Astronews a cura di Massimiliano Razzano

Fino al 13/11/2017 a cura di Piero Bianucci, fino al 20/01/2018 a cura di Luigi Bignami

  • 11/10/2016 - Chi fu il primo a sospendere nello spazio il pianeta Terra? Cercatelo in questo sito web

    Chi fu il primo a sospendere nello spazio il pianeta Terra? Cercatelo in questo sito web

    Chi fu il primo a sospendere nello spazio il pianeta Terra? Cercatelo in questo sito web

     

    Quand’è che per la prima volta la Terra fu immaginata come una sfera sospesa nello spazio? Alcuni filosofi dell’antica Grecia ci avevano pensato ma la documentazione è scarsa. L'idea sopravvive sotto traccia per tutta l'antichità e il medioevo. Con Copernico, Keplero e Galileo la Terra divenne un pianeta come gli altri e quindi al di là di ogni dubbio doveva essere in moto nello spazio vuoto intorno al Sole. Il “De revolutionibus” di Copernico è del 1543. Ma c’è un documento stampato antecedente che implicitamente sospende il globo della Terra nello spazio: è il planisfero disegnato da Martin Waldseemuller pubblicato il 25 aprile del 1507, noto come “Universalis Cosmographia”.

    Esistono altri planisferi più antichi, come quelli di Enrico Martello (1489 circa) e di Nicolò Caveri (1504-1505 circa), ma questa mappa del mondo segna una svolta storica da molti punti di vista. In particolare, è il primo planisfero in cui compare la parola America sulle terre che Cristoforo Colombo pensava fossero le prime propaggini dell’India, tanto che è considerata il “certificato di nascita” del Nuovo Mondo. Benché le Americhe siano disegnate grossolanamente come una sottile striscia di terra che si estende dall’estremo Nord all’estremo Sud, questa mappa, che misura 2,32 per 1,29 metri, è anche la prima a rappresentare con buona approssimazione l’intero pianeta. Fu stampata in mille esemplari, ma se ne è salvata una sola copia che dal 2003 appartiene alla Library of Congress di Washington. Il prezzo di acquisto fu di 10 milioni di dollari. Ora però tutti possiamo esplorarla nei minimi particolari – questa è la notizia – visitando il sito web costruito dal Museo Galileo di Firenze http://mostre.museogalileo.it/waldseemuller/

    E’ un sito affascinante, ricco di informazioni, filmati, approfondimenti storici e scientifici. Martin Waldseemuller (immagine) nacque a Friburgo intorno al 1470 e morì nel 1521. Disegnò la “Universalis Cosmographia” su incarico di Renato II duca di Lorena, e per lui creò anche un mappamondo. Il nome America per il Nuovo Continente lo adottò su consiglio del cartografo tedesco Matthias Ringmann ed è ovviamente un omaggio al navigatore Amerigo Vespucci (e un dispetto a Cristoforo Colombo…). Del resto il titolo completo del planisfero di Waldseemuller è: “Universalis Cosmographia secundum Ptolomaei traditionem ed Americi Vespucci aliorumque lustrationes”. La copia in possesso della Library of Congress fu probabilmente stampata nel 1516, ovviamente con la matrice del 1507.

    Altre informazioni:

    https://it.wikipedia.org/wiki/Martin_Waldseem%C3%BCller

    https://it.wikipedia.org/wiki/Biblioteca_del_Congresso

     

     

  • 10/10/2016 - Anche Dione, satellite di Saturno, nasconde un oceano nel sottosuolo a 100 km di profondità
  • 09/10/2016 - Microbi alieni che “mangiano” raggi cosmici? Sulla Terra c’è qualcosa di simile
  • 08/10/2016 - La Royal Astronomical Society, cento anni dopo, chiede scusa ad Annie Maunder, studiosa del Sole
  • 07/10/2016 - Gli embrioni di nuove stelle si formano per azione del campo magnetico nelle nubi molecolari
  • 07/10/2016 - Individuato un limite alla massa dei buchi neri al centro delle galassie: 10 miliardi di masse ...
  • 05/10/2016 - “De-lensing”: come estrarre dal fondo di radiazione cosmica le onde gravitazionali del Big ...
  • 04/10/2016 - Geyser di vapore acqueo alti 200 km su Europa, satellite di Giove. Li ha scoperti “Hubble”
  • 04/10/2016 - Scoperta la prima sorgente binaria in raggi gamma al di fuori della Via Lattea
  • 02/10/2016 - I danni dei Led discussi alla quarta conferenza internazionale “Artificial Light at Night”
Ricerca
  • Le Stelle
    177
  • Nuovo Orione
    311
  • Libri