Astro News a cura di Piero Bianucci

  • 08/01/2017 - Diventa tascabile l’universo primordiale fotografato dal satellite “Planck”

    Diventa tascabile l’universo primordiale fotografato dal satellite “Planck”

    Diventa tascabile l’universo primordiale fotografato dal satellite “Planck”

     

    Trecento ottantamila anni dopo il Big Bang gli elettroni furono catturati dai nuclei di idrogeno e di elio e per la prima volta la luce ebbe via libera uscendo dalla “nebbia” primordiale in espansione, che aveva all’epoca una temperatura di tremila gradi. Da allora sono trascorsi 13,7 miliardi di anni – l’età attuale dell’universo, che per tutto questo tempo non ha fatto che espandersi. Della sfera ancora rovente 380 mila anni dopo il Big Bang, il satellite europeo “Planck” ha catturato il debole calore residuo, che si è ridotto a 2,7 Kelvin e corrisponde alle microonde. Questa è la “radiazione cosmica di fondo”, detta anche radiazione fossile, e la sua temperatura è estremamente uniforme in tutte le direzioni. Sussistono tuttavia differenze minime, dell’ordine di centomillesimi di Kelvin, e “Planck” le ha fedelmente registrate. Quelle minime disomogeneità sono i “semi” da cui si sono poi sviluppate le galassie.

    Ora un modello dell’universo neonato potete portarvelo in tasca e giocarci per stemperare lo stress o magari per stupire i vostri interlocutori. E’ una pallina la cui superficie riporta le disomogeneità del cosmo da poco uscito dal Big Bang sotto forma di piccole protuberanze colorate (foto). Un software permette di costruirsela 'in casa' con una stampante 3D, in formati diversi, a piacere. L’idea è venuta a Dave Clements, astrofisico dell’Imperial College di Londra, che l’ha realizzata con due suoi studenti. Ne dà notizia l’”European Journal of Physics”. E’ un gioco, ma chi l’ha inventato spera che serva a diffondere la curiosità per la cosmologia e a farne conoscere i fondamenti.

    La radiazione cosmica di fondo fu scoperta da Penzias e Wilson nel 1974 con una speciale antenna dei Laboratori Bell Telephone (Sati Uniti). Da allora tre satelliti l’hanno “fotografata” con risoluzione crescente: COBE (COsmic Background Explorer), Wilkinson-MAP e Planck.

    Altre informazioni:

    http://iopscience.iop.org/journal/0143-0807

    European Journal of Physics - IOPscience

    iopscience.iop.org

    With a world-wide readership and authors from every continent, European Journal of Physics is a truly international journal dedicated to maintaining and improving the ...

     

     

  • 07/01/2017 - Le notizie astronomiche da prima pagina del 2016 secondo “Sky and Telescope”
  • 06/01/2017 - Gli Asteroidi Troiani e Psyche, pianetino di ferro, prossime mete di due sonde NASA
  • 05/01/2017 - Prima misura di distanza dell’unica sorgente di lampi radio che replica il misterioso fenomeno
  • 03/01/2017 - Un’opera d’arte cosmica presso la Stella Polare: qui nascono le sue future vicine di casa
  • 03/01/2017 - Vedremo il buco nero al centro della Via Lattea con un radiotelescopio grande quanto la Terra
  • 02/01/2017 - Trent’anni fa usciva l’ultimo numero della storica rivista fondata da Guido Horn d’Arturo
  • 01/01/2017 - Dopo l’Epifania forse sarà visibile (al binocolo) una debole cometa
  • 01/01/2017 - Il 2017 in Italia è iniziato con un secondo in più (alle 00:59:59). L'INRiM: ecco il perché
  • 31/12/2016 - Capodanno simulato su Marte: da oggi al 15 gennaio 2017 test di Ilaria Civelli nel deserto Usa
Ricerca
  • Le Stelle
    163
  • Nuovo Orione
    297
  • Libri