Astronews a cura di Massimiliano Razzano

Fino al 13/11/2017 a cura di Piero Bianucci, fino al 20/01/2018 a cura di Luigi Bignami

  • 12/11/2017 - Galassia vicina pullula di molecole complesse (anche pre-biologiche)

    Galassia vicina pullula di molecole complesse (anche pre-biologiche)

    Galassia vicina pullula di molecole complesse (anche pre-biologiche)

    Altro che nebulose solo di idrogeno ed elio. C’è una miniera di molecole in una galassia vicina a noi. Alcune sono semplici – idrogeno, ossido di azoto, monossido e biossido di zolfo – ma ce ne sono anche di più complesse, e talvolta considerate precursori di molecole biologiche: metanolo, propano, acido acetico, tioformaldeide, cianuro di idrogeno. La galassia è NGC 253 (foto), si trova a 12 milioni di anni luce da noi, al confine tra il nostro Gruppo Locale che contiene la Via Lattea e M 31 Andromeda e il Gruppo dello Scultore. Lo strumento che ne ha fatto la più accurata analisi chimica mai attuata su una galassia che non sia la nostra è ALMA, il radiotelescopio millimetrico e sub-millimetrico composto da 66 antenne paraboliche, sulle Ande del Cile a quota 5000 metri. In totale le molecole diverse individuate sono 19. La regione molecolare analizzata in NGC 253 è relativamente piccola, il suo diametro è di appena 30 anni luce, ma è un pullulare di molecole, in buona parte organiche, cioè contenenti carbonio. In complesso sono otto le nubi molecolari individuate in questa zona della galassia e studiate spettroscopicamente nelle loro emissioni radio millimetriche. Fatto interessante, ogni nube ha rivelato una identità chimica precisa, che la distingue dalle altre.

    NGC 253 – di forma lenticolare, già scoperta da William Herschel nel 1786 mentre scandagliava la costellazione di Andromeda – è un laboratorio chimico ricco e attivo ed è anche una galassia dove la formazione di nuove stelle avviene a ritmo velocissimo. I due aspetti sono probabilmente tra loro collegati. La ricerca è stata guidata da Ryo Ando, uno studente dell’Università di Tokyo. Il lavoro scientifico è pubblicato su “The Astrophysical Journal”.

    Questi i link dell’abstract e dell’articolo originale:

    https://arxiv.org/abs/1710.01432

    https://arxiv.org/pdf/1710.01432.pdf

     

     

  • 10/11/2017 - In mostra a Padova il ritratto del giovane Galileo dipinto nel 1601. Lo si riteneva perduto
  • 08/11/2017 - Due ciambelle di polveri fredde scoperte intorno a Proxima Centauri
  • 08/11/2017 - Battezzato ‘OUMUAMUA il primo asteroide interstellare (scoperto il 18 ottobre)
  • 07/11/2017 - Paolo Nespoli:100 giorni di missione in orbita. Studio sui danni dell’assenza di peso
  • 06/11/2017 - I SATELLITI INVECCHIANO, GLI USA TAGLIANO I FONDI: A RISCHIO L’OSSERVAZIONE DEI GHIACCI MARINI
  • 05/11/2017 - Sette asteroidi invadono il campo di 'Hubble': 5 erano ancora sconosciuti
  • 04/11/2017 - 148 ANNI FA NASCEVA “NATURE”, FONDATA DALL’ASTRONOMO NORMAN LOCKYER
  • 04/11/2017 - Giovani stelle crescono in laboratorio: simulato l’impatto del disco di gas sulla fotosfera
  • 03/11/2017 - Primo esopianeta scoperto con i 12 telescopi NGTS, Next-Generation Transit Survey
Ricerca
  • Le Stelle
    177
  • Nuovo Orione
    311
  • Libri