Astronews a cura di Massimiliano Razzano

Fino al 13/11/2017 a cura di Piero Bianucci, fino al 20/01/2018 a cura di Luigi Bignami

  • 06/12/2016 - Da Marte il satellite Phobos in 3D visto dalla sonda europea TGO arrivata il 19 ottobre 2016

    Da Marte il satellite Phobos in 3D visto dalla sonda europea TGO arrivata il 19 ottobre 2016

    Da Marte il satellite Phobos in 3D visto dalla sonda europea TGO arrivata il 19 ottobre 2016

     

     

    Per guardare questa immagine di Phobos, uno dei due piccoli satelliti di Marte, dovete inforcare un paio di occhialini 3D con un filtro di plastica rossa sull’occhio sinistro e uno di plastica blu su quello destro. Disponetevi a una ventina di centimetri di distanza e proverete l’emozione di essere un’astronave che va incontro a Phobos. Vi impressionerà vedere il rilievo di crateri ma più ancora il rigonfiamento di questo enigmatico oggetto oblungo. 

    L'immagine in 3D diffusa dall'ESA è stata ripresa durante le due orbite del 20 e 28 novembre dal satellite europeo ExoMars Trace Orbite (TGO), arrivato in orbita marziana il 19 ottobre, insieme con lo sfortunato modulo di atterraggio “Schiaparelli”, che invece ha avuto un impatto violento con il suolo. Il satellite è in fase di calibrazione, ma come potete constatare offre già prestazioni straordinarie. L’altra buona notizia è l’ESA ha deciso nella riunione interministeriale del 2 dicembre il rifinanziamento dei ExoMars 2.

    I satelliti Phobos (Paura, in greco) e Deimos (Spavento) sono forse due asteroidi catturati da Marte, o il risultato – secondo una ipotesi recentissima – dell’aggregazione di materiali strappati al pianeta da uno scontro radente. Phobos orbita a 6000 chilometri dalla superficie di Marte e misura 27x22x18 chilometri. Le immagini del 26 novembre sono state riprese da una distanza di 7700 chilometri. TGO sta attualmente seguendo un’orbita molto ellittica, con il punto più vicino a Marte (periastro) a 230-310 chilometri dalla superficie del pianeta e il punto più lontano (apoastro) a 98 mila chilometri. Il periodo orbitale è di sei giorni e 5 ore.

    La foto qui riprodotta è di piccolo formato. Troverete l’originale e altre informazioni all’indirizzo:

    http://m.esa.int/Our_Activities/Space_Science/ExoMars/ExoMars_orbiter_images_Phobos

     

    ExoMars orbiter images Phobos

    m.esa.int

    The ExoMars Trace Gas Orbiter has imaged the martian moon Phobos as part of a second set of test science measurements made since it arrived at the Red Planet on 19 October.

  • 05/12/2016 - Nuova caccia alle onde gravitazionali: riaccesa l’antenna Usa, a marzo arriva quella europea
  • 04/12/2016 - Super-telescopi del futuro: immagini più nitide convertendo la luce infrarossa in luce visibile ...
  • 03/12/2016 - Così si spenderanno 10,3 miliardi di euro dell’Agenzia spaziale europea nel periodo 2017-2019
  • 02/12/2016 - In diretta come nasce una super-galassia: il modello è “Spiderweb”
  • 01/12/2016 - Domani si inaugura una “fabbrica” di astroparticelle esotiche nei laboratori di Legnaro ...
  • 30/11/2016 - Prima osservazione della “birifrangenza del vuoto”. Successo di una équipe a guida italiana
  • 29/11/2016 - Un orto da coltivare per avere cibo fresco in viaggio verso Marte. Sarà il trionfo delle patate
  • 28/11/2016 - ESA e NASA insieme per deviare un asteroide (in caso di necessità)
  • 27/11/2016 - Lieto fine per la meteorite “Clarendon”, seconda condrite degli Usa per massa (345 kg)
Ricerca
  • Le Stelle
    177
  • Nuovo Orione
    311
  • Libri