Astro News a cura di Luigi Bignami

Fino al 13/11/2017 a cura di Piero Bianucci

  • 15/12/2016 - “Galileo” (il Gps europeo) entra in funzione. Un investimento di 10 miliardi di euro

    “Galileo” (il Gps europeo) entra in funzione. Un investimento di 10 miliardi di euro

    “Galileo” (il Gps europeo) entra in funzione. Un investimento di 10 miliardi di euro

    d

     

    L’otto dicembre 2016 i satelliti 13 e 14 del sistema europeo di geolocalizzazione “Galileo” lanciati il 24 maggio hanno concluso con successo i test di tutti gli apparati di bordo. Ogni dispositivo funziona alla perfezione, dagli orologi atomici ai carichi utili per i vari servizi (posizionamento anche nei canyon urbani, sicurezza, emergenze naturali, ambiente, ricerca, reti di distribuzione di energia, applicazioni ingegneristiche) che “Galileo” fornirà agli utenti. Il 17 novembre un razzo “Ariane 5” ha inserito in orbita altri 4 satelliti, portando a 18 la costellazione, che nel 2020, quando sarà completata, avrà 30 satelliti, dei quali 27 operativi e 3 di riserva. A questo punto il sistema europeo entra nella fase iniziale della sua operatività per il pubblico: un traguardo importante per l’Agenzia spaziale europea, la Commissione Europea e i privati che hanno affrontato un investimento complessivo di 10 miliardi di euro.

    Gli orologi atomici a bordo sono di due tipi: al rubidio e a maser all’idrogeno; il loro scarto giornaliero di un nanosecondo (un secondo in 3 milioni di anni) corrisponde a 30 centimetri percorsi dalla luce. A regime la precisione del sistema Galileo raggiungerà i 60 centimetri in quota, quanto è necessario per l’atterraggio dei grandi jet. Gli orologi, progettati in Svizzera all’Osservatorio di Neuchatel e realizzati alla Timex nella stessa città, sono stati verificati all’INRiM di Torino. Il sistema europeo è progettato per uso esclusivamente civile, mentre il GPS americano è nato per scopi militari ed è gestito dal Pentagono. Tuttavia “Galileo” è interoperabile con il GPS e anche con il GLONASS russo, avendo in comune alcune bande di trasmissione del segnale; è in vigore anche un accordo con il sistema cinese BeiDou.

    Una esclusiva di “Galileo” è l’“affidabilità certificata” che il servizio offre agli utenti professionali (in gennaio i Gps ebbero uno scardo di 13 microsecondi, pari a 4 km). Il servizio ai trasporti servirà dai jet di linea ai pedoni, quello di sicurezza potenzierà il numero telefonico europeo 112 per l’emergenza. Sono previsti 4 livelli di utenza. Il primo è gratuito e assicura un posizionamento con scarto di 4 metri sulla superficie terrestre e 8 metri in quota. Gli altri livelli, con crescente precisione, criptati, sono a pagamento per usi commerciali, industriali e civili. Ricorrendo alle stazioni al suolo la precisione può arrivare a meno di 10 centimetri. La vita media dei satelliti (che hanno una massa di 700 chilogrammi) sarà di 12 anni.

    Altre informazioni:

    http://www.esa.int/Our_Activities/Navigation/Galileo/Launching_Galileo

    Launching Galileo / Galileo / Navigation / Our Activities ...

    www.esa.int

    Flying the fantastic four 08 November 2016 This month, a single Ariane 5 rocket is set to propel four Galileo satellites into orbit for the navigation constellation ...

     

    http://esamultimedia.esa.int/docs/Navigation/BR-galileo_2014.pdf

     

     

  • 14/12/2016 - Olimpiadi dell’Astronomia 2017: in corso la selezione su 6000 iscritti
  • 13/12/2016 - Ricerca inglese: su un pianeta gassoso lontano 1000 anni luce piovono rubini e zaffiri
  • 12/12/2016 - Osservazione in diretta della “morte” di una stella inghiottita da un buco nero
  • 12/12/2016 - Astrofilo scopre macchie su una stella che fa coppia con una pulsar-vampiro
  • 11/12/2016 - Il fisico spagnolo Xavier Barcons sarà il nuovo direttore dell’Osservatorio australe europeo
  • 10/12/2016 - Un chip permetterà di vedere gli esopianeti e analizzarne la luce per scoprire la vita
  • 09/12/2016 - Morto l’astronauta John Glenn: nel 1962 fu il primo americano in orbita, nel 1998 il più anziano
  • 08/12/2016 - Ritratto dell’universo con materia oscura: pieni e vuoti, la distribuzione è discontinua
  • 07/12/2016 - Misura 2 metri il più piccolo oggetto interplanetario mai osservato: è “2015 TC25”
Ricerca
  • Le Stelle
    172
  • Nuovo Orione
    306
  • Libri