Astro News a cura di Piero Bianucci

  • 17/01/2016 - Osservate onde gravitazionali? Voci insistenti dall’esperimento americano LIGO

    Osservate onde gravitazionali? Voci insistenti dall’esperimento americano LIGO

    Osservate onde gravitazionali? Voci insistenti dall’esperimento americano LIGO

     

    L’esperimento americano LIGO ha finalmente osservato le onde gravitazionali, confermando a un secolo esatto di distanza la previsione di Einstein? Il 25 settembre 2015 era un sussurro, anzi un cinguettio, un twitt del cosmologo Lawrence Krauss della Arizona State University. Poco per volta il cinguettio è cresciuto e sta per diventare un rombo fragoroso. Sorgenti di onde gravitazionali alla portata di LIGO sono buchi neri che si fondono e supernove che collassano in buchi neri, fenomeni che, nel raggio di sensibilità delle antenne americane potrebbero avere una frequenza mensile. E’ possibile quindi che si stia accumulando una statistica sufficiente a decidere se si tratta di segnali genuini o di semplici disturbi. Dopo otto anni funzionamento (2002-2010) trascorsi senza aver registrato le tanto attese perturbazioni dello spaziotempo, l’esperimento LIGO è stato reso almeno 10 volte più sensibile. Il 18 settembre scorso ha ripreso le misure. Poiché servono da 6 a 18 mesi per le tarature di precisione e l'analisi dei dati, sembra un po’ presto per parlare di risultati affidabili. Krauss ha precisato che dava al 10-15 per cento la probabilità che l’osservazione venisse confermata (vedi articolo di Davide Castelvecchi su “Nature” del 30 settembre). Certo a VIRGO, l'antenna italo-francese in funzione a Cascina, vicino a Pisa, ci sarà un certo nervosismo.

    Nella foto: la sala di controllo di LIGO

    L’articolo su “Nature” e il sito di LIGO:

    http://www.nature.com/news/has-giant-ligo-experiment-seen-gravitational-waves-1.18449

    https://en.wikipedia.org/wiki/LIGO

     

     

  • 17/01/2016 - Una doppia inflazione cosmica per giustificare la quantità di materia oscura?
  • 15/01/2016 - Super-supernova: è la più luminosa mai osservata (570 miliardi di Soli)
  • 15/01/2016 - “Juno” ruba a “Rosetta” il record di distanza dal Sole per una sonda alimentata da ...
  • 13/01/2016 - “Nature”: poco ghiaccio, e di due tipi, sulla cometa Churyumov-Gerasimenko
  • 13/01/2016 - La pulsar del Granchio supera se stessa con una emissione record di raggi gamma
  • 13/01/2016 - La Via Lattea si è sviluppata a partire dal nucleo centrale verso l’esterno
  • 12/01/2016 - Ottenuto idrogeno metallico, il principale costituente dei nuclei di Giove e Saturno
  • 11/01/2016 - Team italiano scopre una “bilancia” per stimare la massa delle stelle negli ammassi globulari
  • 11/01/2016 - Per la prima volta osservato un buco nero in luce visibile: bastava un telescopio da 20 centimetri!
Ricerca
  • Le Stelle
    167
  • Nuovo Orione
    301
  • Libri