settembre alle 12,30 dal lato opposto a ...
  • 24/07/2016 - Definito il rover della Nasa “Mars 2020”: è concepito per trovare segni di vita passata o ...
  • 23/07/2016 - “Hubble” si allea con le lenti gravitazionali per alzare il velo sulla frontiera ...
  • 22/07/2016 - Un quasar per localizzare con estrema precisione la sonda ExoMars in viaggio verso Marte
  • 21/07/2016 - Su Titano possono formarsi molecole pre-biotiche. Lo dicono i dati raccolti da “Huygens”
  • 20/07/2016 - Cancellata l’assemblea del Comitato per la ricerca spaziale prevista a Istanbul dal 30 luglio al ...
Ricerca
  • Le Stelle
    167
  • Nuovo Orione
    301
  • Libri