Astro News a cura di Piero Bianucci

  • 25/09/2016 - Buchi neri e stelle di neutroni che si fondono fabbricano oro e altri metalli preziosi

    Buchi neri e stelle di neutroni che si fondono fabbricano oro e altri metalli preziosi

    Buchi neri e stelle di neutroni che si fondono fabbricano oro e altri metalli preziosi

     

    Non ci si potrebbe sposare se non provvedessero le supernove a generare gli elementi più pesanti, e tra questi l’oro necessario per scambiarsi le “fedi”. Ora si è scoperto che anche un altro fenomeno astrofisico è un’ottima fabbrica di questo metallo prezioso: si tratta delle fusioni (merger) di oggetti compatti come stelle di neutroni e buchi neri. Questi violentissimi “abbracci” imposti dalla gravità danno origine a lampi gamma brevi (tipicamente un decimo di secondo) e a un evento esplosivo che è stato chiamato macronova o kilonova perché la sua luminosità è mille volte superiore a quella di una nova. Oltre all’oro, la coalescenza di oggetti compatti genera uranio, platino, argento e altri elementi ad alto peso atomico. Il fenomeno delle macronove associate a lampi gamma brevi è noto dal 2005 ma solo adesso si incomincia a conoscerlo meglio. La loro luminosità, si è scoperto, non è dovuta (solo) all’interazione dei raggi gamma con il mezzo circostante ma anche (soprattutto) al decadimento radioattivo degli isotopi instabili di elementi pesanti sintetizzati nella coalescenza. Il decadimento radioattivo produce una luce meno intensa ma molto più persistente che può essere analizzata con i telescopi ottici.

    L’articolo, pubblicato su “Nature Communication”, è frutto di una collaborazione internazionale di cui fanno parte Paolo D’Avanzo e Stefano Covino dell’Inaf-Osservatorio di Brera. Lo studio è particolarmente attuale dopo l’osservazione di onde gravitazionali provenienti da remoti eventi di coalescenza tra buchi neri. Lo stesso fenomeno può così essere studiato da più “finestre” (gamma, luce visibile, onde gravitazionali).

    Nel disegno, le 4 fasi che da una coppia di oggetti ultradensi portano al fenomeno delle kilonove (o macronove) Altre informazioni:

    http://www.media.inaf.it/2013/08/05/ecco-a-voi-la-kilonova/

    http://www.media.inaf.it/2016/09/23/la-coppia-che-scoppia-produce-oro/

  • 24/09/2016 - Secondo i dati di “Planck” l’universo si espande in modo uniforme e non ruota su se stesso
  • 23/09/2016 - Rarissima occultazione di una stella da parte di Plutone osservata grazie ai dati di Gaia
  • 22/09/2016 - ESA: parte l’operazione “CleanSat” per mantenere pulito lo spazio intorno alla Terra
  • 21/09/2016 - Paolo Giubellino a capo delle due maggiori ricerche europee su energie di interesse astrofisico
  • 20/09/2016 - Premio ESA a una app che usa dati dei satelliti “Sentinel” per valutare la qualità del vino
  • 19/09/2016 - Una cartolina da “Curiosity”: così il vento scolpisce la superficie di Marte
  • 18/09/2016 - Scoperta in Argentina una super-meteorite dal peso di 30 tonnellate
  • 17/09/2016 - La galassia Markarian 1018 oscurata dal suo buco nero supermassiccio poco “nutrito”
  • 16/09/2016 - Perfetto lancio del razzo “Vega” dalla base europea di Kourou: 5 satelliti in orbita
Ricerca
  • Le Stelle
    161
  • Nuovo Orione
    295
  • Libri