Astro News a cura di Piero Bianucci

  • 10/01/2016 - Finalmente individuato il cratere scavato sulla Luna dall’ultimo stadio della missione Apollo 16

    Finalmente individuato il cratere scavato sulla Luna dall’ultimo stadio della missione Apollo 16

    Finalmente individuato il cratere scavato sulla Luna dall’ultimo stadio della missione Apollo 16

     

    Ci sono voluti anni spesi in un esame minuzioso delle migliaia di immagini ad alta risoluzione riprese dal satellite della Nasa in orbita lunare LRO (Lunar Reconnaissance Orbiter) con la Narrow Angle Camera (LROC) ma adesso finalmente è stato identificato il sito di impatto dello stadio di Apollo 16 fatto precipitare appositamente sulla Luna per vederne gli effetti (esperimento – un po’ violento – fatto per la prima volta con l’Apollo 13, unica missione che non consentì lo sbarco degli astronauti, e ripetuto nelle missioni successive).

    Lo stadio S.IVB di Apollo 16 ha scavato un cratere di 40 metri nel Mare Insularum, 260 chilometri a sud-ovest di Copernicus, cratere largo 93 chilometri circondato da un vistoso sistema di raggiere. Il Mare Insularum è una depressione a circa mille metri sotto il convenzionale livello zero della superficie lunare. Con LRO furono quasi subito trovati i crateri prodotti da Apollo 13, 14, 15 e 17 perché la telemetria aveva permesso di conoscere con buona precisione (un errore non superiore a 7 chilometri) le zone di impatto. Nel caso di Apollo 16 invece il contatto radio si perse un po’ prima. Per questo il cratere è stato finalmente riconosciuto a 30 chilometri dal punto stimato. Gli impatti servirono a sondare con piccoli terremoti superficiali la geologia lunare e a tarare i sismografi lasciati dagli astronauti. Con questi crateri artificiali la Luna divenne il secondo corpo celeste modificato dall’azione dell’uomo.

    Altre informazioni:

    https://en.wikipedia.org/wiki/Lunar_Reconnaissance_Orbiter

    https://www.nasa.gov/image-feature/goddard/lro-finds-apollo-16-booster-rocket-impact-site

     

     

     

  • 08/01/2016 - Seconda giovinezza per il satellite “Fermi”: un nuovo software potenzia il suo “sguardo” ...
  • 07/01/2016 - Con il 2016 quattro nuovi elementi chimici sono entrati nella Tavola Periodica
  • 06/01/2016 - Proposta nuova tecnica per individuare la materia oscura nelle galassie e nei loro ammassi
  • 06/01/2016 - “Radiografati” nella galassia di Andromeda 40 sistemi binari di stelle di neutroni
  • 03/01/2016 - Lampi radio super-potenti causati da asteroidi che cadono su stelle di neutroni?
  • 02/01/2016 - Telescopio spaziale “James Webb”: a metà strada il montaggio dello specchio principale
  • 01/01/2016 - Il 2016 si apre con una cattiva notizia: rinvio di 2 anni per il lancio di “InSight” verso ...
  • 31/12/2015 - “Nature”: prevedibili le espulsioni di plasma dal Sole che minacciano astronauti e satelliti
  • 28/12/2015 - Videoclip della geologia di Plutone. E prossimamente di oggetti della Fascia di Kuiper
Ricerca
  • Le Stelle
    164
  • Nuovo Orione
    298
  • Libri