Astronews a cura di Massimiliano Razzano

Fino al 13/11/2017 a cura di Piero Bianucci, fino al 20/01/2018 a cura di Luigi Bignami

  • 24/12/2016 - Questa immagine di tre quarti del cielo ripresa da Pan-STARRS equivale a un miliardo di selfie

    Questa immagine di tre quarti del cielo ripresa da Pan-STARRS equivale a un miliardo di selfie

    Questa immagine di tre quarti del cielo ripresa da Pan-STARRS equivale a un miliardo di selfie

     

     

    Due primati davvero astronomici, anche in senso figurato: informazioni su più di 3 miliardi di stelle raccolte in quattro anni dall’Osservatorio Pan-STARRS alle isole Hawaii e cinquantamila orbite completate da “Agile”, satellite italiano per le alte energie.

    La survey Pan-STARRS1 quasi rivaleggia con il satellite astrometrico europeo “Gaia”. Ha raccolto 2 petabyte di dati, corrispondenti a un miliardo di selfie. E quello che vedete è un puzzle di mezzo milione di immagini, ciascuna esposta per 45 secondi. Insieme compongono i tre quarti dell’intero cielo notturno. Naturalmente in questo chiarore, oltre alle stelle della Via Lattea ci sono anche milioni di galassie, nonché asteroidi che sfiorano la Terra, asteroidi della Fascia Principale o oggetti della remota Fascia di Kuiper. Il tutto è a disposizione di chiunque voglia consulatre la banca dati di Pan-STARRS1, lavoro a cui hanno contribuito numerosi team internazionali appartenenti a dieci istituzioni di ricerca sparse in quattro paesi, con l’appoggio della Nasa e della National Science Foundation americana.

    Il quarto di cielo mancante è quello meridionale, il grande arco è in realtà il disco della nostra galassia, la Via Lattea, con le sue nubi di polvere, visibili come filamenti tra il rossastro e marrone. Se l’immagine fosse stampata con la massima risoluzione possibile sarebbe lunga quasi due chilometri e mezzo. Il telescopio di Pan-STARRS (Panoramic Survey Telescope & Rapid Response System) ha un’apertura di 1,8 metri posto in cima al vulcano Haleakala, i cui rivelatori CCD sono sensibili alla luce visibile e al vicino infrarosso. Una seconda parte del catalogo sarà pubblicata entro il 2017.

    Il satellite dell’ASI “Agile” ha percorso la sua cinquantamillesima orbita il 19 dicembre. Lanciato il 27 aprile del 2007, lavora a 500 chilometri altezza ed è tuttora attivo. I dati vengono captati e rilanciati dalla nostra base di Malindi, in Kenya, fondata da Luigi Broglio.

    Link alla banca dati di Pan-STARRS1:

    http://panstarrs.stsci.edu/

    Space Telescope Science Institute - Login Page

    panstarrs.stsci.edu

    Note: Access to this data is for members of the PS1 Science Consortium only, and the use of the data is governed by the terms of the PS1SC Policies.



    L’Osservatorio Pan-STARRS:

    http://pswww.ifa.hawaii.edu/pswww/

    La app gratuita di “Agile”:

    http://www.media.inaf.it/2013/01/08/app-agile/

    Una app tutta per AGILE | MEDIA INAF

    www.media.inaf.it

    È un gioiello di design, il piccolo AGILE. Nella primavera del 2006, a meno di un anno dal lancio, quando lo andammo a vedere ormai ultimato a Tortona, presso i ...

     

     

     

  • 24/12/2016 - Betelgeuse inghiottì una stella che ne ha accelerato la rotazione. Sarà la prossima supernova?
  • 22/12/2016 - Cina, nel 2020 un altro primato: il più grande, alto e sensibile osservatorio per raggi cosmici
  • 21/12/2016 - “Gravità emergente”: teoria alternativa che non richiede l’esistenza della materia oscura
  • 20/12/2016 - I satelliti “Swarm” svelano le correnti di ferro fuso che generano la magnetosfera della Terra
  • 19/12/2016 - Micheleferrero e Fabiopagan: due asteroidi, uno all’impresa e uno al giornalismo
  • 18/12/2016 - Onde gravitazionali: a metà marzo l’antenna europea Advanced VIRGO sarà pronta a captarle
  • 18/12/2016 - Tre ricerche astronomiche tra le prime 10 che hanno più colpito il pubblico
  • 17/12/2016 - Firmato il contratto per “ExoMars 2020”. Un problema al software per “Juno” (Nasa)
  • 16/12/2016 - La Terra contiene 4 volte più acqua di quanto si stimava. Vale per tutti i pianeti rocciosi?
Ricerca
  • Le Stelle
    175
  • Nuovo Orione
    309
  • Libri