Astro News a cura di Piero Bianucci

  • 28/08/2016 - Scoperta nella Chioma di Berenice una galassia fatta al 99.99 per cento di materia oscura

    Scoperta nella Chioma di Berenice una galassia fatta al 99.99 per cento di materia oscura

    Scoperta nella Chioma di Berenice una galassia fatta al 99.99 per cento di materia oscura

     

    Una galassia scoperta di recente perché scarsamente luminosa risulta fatta al 99,99 per cento di materia oscura (foto). E’ la sconcertante conclusione a cui è giunto un gruppo di astronomi studiando il moto delle stelle della galassia chiama Dragonfly 44 nell’ammasso della Chioma di Berenice, a 300 milioni di anni luce da noi. Lo studio, condotto tra gli altri da Roberto Abraham dell’Università di Toronto, in pre-print su arXiv, ha analizzato per 35,5 ore il moto di un gruppo di stelle con lo spettrografo multi-oggetto montato sul telescopio Keck II da 10 metri e con il telescopio Gemini North da 8 metri. Il moto è assai veloce perché risente di grandi masse sparse nei dintorni: si è così potuto stabilire che la massa oscura di cui tracciano l’invisibile presenza è enormemente maggiore della massa che emette luce. Dragonfly 44 ha una massa paragonabile a quella nostra Via Lattea (100 miliardi di Soli) ed è circondata da 94 ammassi globulari ma ha dun numero di stelle ridottissimo (un centesimo della Via Lattea). Per questo è sfuggita a lungo alle osservazioni.

    «Tutto ciò ha implicazioni importanti per lo studio della materia oscura – dice il coautore Peter van Dokkum – Abbiamo degli oggetti composti quasi interamente di materia oscura, perciò non siamo confusi dalle stelle e da tutte le altre cose presenti in una galassia. Qualche anno fa, le galassie di questo tipo ci apparivano minuscole. Ora questa scoperta apre una nuova finestra su una nuova classe di oggetti massivi, che possiamo analizzare più facilmente grazie al potere esplorativo di telescopi sempre più potenti». «In definitiva, ciò che vogliamo è capire che cos’è la materia oscura», conclude Dokkum. «Gli astronomi sono in piena corsa alla ricerca di galassie massive oscure che sono addirittura più vicine di Dragonfly 44. L’obiettivo è cercare deboli segnali che possano essere riconducibili alla presenza di qualche particella di materia oscura».

    Altre informazioni:

    http://arxiv.org/abs/1606.06291

     

     

  • 27/08/2016 - Viaggio di una sonda verso Proxima Centauri: polveri e gas sono un rischio serio
  • 26/08/2016 - Il terremoto visto dai satelliti: il suolo si è abbassato di 20 cm, la faglia spostata di 1 metro
  • 26/08/2016 - Superato il limite di diffrazione con un dispositivo di ottica quantistica
  • 25/08/2016 - Terra-bis intorno a Proxima Centauri, la stella più vicina: ridimensionate le speranze di ...
  • 24/08/2016 - Le “caverne cosmiche” usate per porre limiti più precisi ai test di relatività e ...
  • 23/08/2016 - Nel 2019 due satelliti “Proba-3” produrranno regolarmente eclissi totali di Sole
  • 22/08/2016 - Record di distanza dell’ESA per un collegamento interplanetario: 1,44 miliardi di chilometri
  • 21/08/2016 - Il 14 settembre i primi dati della missione astrometrica GAIA su un miliardo di stelle
  • 19/08/2016 - Scoperta una Terra-bis intorno a Proxima Centauri, la stella più vicina a noi (4,24 anni luce)
Ricerca
  • Le Stelle
    170
  • Nuovo Orione
    304
  • Libri