Astro News a cura di Piero Bianucci

  • 14/07/2015 - In queste ore le ceneri di Clyde Tombaugh raggiungono Plutone, il pianeta che scoprì nel 1930

    In queste ore le ceneri di Clyde Tombaugh raggiungono Plutone, il pianeta che scoprì nel 1930

    In queste ore le ceneri di Clyde Tombaugh raggiungono Plutone, il pianeta che scoprì nel 1930

     

     

    Sono le ore cruciali: la sonda della Nasa “New Horizons” sta sfiorando Plutone e il suo sistema di satelliti correndo a 49.600 chilometri all’ora. Questa è l’ultima immagine trasmessa e distribuita dalla Nasa. E’ stata scattata quando la navicella si trovava a un milione e mezzo di chilometri dal pianeta nano, poco prima che iniziasse la fase più delicata di un viaggio di quasi 5 miliardi di chilometri iniziato nel 2006.

    Due eventi simbolici rendono memorabile l’impresa. Primo: con oggi l’ultimo importante oggetto del Sistema solare, il più lontano tra quelli dell’astronomia “classica”, viene raggiunto e fotografato da vicino; si conclude quindi un’era spaziale. Secondo: Clyde Tombaugh raggiunge simbolicamente Plutone, il corpo celeste che scoprì nel 1930: a bordo di 'New Horizons' c’è infatti una minuscola urna con le sue ceneri. Altri piccoli oggetti accompagnano l’urna: due bandiere, un pezzo della SpaceShip One, due cd con le foto del team e 434 mila firme raccolte nell’iniziativa “Spedisci il tuo nome su Plutone”, due quarti di dollaro e un francobollo. Il massimo avvicinamento a Plutone, a 12.500 chilometri dalla sua superficie, sarà alle 13,50.

    La camera LORRI, focale di 2,6 metri, raccoglierà le immagini. Lo spettrografo Ralph fornirà immagini a colori a media risoluzione per l’identificazione dei rarefattissimi gas atmosferici; i rilievi nel vicino infrarosso daranno la composizione del suolo e la mappa termica delle strutture geologiche. Alice, spettrografo ultravioletto, completerà queste informazioni insieme con REX, esperimento di geo-radio-scienza. SWAP misurerà il vento solare intorno a Plutone, PEPSSI le particelle che sfuggono dall’atmosfera plutoniana, SDC – esperimento realizzato dagli studenti dell’Università del Colorado – rileverà le polveri spaziali, come ha già fatto durante tutto il viaggio. 

     

    Altre informazioni: http://eyes.jpl.nasa.gov/eyes-on-pluto.html

  • 10/07/2015 - Plutone in vista. In 10 ore si giocano 10 anni di viaggio attraverso il Sistema solare
  • 07/07/2015 - “Telescopio” a lente gravitazionale scruta nei raggi gamma l’orlo di un buco nero
  • 04/07/2015 - Nel 2018 osserveremo una pulsar attraversare il disco di polveri e gas intorno a una stella ...
  • 03/07/2015 - Primo ritratto globale del cielo e della Via Lattea visti dalla navicella astrometrica europea ...
  • 02/07/2015 - Niente polveri: confermata la rotta di “New Horizons” verso Plutone e il suo sistema di lune
  • 01/07/2015 - L’età di 33 stelle stimata con precisione con il satellite “Kepler” per la caccia agli ...
  • 30/06/2015 - 30 giugno 2015: Giornata Mondiale degli Asteroidi. Si prepara la missione Didymos
  • 29/06/2015 - Plutone occulta stelle: osservazioni da un Boeing a 13 mila metri con il telescopio infrarosso ...
  • 27/06/2015 - M 87, galassia cannibale: ecco come ingoiò una “collega” alcuni miliardi di anni fa
Ricerca
  • Le Stelle
    158
  • Nuovo Orione
    292
  • Libri