Astro News a cura di Piero Bianucci

  • 27/01/2017 - Lenti gravitazionali confermano l’accelerazione dell’espansione cosmica

    Lenti gravitazionali confermano l’accelerazione dell’espansione cosmica

    Lenti gravitazionali confermano l’accelerazione dell’espansione cosmica

     

    L’accelerazione dell’espansione dell’universo, scoperta nel 1998 con osservazioni di supernove del tipo Ia, è stata confermata da misure indipendenti, fatte con il telescopio spaziale “Hubble” aiutato da lenti gravitazionali e da altri telescopi terrestri. La nuova misura è in buon accordo con quelle precedenti, che nel 2011 hanno dato il premio Nobel per la fisica a Saul Perlmutter, Brian Schmidt e Adam Reiss. Questo risultato è di particolare importanza perché di recente erano sorti dubbi sull’affidabilità delle misure basate sulle supernove del tipo Ia eseguite da Perlmutter, Schmidt e Reiss. Alcune discrepanze emergevano infatti dall’analisi del fondo di radiazione cosmica misurato con grande accuratezza dal satellite europeo “Planck” e anche da altre misure relative all’universo locale fatte con il metodo tradizionale delle cefeidi.

    Il nuovo metodo di misura si fonda sul fatto che la luce che ci arriva da grandi distanze deviata da masse interposte che funzionano da lenti gravitazionali percorre distanze diverse proprio a causa delle deviazioni e quindi ci arriva in tempi diversi. Di qui si può risalire a una stima della velocità di espansione dell’universo e della sua accelerazione. E’ un metodo sicuro ed elegante, che utilizza soltanto la geometria e la relatività generale.

    Il team che ha svolto il lavoro unendo gli sforzi di varie collaborazioni internazionali ha pubblicato una serie di contributi sul “Monthly Notices of the Royal Astronomical Society”. Leader della ricerca è Sherry Suyu del Max Planck Institute for Astrophisics di Garching. Nella foto di “Hubble”, una lente gravitazionale produce 4 immagini dello stesso quasar disposte con una simmetria perfetta.

    Altre informazioni:

    http://sci.esa.int/hubble/58726-cosmic-lenses-support-finding-on-faster-than-expected-expansion-of-the-universe-1702/

  • 26/01/2017 - Capodanno 2019: “New Horizons” ci mostrerà il corpo celeste più lontano mai raggiunto
  • 25/01/2017 - “Gaia” ha scoperto il suo primo asteroide: gradito effetto collaterale del satellite europeo
  • 24/01/2017 - Sonda giapponese scopre su Venere gigantesche “onde di gravità” atmosferiche
  • 23/01/2017 - Scoperto il terzo sistema esoplanteario avvolto in un sistema di comete
  • 22/01/2017 - “Curiosity” avrebbe scoperto su Marte la sua terza meteorite metallica
  • 21/01/2017 - La stella più lontana appartenente alla Via Lattea è una gigante rossa a 900 mila anni luce
  • 19/01/2017 - La Nasa spenderà 2,6 miliardi di dollari per portare sulla Terra sassi di Marte incontaminati
  • 18/01/2017 - 2016: ecco 366 giorni di Sole visti dal satellite europeo Proba-2
  • 17/01/2017 - Addio a Cernan. Aveva 82 anni. Fu l’ultimo uomo a camminare sulla Luna (dicembre 1972)
Ricerca
  • Le Stelle
    163
  • Nuovo Orione
    297
  • Libri