Astronews a cura di Massimiliano Razzano

Fino al 13/11/2017 a cura di Piero Bianucci, fino al 20/01/2018 a cura di Luigi Bignami

  • 18/11/2018 - UN ENORME CRATERE SOTTO I GHIACCI IN GROENLANDIA

    UN ENORME CRATERE SOTTO I GHIACCI IN GROENLANDIA

    UN ENORME CRATERE SOTTO I GHIACCI IN GROENLANDIA

    Le tracce dei violenti impatti che hanno modellato la Terra sono ancora evidenti sopra e sotto la superficie del nostro pianeta. Di recente, è stato svelato un enorme cratere da impatto di 31 km di diametro nella Terra di Inglefield nella Groenlandia settentrionale. Il responsabile sarebbe un meteorite ferroso di un chilometro di diametro che ha colpito la Terra circa 12 mila anni fa. Il cratere entra a pieno titolo nella classifica dei 25 crateri da impatto più grandi del pianeta. 

    Scoperto sotto 1000 m di ghiaccio e studiato con i dati raccolti dai radar NASA dal 1997 al 2014, nel 2016 il cratere è stato nuovamente analizzato con un sistema radar di nuova generazione, il Multichannel Coherent Radar Depth Sounder, dai ricercatori dell’Università del Kansas e del Museo di Storia Naturale di Danimarca.

    Il cratere è eccezionalmente ben conservato e questo significa che è relativamente “giovane” dal punto di vista geologico. Casualmente – o non proprio – un gigantesco meteorite ferroso di 20 tonnellate trovato in Groenlandia, non lontano da Hiawatha, viene conservato nel Centro di Geogenetica di Copenhagen. Da lì la prima intuizione dei ricercatori, ma mancavano le prove concrete.

    La presenza del cratere è confermata da alcune mappe. Il cratere presenta una struttura circolare, ma non è semplice da individuare sorvolando la zona. Solo grazie all’incrocio di dati satellitari e dei radar è stato possibile confermare le coordinate e la forma. Il team di scienziati ha poi effettuato successivi studi a terra di sedimenti glaciofluviali, mostrando la presenza di quarzo “scioccato” e altri grani tra cui anche il vetro, prodotti dalla fusione generata dall’impatto.

    In Figura, la topografia del substrato roccioso sotto la calotta ghiacciata che circonda il cratere di Hiawatha. Fonte: Media-INAF)

    Piero Stroppa

  • 18/11/2018 - La Stella di Barnard ha un pianeta
  • 18/11/2018 - Il moto di Beta Pictoris b intorno alla sua stella ripreso dal VLT
  • 06/11/2018 - Idrogeno, quel “bagliore” primordiale che illumina le prime galassie
  • 04/11/2018 - LE FASI LUNARI DI NOVEMBRE
  • 02/11/2018 - La “stella in scatola” che svela il mistero delle pulsar
  • 01/11/2018 - Mai così prossimi al punto di non ritorno
  • 30/10/2018 - La fine della Missione Kepler
  • 24/10/2018 - OSSIGENO NEI LAGHI DI MARTE A SOSTEGNO DELLA VITA
  • 24/10/2018 - ALMA MAPPA LA TEMPERATURA DI EUROPA
Ricerca
  • Le Stelle
    190
  • Nuovo Orione
    324
  • Libri