Astro News a cura di Luigi Bignami

Fino al 13/11/2017 a cura di Piero Bianucci

  • 22/10/2017 - Aborigeni australiani notarono variazioni di luminosità in Aldebaran, Antares e Betelgeuse

    Aborigeni australiani notarono variazioni di luminosità in Aldebaran, Antares e Betelgeuse

    Aborigeni australiani notarono variazioni di luminosità in Aldebaran, Antares e Betelgeuse

    C’è stata una astronomia degli aborigeni australiani: queste antiche popolazioni avrebbero osservato oscillazioni della luminosità di tre stelle giganti rosse: Antares, Aldebaran e Betelgeuse. Risulta dalle loro tradizioni orali recentemente reinterpretate da ricercatori di etnografia e antropologia. Le osservazioni di stelle variabili degli aborigeni australiani precedono le prime registrazioni di astronomi europei come David Fabricius, che nel 1596 notò le vistose variazioni di Mira Ceti, poi misurate con precisione in ampiezza e periodicità da Johannes Hevelius nel 1662. La narrazione degli aborigeni australiani risale indietro nel tempo fino a 65 mila anni fa: non si può escludere, quindi, che possa fornire informazioni interessanti per comprendere meglio l’evoluzione delle stelle giganti rosse.

    La tradizione orale australiana riporta anche storie di eruzioni vulcaniche, grandi eventi geologici e meteorologici, forse osservazioni delle Iadi e delle Pleiadi, probabili impatti di meteoriti. Lo studio su questo inatteso patrimonio di archeoastronomia è pubblicato sull’”Australian Journal of Astronomy” e si deve a Duane Hamacher della Monash University and University of Southern Queesland (Australia).

    Fino ad ora i racconti degli aborigeni riguardanti variazioni luminose di corpi celesti venivano riferiti ai pianeti. La nuova interpretazione deriva da una diversa identificazione dei nomi usati dagli aborigeni per indicare gli astri principali e orienta verso imponenti fenomeni di variabilità stellare, come quelli manifestati in epoca storica recente da Eta Carinae. Le oscillazioni sarebbero state di poco meno di una magnitudine, 47 i periodi osservati per Betelgeuse e 11 per Antares. Anche altre antiche civiltà avevano notato oscillazioni di brillantezza tra le stelle: un papiro egizio noto come “Calendario del Cairo”, databile intorno al 1200 avanti Cristo, fa riferimento alla stella Algol, detta in occidente “stella del diavolo”, poi riconosciuta come una binaria ad eclisse.

    La foto, la costellazione di Orione; la freccia indica Betelgeuse.

    Altre informazioni:

    https://arxiv.org/abs/1709.04634

     

     

  • 21/10/2017 - Con il 2018 si concluderà la missione “Dawn” della Nasa intorno al pianeta nano Cerere
  • 20/10/2017 - Il 30 ottobre esordisce a Roma SWERTO, banca dati del servizio “meteo spaziale”
  • 19/10/2017 - Una stella simile al Sole ha divorato pianeti rocciosi per una massa pari a 15 Terre
  • 18/10/2017 - Primi dati scientifici del radiotelescopio cinese da 500 metri: captate due pulsar
  • 17/10/2017 - Il 23 ottobre si inaugura CUORE, esperimento per Majorana nei Laboratori Gran Sasso
  • 16/10/2017 - CLAMOROSO: nata l’astronomia multimessaggio (gravitazionale e intero spettro elettromagnetico)
  • 15/10/2017 - Record: la Panstarrs C/2017 K2 è la più lontana cometa attiva mai osservata
  • 14/10/2017 - Un asteroide intitolato all’astronauta Luca Parmitano
  • 13/10/2017 - Per 70 milioni di anni la Luna ebbe un’atmosfera generata da eruzioni vulcaniche
Ricerca
  • Le Stelle
    172
  • Nuovo Orione
    306
  • Libri