Astro News a cura di Piero Bianucci

  • 05/10/2014 - Scoperta la “particella di Majorana”, un fermione esotico nel quale materia e antimateria ...

    Scoperta la “particella di Majorana”, un fermione esotico nel quale materia e antimateria coincidono

    Scoperta la “particella di Majorana”, un fermione esotico nel quale materia e antimateria coincidono

     

     

    La chiamano “particella di Majorana”, e batteva il suo stesso ideatore, perché Ettore Majorana (foto) è scomparso nel nulla ma la sua particella non è mai neppure comparsa in quasi settant’anni di esperimenti. Ora però l’hanno trovata. Lo annuncia un team di fisici di Princeton guidati da Jadwin Hall su “Science online” del 2 ottobre. Come colui che l’ha prevista nel 1937, la “particella di Majorana” ha una doppia personalità: è un fermione che si comporta contemporaneamente come materia e come antimateria. O, se volete, in queste particelle non è possibile distinguere l’una dall’altra. Sarebbe il primo mattone della materia esotica e potrà essere anche un ingranaggio dei futuri computer quantistici.

    L’esperimento che ha stanato il fermione di Majorana è un gigantesco microscopio a effetto tunnel, alto come una casa di due piani ma tenuto sospeso in galleggiamento per ridurre al minimo le vibrazioni: si trattava infatti di osservare una fila di singoli atomi di ferro in mezzo a file di atomi di piombo, il tutto raffreddato a un grado sopra lo zero assoluto per conferirgli la superconduttività. Come aveva previsto nel 2001 il fisico teorico Alexei Kitaev, il microscopio ha permesso di osservare alle estremità del superconduttore, proprio là dove doveva essere, un segnale elettricamente neutro che è la traccia del fermione di Majorana. Qualche indizio si era avuto già nel 2012 in un laboratorio olandese ma ora sembra che il risultato ottenuto a Princeton non lascio dubbi. La scoperta ha implicazioni anche per il cosiddetto “neutrino di Majorana” e per la cosmologia.

    L’articolo originale:

    http://www.sciencemag.org/content/early/2014/10/01/science.1259327.abstract

  • 04/10/2014 - Osservato in diretta un jet sul nucleo della cometa Churyumov-Gerasimenko. Rischio per il lander ...
  • 02/10/2014 - Sorpresa dalla Luna: l’Oceano delle Tempeste non deriva dall’impatto di un asteroide
  • 01/10/2014 - Selezionati su Marte 4 siti per la missione Exomars (2018). Accordo tra Nasa e India
  • 01/10/2014 - Ultimi dati da “ENVISAT”: buone e cattive notizie per l’atmosfera della Terra
  • 28/09/2014 - I dati del satellite GOCE confermano la fusione della massa glaciale in Antartide
  • 27/09/2014 - Inaugurato sull’Etna prototipo di telescopio per raggi gamma ad alta energia
  • 27/09/2014 - Curiosity” trivella il monte Sharp, Giove è un acceleratore di particelle, “Philae” pronta ...
  • 25/09/2014 - Vapore acqueo e cielo sereno sul pianeta di un’altra stella a 120 anni luce da noi
  • 24/09/2014 - Scoperta italiana: la cometa C/2011 J2 LINEAR ha un nucleo doppio
Ricerca
  • Le Stelle
    158
  • Nuovo Orione
    292
  • Libri