Astro News a cura di Piero Bianucci

  • 02/08/2017 - Forse gli asteroidi “troiani” di Marte li ha generati un impatto sul pianeta

    Forse gli asteroidi “troiani” di Marte li ha generati un impatto sul pianeta

    Forse gli asteroidi “troiani” di Marte li ha generati un impatto sul pianeta

     

    Si chiamano “troiani” e “greci” gli asteroidi che occupano i due punti lagrangiani sull’orbita di Giove simmetrici rispetto al grande pianeta: questi pianetini si trovano nelle zone di equilibrio gravitazionale del sistema Giove-Sole, una soluzione stabile del problema dei tre corpi trovata da Lagrange. Pianetini troiani sono stati scoperti sulle orbite di Urano, Nettuno, Venere e Marte. La Terra non ha pianetini di questo tipo, o meglio ne ha uno solo, probabilmente non del tutto stabile. Stranamente invece ha pianetini “troiani” Marte, pur avendo una massa che è appena un decimo della massa terrestre. La loro origine non è chiara ma ora un articolo pubblicato su “Nature Astronomy” avanza l’ipotesi che essi vengano dallo stesso Marte. Lo suggerisce il fatto che lo spettro infrarosso e il potere riflettente di due pianetini troiani di Marte risulta compatibile con una superficie costituita da olivina, un minerale raro sugli asteroidi ma abbondante su Marte.

    David Polishook, (Weizmann Institute, Israele) uno degli autori dello studio, spiega che solo lo 0,4 per cento dei pianetini ha olivina in superficie; è quindi molto improbabile che i troiani di Marte abbiano questa caratteristica. I rover a spasso sul pianeta rosso, invece, hanno documentato l’esistenza su Marte di estese regioni con olivina, proprio come il troiano di Marte 5261 Eureka (scoperto da David Levy ed Henri Holt nel 1990) e altri cinque sui nove pianetini troiani di Marte conosciuti. Su Marte un vasto deposito di olivina è quello delle Nili Fossae: l’impatto con un oggetto massiccio potrebbe avere strappato olivina alle Nili Fossae, che si sarebbe poi aggregato nei punti lagrangiani. Simulazioni al computer suffragano questa ipotesi.

    Nel disegno le chiazze ovali indicano le zone dove si trovano gli asteroidi troiani di Giove e di Marte.

    Altre informazioni:

    https://en.wikipedia.org/wiki/5261_Eureka

     

     

     

  • 01/08/2017 - Da oggi l’antenna gravitazionale europea VIRGO raccoglie dati al più alto livello di ...
  • 31/07/2017 - Il Sole perde colpi, forse sta scivolando nella sua “mezza età”
  • 29/07/2017 - Scoperti gli “embrioni” degli ammassi globulari, gli oggetti più antichi dell’universo
  • 28/07/2017 - Paolo Nespoli a 60 anni in orbita per la terza volta con la missione “Vita”
  • 26/07/2017 - Sulla Stazione Spaziale sperimentazione simultanea dei sistemi di navigazione GPS e “Galileo”
  • 25/07/2017 - Simulato l’universo per preparare la missione “Euclid” dedicata al “cosmo oscuro”
  • 24/07/2017 - Si alza il velo di mistero che copriva il moto delle nubi nell’emisfero buio di Venere
  • 23/07/2017 - Nel 2018-19 diventerà operativa l’antenna gravitazionale giapponese KAGRA. L’India insegue
  • 22/07/2017 - Premio “Enrico Fermi” a tre esploratori della fisica del neutrino: Bellini, Berezinsky e ...
Ricerca
  • Le Stelle
    171
  • Nuovo Orione
    305
  • Libri