Astronews a cura di Massimiliano Razzano

Fino al 13/11/2017 a cura di Piero Bianucci, fino al 20/01/2018 a cura di Luigi Bignami

  • 13/11/2017 - Musiche celesti: da oggi si potrà ascoltare la composizione tratta dai dati di 'Voyager 1'

    Musiche celesti: da oggi si potrà ascoltare la composizione tratta dai dati di 'Voyager 1'

    Musiche celesti: da oggi si potrà ascoltare la composizione tratta dai dati di 'Voyager 1'

    Partita nell’estate del 1977, da quarant’anni la navicella della Nasa “Voyager 1” (foto) solca lo spazio, prima quello interplanetario, ora quello interstellare. Ci ha trasmesso meravigliose immagini di Giove e di Saturno, poi la sua rotta ha puntato verso l’esterno rispetto al piano dell’eclittica sul quale orbitano i pianeti. Ma ha continuato a inviare dati preziosi sulle particelle che incontra, sui raggi cosmici e sul campo magnetico, facendoci conoscere un po’ meglio l’eliosfera, la regione influenzata dal Sole con la sua attività magnetica e di vento particellare. Per festeggiare questi gloriosi quarant’anni di “Voyager 1” oggi 13 novembre verrà presentata al pubblico una composizione musicale di tre minuti ottenuta elaborando i dati inviati che la sonda ci ha inviato: è un gioco, naturalmente, ma pieno di poesia.

    La composizione è opera di Domenico Vicinanza, della Anglia Ruskin University, e di Geneviève Williams della University of Exter. Le note sono state ricavate dai dati raccolti con lo strumento LECP, Low-Energy Charced Particle, un sorta di “telescopio” non per fotoni come quelli classici, ma per particelle come protoni, nuclei di elio (raggi alpha) e nuclei più pesanti, piuttosto rari ma pur sempre sparsi nello spazio. La trasformazione in suoni avviene per mezzo di un apposito algoritmo. Ogni dato di “Voyager 1” dal 1977 in poi è stato convertito in una nota, ne è derivata una melodia poi orchestrata per violini, flauti, pianoforte e corno francese.

    Non è il primo esperimento del genere. Il compositore romano Amendola ricavò una musica dal ritmo di una pulsar già più di vent’anni fa e ne derivò un Cd. Dalla missione europea “Rosetta” alla cometa Churyumov-Gerasimenko si è tratto “Il suono della cometa 67/P”.

    Il link per ascoltare la “musica di Voyager 1”:

    https://www.youtube.com/watch?v=YHD-tRSPZ5M

     

    Altre informazioni:

    https://www.youtube.com/watch?v=anNcCooHdVQ

    https://www.nasa.gov/mission_pages/voyager/index.html

     

     

  • 12/11/2017 - Galassia vicina pullula di molecole complesse (anche pre-biologiche)
  • 10/11/2017 - In mostra a Padova il ritratto del giovane Galileo dipinto nel 1601. Lo si riteneva perduto
  • 08/11/2017 - Due ciambelle di polveri fredde scoperte intorno a Proxima Centauri
  • 08/11/2017 - Battezzato ‘OUMUAMUA il primo asteroide interstellare (scoperto il 18 ottobre)
  • 07/11/2017 - Paolo Nespoli:100 giorni di missione in orbita. Studio sui danni dell’assenza di peso
  • 06/11/2017 - I SATELLITI INVECCHIANO, GLI USA TAGLIANO I FONDI: A RISCHIO L’OSSERVAZIONE DEI GHIACCI MARINI
  • 05/11/2017 - Sette asteroidi invadono il campo di 'Hubble': 5 erano ancora sconosciuti
  • 04/11/2017 - 148 ANNI FA NASCEVA “NATURE”, FONDATA DALL’ASTRONOMO NORMAN LOCKYER
  • 04/11/2017 - Giovani stelle crescono in laboratorio: simulato l’impatto del disco di gas sulla fotosfera
Ricerca
  • Le Stelle
    175
  • Nuovo Orione
    309
  • Libri