Astronews a cura di Massimiliano Razzano

Fino al 13/11/2017 a cura di Piero Bianucci, fino al 20/01/2018 a cura di Luigi Bignami

  • 15/08/2016 - Cerere: un nucleo roccioso e un oceano sotterraneo. Lo dicono anomalie gravitazionali rilevate da ...

    Cerere: un nucleo roccioso e un oceano sotterraneo. Lo dicono anomalie gravitazionali rilevate da “Down”

    Cerere: un nucleo roccioso e un oceano sotterraneo. Lo dicono anomalie gravitazionali rilevate da “Down”

     

     

    Cerere, il più grande degli asteroidi, ora classificato come pianeta nano, nasconderebbe sotto la sua sottile crosta di ghiaccio e di sali un oceano e un denso nucleo roccioso. Lo confermano Ryan Park del Jet Propulsion Laboratori e colleghi in un articolo pubblicato su “Nature” il 3 agosto. Per indagare l’interno di Cerere i ricercatori hanno analizzato le minime variazioni di velocità della sonda “Dawn” della Nasa, che ha trascorso un anno in orbita intorno all’asteroide scoperto nel 1801 da Giuseppe Piazzi. Il periodo preso in esame è di due mesi alla fine del 2015 e le variazioni di velocità orbitale sono state rilevate fino all’incredibile limite di 0,1 millimetri al secondo. Le variazioni corrispondono a piccole anomalie del campo gravitazionale dovute alla distribuzione delle masse nell’interno del pianeta nano.

    Cerere, che compie una rotazione in poco più di 9 ore, ha un diametro equatoriale di 966 chilometri e un notevole schiacciamento ai poli (892 chilometri). La densità è di 2,16 grammi per centimetro cubo (la nostra Luna 3,34). Mettendo insieme i vari dati si ricava che Cerere dovrebbe un nucleo roccioso di silicati lievemente eccentrico (di un chilometro). La crosta superficiale è spessa 120 chilometri e non può essere di pura acqua con sali ma poiché ci sono indizi di scorrimento di acqua in tempi passati, si ritiene che in profondità possa esserci un oceano salato.

    Altre informazioni:

    http://www.nature.com/nature/journal/vaop/ncurrent/full/nature18955.html

  • 14/08/2016 - Incursione nel lontano passato della supernova 1987A nella Grande Nube di Magellano
  • 13/08/2016 - Dieci miliardi di fotoni al secondo “illuminano” il nostro corpo provenendo dallo spazio ...
  • 13/08/2016 - Vesta non sarebbe un protopianeta intatto ma un aggregato di frammenti di altri asteroidi
  • 12/08/2016 - Ecco la pista di atterraggio su Marte del modulo “Schiaparelli”: scenderà il 19 ottobre
  • 12/08/2016 - Ad ogni eclisse l’atmosfera di Io (Il satellite galileiano più vicino a Giove) collassa e ...
  • 11/08/2016 - Neanche il superacceleratore LHC (Cern) finora è riuscito a produrre monopoli magnetici
  • 10/08/2016 - Ora è dimostrato: le galassie nane crescono divorando galassie ancora più piccole
  • 09/08/2016 - Sedici giorni sott’acqua per sperimentare la gravità di Marte e testare nuovi equipaggiamenti
  • 08/08/2016 - “Hitomi”, satellite per raggi X giapponese “morto” poco dopo il lancio, avrà un ...
Ricerca
  • Le Stelle
    177
  • Nuovo Orione
    311
  • Libri