Astro News a cura di Piero Bianucci

  • 18/08/2016 - Gli ultimi vulcani di Mercurio si sono spenti 3 miliardi e mezzo di anni fa

    Gli ultimi vulcani di Mercurio si sono spenti 3 miliardi e mezzo di anni fa

    Gli ultimi vulcani di Mercurio si sono spenti 3 miliardi e mezzo di anni fa

     

    Su Mercurio gli ultimi vulcani si sono estinti 3,5 miliardi di anni fa. In quell’epoca, quando si è raffreddato, il piccolo pianeta si è contratto e la crosta ha sigillato i camini attraverso i quali il magma poteva risalire e fuoriuscire dai crateri vulcanici. Questo scenario è stato ricostruito dal geologo planetario Paul Byrne della North Carolina University grazie alla grande mole immagini e di dati trasmessi dalla sonda della Nasa “Messenger”, appositamente progettata per lo studio del pianeta più vicino al Sole. Dati e immagini hanno permesso a Byrne e colleghi di datare con modelli matematici le età assolute dei depositi effusivi osservati in molte regioni di Mercurio.

    «C’è una grande differenza tra Mercurio e la Terra, Marte o Venere: Mercurio ha un mantello, lo strato profondo dove il decadimento radioattivo produce calore, molto sottile e per questo la sua temperatura interna è scesa prima rispetto agli altri tre pianeti – ha spiegato Byrne – Questi nuovi risultati confermano previsioni fatte quarant’anni anni fa sul raffreddamento globale e sulla contrazione che mette uno stop al vulcanismo. Ora che siamo in grado di spiegare le proprietà vulcaniche e tettoniche di Mercurio, possiamo scrivere una storia coerente della sua formazione geologica e della sua evoluzione».

    Intanto si avvicina il lancio della prima sonda europea diretta a Mercurio, chiamata “BepiColombo” in memoria del grande meccanico celeste padovano: dovrebbe partire il 17 gennaio 2017 (disegno).

    I risultati della ricerca sui vulcani estinti sono stati pubblicati sulla rivista “Geophysical Research Letters”:

    http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/2016GL069412/abstract

    https://it.wikipedia.org/wiki/BepiColombo

     

     

  • 17/08/2016 - LHC (Cern) e IceCube (Polo Sud): nessuna particella esotica e nessun “neutrino sterile”
  • 16/08/2016 - Due milioni di anni fa la Terra attraversò i resti di una supernova: lo rivelano tracce di ...
  • 15/08/2016 - Cerere: un nucleo roccioso e un oceano sotterraneo. Lo dicono anomalie gravitazionali rilevate da ...
  • 14/08/2016 - Incursione nel lontano passato della supernova 1987A nella Grande Nube di Magellano
  • 13/08/2016 - Dieci miliardi di fotoni al secondo “illuminano” il nostro corpo provenendo dallo spazio ...
  • 13/08/2016 - Vesta non sarebbe un protopianeta intatto ma un aggregato di frammenti di altri asteroidi
  • 12/08/2016 - Ecco la pista di atterraggio su Marte del modulo “Schiaparelli”: scenderà il 19 ottobre
  • 12/08/2016 - Ad ogni eclisse l’atmosfera di Io (Il satellite galileiano più vicino a Giove) collassa e ...
  • 11/08/2016 - Neanche il superacceleratore LHC (Cern) finora è riuscito a produrre monopoli magnetici
Ricerca
  • Le Stelle
    167
  • Nuovo Orione
    301
  • Libri