Astro News a cura di Piero Bianucci

  • 09/04/2015 - “Nature”: il sistema Terra-Luna nacque dallo scontro tra due proto-terre più piccole di ...

    “Nature”: il sistema Terra-Luna nacque dallo scontro tra due proto-terre più piccole di quella attuale

    “Nature”: il sistema Terra-Luna nacque dallo scontro tra due proto-terre più piccole di quella attuale

     

    La Terra primordiale, convenzionalmente chiamata Theia, era un po’ più piccola di quella attuale e aveva una gemella di massa e dimensioni molto simili, un altro protopianeta tra le migliaia che orbitavano nel Sistema solare durante il suo periodo di formazione, 4,5 miliardi di anni fa. Le due Terre gemelle entrarono in collisione e quando la gravità rimise insieme i “cocci” si generarono la Luna e il pianeta che oggi abitiamo. E’ la ricostruzione delle origini del sistema Terra-Luna fornita da nuove e più raffinate simulazioni al calcolatore. Ne riferisce “Nature” del 9 aprile in un suo editoriale e in un articolo scientifico firmato da Alessandra Mastrobuono-Battisti, Hagai B. Perets e Sean N. Raymond, rispettivamente dell’Istituto di Tecnologia di Haifa (Israele), del Cnrs Laboratoire d’Astrophysique di Bordeaux e dell’Università di Bordeaux (Francia). La nuova teoria spiega meglio la similarità di composizione geologica e chimica (isotopica) della Terra e della Luna. Il lavoro scientifico presentato da “Nature” distingue due modalità principali di formazione dei pianeti e dei loro satelliti: 1) per accrezione graduale a partire da piccoli planetesimi, ciò che ha dato luogo a composizioni isotopiche e geologiche più diversificate; 2) per collisione tra due grandi proto-pianeti, che invece ha generato corpi chimicamente e geologicamente più omogenei.

    Altre informazioni nell’editoriale di “Nature” e nell’articolo originale:

    http://www.nature.com/news/lunar-affairs-1.17268?WT.ec_id=NATURE-20150409

    http://www.nature.com/articles/nature14333.epdf?referrer_access_token=Gn3zldTMmFlNYPeB8jO7y9RgN0jAjWel9jnR3ZoTv0M0nhI-4VSLSyIECuQcQc7exNz5M_z-JaUICITrvtT1M9hLZwbfCwfBlCEegMgQdhlgPLNRe43QsVRVnILS7keVpBUni1GeMG3ZLwTX3-wtXaJ58M0Sgk07E6ILlMFQAX4hLS5DVhXSr5T8mZkPsRe-NKQRWHrgVSHWvOuQQj-eAA%3D%3D&tracking_referrer=www.nature.com

  • 08/04/2015 - E' morto Giorgio Salvini, un padre della fisica italiana, contribuì alla scoperta di W e Z
  • 07/04/2015 - Il pianetino Giunone rivela i suoi segreti ad ALMA nelle onde millimetriche
  • 06/04/2015 - Ginevra, CERN: riacceso LHC. Raddoppierà l’energia: caccia alla materia oscura
  • 03/04/2015 - Asimmetrie nel microcosmo e nell’universo: prima misura quantitativa sui quark (INFN)
  • 01/04/2015 - Astrofisico italiano in copertina su “Nature”: scoperta la causa di un “vuoto stellare”
  • 30/03/2015 - Mercurio: orbita n. 4000 per la sonda “Messenger” (Nasa). Lo sonda europea partirà nel 2017
  • 28/03/2015 - Altri due satelliti “Galileo” in orbita: il “Gps europeo” raggiunge quota 8, sarà ...
  • 28/03/2015 - Scontro stellare scoperto 340 anni dopo: risolto l’enigma della Nova Vulpeculae studiata da ...
  • 28/03/2015 - Altri due satelliti “Galileo” in orbita: il “Gps europeo” raggiunge quota 8, sarà ...
Ricerca
  • Le Stelle
    157
  • Nuovo Orione
    291
  • Libri