Astronews a cura di Massimiliano Razzano

Fino al 13/11/2017 a cura di Piero Bianucci, fino al 20/01/2018 a cura di Luigi Bignami

  • 08/08/2016 - “Hitomi”, satellite per raggi X giapponese “morto” poco dopo il lancio, avrà un ...

    “Hitomi”, satellite per raggi X giapponese “morto” poco dopo il lancio, avrà un successore

    “Hitomi”, satellite per raggi X giapponese “morto” poco dopo il lancio, avrà un successore

     

    Ricordate “Hitomi”, sfortunato satellite giapponese per l’osservazione del cielo nei raggi X, andato perduto poche settimane dopo l’inizio del suo funzionamento? Come è facile immaginare, l’incidente ha gettato nella disperazione una vasta comunità di scienziati che avevano progettato importanti ricerche con questo satellite dotato di strumenti innovativi per l’astrofisica delle alte energie (disegno). Bene, c’è una buona notizia: l’agenzia spaziale giapponese JAXA sta concretamente esaminando la possibilità di sostituirlo con un satellite identico da lanciare intorno al 2020.

    “Hitomi” – parola giapponese che significa “pupilla dell’occhio” – è andato in orbita il 17 febbraio scorso. Tutto è andato bene ma già il 26 marzo si è verificata una anomalia a bordo del satellite che ne ha fatto perdere il controllo e alcune settimane dopo un suo frammento si è vaporizzato precipitando nell’atmosfera sopra il sud della Spagna. Si prevede che gli altri quattro grossi frammenti rimasti cadranno all’inizio del prossimo anno.

    La missione di “Hitomi” doveva durare tre anni. Invece ha lavorato solo per un mese e ha in pratica compiuto una sola osservazione: quella dell’ammasso di galassie di Perseo, dove però ha scoperto come i buchi neri intervengano nell’evoluzione galattica. Questo lavoro, pubblicato su “Nature”, si è dimostrato così interessante da indurre i progettisti e la JAXA a cercare di sostituirlo con un gemello. A “Hitomi” hanno collaborato scienziati americani e italiani. Il suo ruolo scientifico era importante perché avrebbe dovuto coprire il periodo di attesa del lancio, intorno al 2029, del satellite europeo per raggi X “Athena”. Il nuovo “Hitomi” costerebbe 70-90 milioni di dollari, una cifra modesta perché tutta la progettazione rimane valida.  Obiettivi principali del satellite sono lo studio dell’universo a grande scala nelle alte energie e la ricerca della materia oscura.

    Altre informazioni:

    https://en.wikipedia.org/wiki/Hitomi_(satellite)

     

     

  • 07/08/2016 - Pulsar come GPS per le sonde spaziali: così cambierà la navigazione interplanetaria
  • 06/08/2016 - Due anni di danza della sonda “Rosetta” intorno alla cometa riassunti in 3 minuti e 43 secondi ...
  • 05/08/2016 - Il 4 agosto il Sole ha divorato una cometa della “famiglia Kreutz”: impatto a 600 km al ...
  • 05/08/2016 - Il 43 per cento degli astronauti delle missioni lunari muore di malattie cardiovascolari
  • 03/08/2016 - Scoperto un anello deserto di stelle giovani intorno al centro della nostra galassia
  • 02/08/2016 - Il Sole dà spettacolo e un gruppo di giovani astronomi canta le tre leggi di Keplero
  • 01/08/2016 - Studio russo: possibile sparare bomba atomica contro un asteroide ma solo mentre si allontana da ...
  • 30/07/2016 - Superjet delle galassie attive: la loro lunghezza può superare i due milioni di anni luce
  • 29/07/2016 - Lo scontro con un protopianeta di 250-300 km generò sulla Luna il Mare Imbrium
Ricerca
  • Le Stelle
    175
  • Nuovo Orione
    309
  • Libri