Astro News a cura di Luigi Bignami

Fino al 13/11/2017 a cura di Piero Bianucci

  • 05/12/2016 - Nuova caccia alle onde gravitazionali: riaccesa l’antenna Usa, a marzo arriva quella europea

    Nuova caccia alle onde gravitazionali: riaccesa l’antenna Usa, a marzo arriva quella europea

    Nuova caccia alle onde gravitazionali: riaccesa l’antenna Usa, a marzo arriva quella europea

     

    Le due antenne gravitazionali americane LIGO sono di nuovo accese da mercoledì 30 novembre. Durante la fermata tecnica sono ancora migliorati i loro dispositivi ottici ed elettronici. L’antenna di Livingstone, in Louisiana, è stata resa più sensibile del 25 per cento specialmente alla frequenza di 100 hertz grazie a una tecnica che riduce il rumore di fondo. Questo aggiornamento permetterà soprattutto la rivelazione di onde generate dalla fusione di buchi neri.

    Intanto sta arrivando in porto l’aggiornamento dell’antenna italo-francese VIRGO (foto), a Cascina, vicino a Pisa. La versione Advanced Virgo dovrebbe entrare in funzione verso la metà del mese di marzo. Ciò è molto importante perché se le due antenne LIGO e Advanced Virgo riuscissero a registrare in coincidenza un’onda gravitazionale diventerebbe possibile, con una triangolazione, identificare la direzione della sorgente. E’ meglio tuttavia non creare troppe aspettative perché la sensibilità delle due antenne americane rimane superiore a quella dell’antenna europea.

    «Per sensibilità – spiega Giovanni Losurdo dell’INFN, responsabile di Advanced Virgo – la nostra antenna non sarà all’altezza di LIGO. I suoi bracci sono più corti, 3 km contro 4 e, poiché la sensibilità è proporzionale alla lunghezza dei bracci, già questo introduce un fattore di minore efficienza. Ma Advanced Virgo risente anche di due anni di gap rispetto a LIGO, dovuti al fatto che sia il finanziamento sia la costruzione sono partiti due anni più tardi. Due anni di svantaggio, dunque, anche per il tempo dedicato alla messa a punto del rivelatore. Nella prima riaccensione il nostro obiettivo non sarà arrivare a una sensibilità confrontabile a quella di LIGO, ma a una sensibilità sufficiente a dare un contributo significativo al network. Anche un interferometro con sensibilità minore riesce a contribuire alla ricostruzione dell’evento, al puntamento e alla misura dei parametri. Certo, maggiore è la sensibilità del rivelatore, maggiore sarà anche l’accuratezza del puntamento. Però, con l’ingresso di Virgo, dovremmo riuscire a garantire un puntamento molto, ma molto, migliore di quello che si è registrato con le sole due antenne LIGO nel caso dei due eventi di settembre e dicembre 2015. Insomma, tutti aspettano Virgo. E presto Virgo ci sarà!».

    Altre informazioni:

    http://public.virgo-gw.eu/language/it/

    Advanced Virgo - Listening to the cosmic whisper

    public.virgo-gw.eu

    Listening to the cosmic whisper ... L’Accademia dei Disuniti di Pisa ha deciso di assegnare la Benemerenza al Merito sotto il Titolo di San Ranieri al Dott.



    https://www.ligo.caltech.edu/news/2016-11-30

     

    LIGO Resumes Search for Gravitational Waves

    www.ligo.caltech.edu

    After a series of upgrades, LIGO has turned back on and resumed its search for ripples in the fabric of space and time.

  • 04/12/2016 - Super-telescopi del futuro: immagini più nitide convertendo la luce infrarossa in luce visibile ...
  • 03/12/2016 - Così si spenderanno 10,3 miliardi di euro dell’Agenzia spaziale europea nel periodo 2017-2019
  • 02/12/2016 - In diretta come nasce una super-galassia: il modello è “Spiderweb”
  • 01/12/2016 - Domani si inaugura una “fabbrica” di astroparticelle esotiche nei laboratori di Legnaro ...
  • 30/11/2016 - Prima osservazione della “birifrangenza del vuoto”. Successo di una équipe a guida italiana
  • 29/11/2016 - Un orto da coltivare per avere cibo fresco in viaggio verso Marte. Sarà il trionfo delle patate
  • 28/11/2016 - ESA e NASA insieme per deviare un asteroide (in caso di necessità)
  • 27/11/2016 - Lieto fine per la meteorite “Clarendon”, seconda condrite degli Usa per massa (345 kg)
  • 26/11/2016 - La Via Lattea è circondata da decine di galassie nane finora sfuggite perché troppo deboli
Ricerca
  • Le Stelle
    172
  • Nuovo Orione
    306
  • Libri