Astro News a cura di Luigi Bignami

Fino al 13/11/2017 a cura di Piero Bianucci

  • 26/11/2016 - Nel corso della sua storia geologica Mercurio si è ristretto di 14 chilometri

    Nel corso della sua storia geologica Mercurio si è ristretto di 14 chilometri

    Nel corso della sua storia geologica Mercurio si è ristretto di 14 chilometri

     

     

    Nel 2018 partirà verso Mercurio (foto) la missione europea “BepiColombo” e molti si domandano che cosa potrà fare di nuovo dopo il lavoro pluriennale della sonda americana “Messenger” (Nasa). Bene, un “compito” glielo ha trovato la stessa “Messenger”: dalla mappa ad alta risoluzione ottenuta dai dati che ha trasmesso, un gruppo di ricercatori ha concluso che Mercurio, il più piccolo dei pianeti, si è contratto nel corso della sua evoluzione geologica, rimpicciolendosi di ben 14 chilometri. Lo suggerisce l’analisi di una valle lunga un migliaio di chilometri, larga 4 e profonda tremila metri nella regione del bacino da impatto chiamato Rembrandt (i toponimi di Mercurio sono tutti ispirati all’arte). Il diametro di Mercurio è di 4879 chilometri. Il restringimento è pari a 1/348; per un confronto, lo schiacciamento ai poli della Terra è di 1/298.

    In un articolo pubblicato su “Geophysical Research Letters”, Tom Watters, ricercatore presso lo Smithsonian National Air and Space Museum (Washington DC), argomenta che questa “ferita” nella crosta di Mercurio non è dovuta alla dinamica della tettonica a zolle, come ad esempio nel caso della Rift Valley nell’Africa centro-orientale, ma a una contrazione globale del pianeta seguita al raffreddamento del suo massiccio nucleo di ferro. 

    Un fenomeno del genere era già stato ipotizzato dopo le osservazioni della navicella “Mariner 10”, ma in misura minore: il restringimento, si ritenne allora, era compreso tra 2 e 4 chilometri. Toccherà quindi a “BepiColombo” approfondire questo studio, che è interessante proprio perché Mercurio non ha avuto una tettonica a zolle come la Terra.

    Altre informazioni:

    http://www.nasa.gov/feature/great-valley-found-on-m

    404

    www.nasa.gov

     

     

     

     

  • 26/11/2016 - La International Astronomical Union ha ufficializzato i nomi tradizionali di 227 stelle luminose ...
  • 24/11/2016 - Eccezionale foto di gruppo: ecco i 4 satelliti “Galileo” che stanno per dare vita al “GPS ...
  • 22/11/2016 - Test di curvatura per lo specchio del “Webb Space Telescope”. Lancio nell’ottobre 2018?
  • 21/11/2016 - Il “Beagle 2” nel 2003 scese bene su Marte ma un pannello solare bloccò l’antenna
  • 20/11/2016 - Le leggi dell’elettromagnetismo sono le stesse in tutto l’universo da almeno 8 miliardi di anni
  • 19/11/2016 - L’INAF (Istituto nazionale di astrofisica), secondo al mondo per produzione scientifica
  • 18/11/2016 - Scoperto per la prima volta “ghiaccio secco” su una cometa (la “Churyumov Gerasimenko”)
  • 17/11/2016 - Lancio record: altri 4 satelliti “Galileo” in orbita con “Ariane 5”. GPS europeo quasi ...
  • 17/11/2016 - Settimana del Meteo Spaziale: l’ESA “personalizza” i servizi di sorveglianza ...
Ricerca
  • Le Stelle
    172
  • Nuovo Orione
    306
  • Libri