Astro News a cura di Piero Bianucci

  • 11/04/2017 - La sorpresa di quest’uovo? Più di un miliardo di stelle nei nostri dintorni della Via Lattea

    La sorpresa di quest’uovo? Più di un miliardo di stelle nei nostri dintorni della Via Lattea

    La sorpresa di quest’uovo? Più di un miliardo di stelle nei nostri dintorni della Via Lattea

    Sembra un uovo allegramente decorato per festeggiare la pasqua. Invece è la mappa del cielo tracciata dal satellite astrometrico europeo “Gaia” nei suoi primi 14 mesi di scandagli celesti, dal luglio 2014 al settembre 2015. L’ovale rappresenta la sfera celeste e i colori indicano con quale frequenza le diverse parti del cielo sono state esaminate da “Gaia” nel suo lavoro per precisare sempre meglio grazie al moltiplicarsi delle osservazioni la posizione di circa un miliardo di stelle della nostra galassia, la Via Lattea. Questo il codice-colori: il blu rappresenta le regioni celesti scandagliate più frequentemente nei 14 mesi considerati, i colori più chiari indicano le zone del cielo meno analizzate.

     

    “Gaia” esplora il cielo disegnando grandi cerchi nello spazio ogni circa sei ore. Durante il primo mese il satellite ha scandagliato rapidamente l'intervallo che va dall’eclittica ai poli, per poi ripassare più volte la stessa zona migliorando di volta in volta i rilievi precedenti.

     

    I primi 14 mesi di osservazione hanno prodotto un catalogo preliminare della posizione e luminosità di oltre un miliardo di stelle. Si tratta della più grande survey stellare mai prima realizzata nei nostri dintorni galattici. Quando termineranno i cinque anni programmati per la missione, “Gaia” permetterà di ottenere una straordinaria mappa in 3D di una vasta regione della Via Lattea, fornendo risposte fondamentali sull’origine, la struttura e l’evoluzione della nostra galassia, benché un miliardo di stelle costituiscano solo l’uno per cento della popolazione stellare complessiva.

     

    Altre informazioni:

    http://m.esa.int/spaceinvideos/Videos/2016/09/Gaia_scanning_the_sky

  • 09/04/2017 - ALMA scopre la “morte in culla” di una stella esplosa 500 anni fa nella nebulosa di Orione
  • 08/04/2017 - Più di 60 mila persone già salvate grazie a satelliti artificiali. Collabora anche “Galileo”
  • 08/04/2017 - Olimpiadi Internazionali dell’Astronomia: ecco i 5 studenti italiani che gareggeranno
  • 07/04/2017 - Perso nello spazio uno scudo termico che doveva essere fissato alla Stazione Spaziale
  • 06/04/2017 - La sonda “New Horizons” è a metà del viaggio oltre Plutone verso un oggetto della Fascia di ...
  • 06/04/2017 - Braccato il “neutrino di Majorana” (sempre che esista). Spiegherebbe il rapporto ...
  • 05/04/2017 - Com’è fatto il nucleo metallico della Terra? Ce lo dirà Psyche, l’asteroide “di ferro”
  • 04/04/2017 - Arte e meteoriti: “L’Universo dipinto”, una mostra di Space Art in maggio a Gussago
  • 03/04/2017 - Due pianeti grandi come Giove stanno formandosi intorno a una stella del Sagittario
Ricerca
  • Le Stelle
    167
  • Nuovo Orione
    301
  • Libri