Astronews a cura di Massimiliano Razzano

Fino al 13/11/2017 a cura di Piero Bianucci, fino al 20/01/2018 a cura di Luigi Bignami

  • 24/12/2016 - Betelgeuse inghiottì una stella che ne ha accelerato la rotazione. Sarà la prossima supernova?

    Betelgeuse inghiottì una stella che ne ha accelerato la rotazione. Sarà la prossima supernova?

    Betelgeuse inghiottì una stella che ne ha accelerato la rotazione. Sarà la prossima supernova?

     

     

    Betelgeuse, la seconda stella più brillante della costellazione di Orione, è una gigante rossa che ruota su stessa con una velocità sorprendente: l’astronomo J. Craig Wheeler, Università del Texas, ha scoperto che la sua velocità di rotazione è 150 volte maggiore rispetto a ogni altra stella isolata con le sue caratteristiche. La spiegazione di questo fatto proposta dal team di Wheeler è che Betelgeuse fosse un tempo una stella binaria e che abbia fagocitato in epoca relativamente recente – circa 100 mila anni fa – la sua compagna, che aveva una massa di tipo solare. Ciò avrebbe compattato la stella accelerandone la rotazione, come accade a una pattinatrice che, girando su se stessa, avvicini le braccia ai fianchi.

    L’idea di Wheeler è suffragata da osservazioni fatte nel 2012 dal telescopio spaziale “Herschel” nell’infrarosso; le sue immagini mostrano due gusci di plasma intorno alla stella. La ricerca, riportata il 19 dicembre da “Monthly Notices of the Royal Astronomical Society”, rientra in un ampio progetto di indagini su Betelgeuse in quanto prototipo delle stelle super-massicce. La massa di questa stella è infatti 19 volte quella del Sole, il diametro è di 1,2 miliardi di chilometri – più dell’orbita di Giove, come si vede dall'illustrazione – e l’energia irradiata 126 mila volte quella solare.

    Attualmente un punto sull’equatore di Betelgeuse si sposta a 15 chilometri al secondo, da confrontare con i 2 km/s del nostro Sole, ma in passato sarebbe stata assai più veloce. La sua età è di 8-9 milioni di anni, molto per una stella così massiccia. Ci troveremmo quindi abbastanza vicini all’esplosione di Betelgeuse come supernova. Sarebbe uno spettacolo eccezionale, considerando che questa stella è “soltanto” a 650 anni luce da noi.

    Altre informazioni:

    http://www.skyandtelescope.com/astronomy-news/did-betelgeuse-swallow-its-companion/?utm_source=newsletter&utm_campaign=sky-jkb-nl-161223&utm_content=909279_SKY_HP_eNL_161223&utm_medium=email

    Did Betelgeuse Swallow Its Companion? - Sky & Telescope

    www.skyandtelescope.com

    The red supergiant in Orion's shoulder seems to be spinning too fast. Did Betelgeuse get a boost when it merged with a companion star 100,000 years ago?

     

     

     

     

  • 22/12/2016 - Cina, nel 2020 un altro primato: il più grande, alto e sensibile osservatorio per raggi cosmici
  • 21/12/2016 - “Gravità emergente”: teoria alternativa che non richiede l’esistenza della materia oscura
  • 20/12/2016 - I satelliti “Swarm” svelano le correnti di ferro fuso che generano la magnetosfera della Terra
  • 19/12/2016 - Micheleferrero e Fabiopagan: due asteroidi, uno all’impresa e uno al giornalismo
  • 18/12/2016 - Onde gravitazionali: a metà marzo l’antenna europea Advanced VIRGO sarà pronta a captarle
  • 18/12/2016 - Tre ricerche astronomiche tra le prime 10 che hanno più colpito il pubblico
  • 17/12/2016 - Firmato il contratto per “ExoMars 2020”. Un problema al software per “Juno” (Nasa)
  • 16/12/2016 - La Terra contiene 4 volte più acqua di quanto si stimava. Vale per tutti i pianeti rocciosi?
  • 15/12/2016 - “Galileo” (il Gps europeo) entra in funzione. Un investimento di 10 miliardi di euro
Ricerca
  • Le Stelle
    177
  • Nuovo Orione
    311
  • Libri