Astro News a cura di Piero Bianucci

  • 01/07/2017 - Addio a Enzo Bertolini, pioniere della fusione nucleare, già direttore dell’Osservatorio Valle ...

    Addio a Enzo Bertolini, pioniere della fusione nucleare, già direttore dell’Osservatorio Valle d’Aosta

    Addio a Enzo Bertolini, pioniere della fusione nucleare, già direttore dell’Osservatorio Valle d’Aosta

    Lutto all’Osservatorio della Valle d’Aosta: il 30 giugno si è spento Enzo Bertolini (foto), direttore emerito della Fondazione Clément Flillietroz che gestisce questa istituzione per la ricerca e per la divulgazion: a Lignan, Saint Barthélemy, valle di Nus, oltre all’Osservatorio, specializzato nello studio degli esopianeti e corpi minori del sistema solare, sorge infatti anche un grande Planetario. Nato a Verona il 4 maggio 1932, Enzo Bertolini divenne direttore dell’Osservatorio e della Fondazione nel 2006 dopo un lungo e fruttuoso periodo di ricerca all’estero (Stati Uniti e Cern di Ginevra, Svizzera). Quattro anni fa gli venne assegnato il Premio “le Stelle”, che l’anno precedente era andato a Giovanni Fabrizio Bignami. Bertolini, laureato in ingegneria elettrotecnica e fisica, diresse anche il JET, Joint European Thorus, laboratorio nei pressi di Londra dove per la prima volta si ottenne una quantità di energia da fusione nucleare superiore a quella spesa per accendere la reazione.

     

    Ecco come nel suo curriculum lo stesso Bertolini riassume il proprio lavoro scientifico: “La mia attività è stata dedicata alla progettazione ed alla costruzione di grandi esperimenti per poi svolgere ricerche di fisica applicata. Perciò le mie pubblicazioni scientifiche sono equamente divise tra ingegneria e fisica. Poiché queste macchine hanno avuto dimensioni e costi crescenti, per concludere con il JET, il cui valore complessivo è di oltre un miliardo di euro, sono stato responsabile di molti contratti industriali, ciascuno del valore di alcuni milioni di euro, affidati a varie ditte europee. Tali contratti riguardano praticamente tutti i campi dell’ingegneria. Questo tipo di lavoro mi ha anche portato ad essere manager responsabile del progetto per un nuovo ed originale sistema di controllo del plasma e quindi della macchina JET. Questo lavoro ha generato, tra l’altro, una tesi di dottorato di uno dei miei ingegneri: Controllo multivariabile del plasma nell’esperimento JET. In questo sofisticato sistema di controllo si fa largo uso di sistemi informatici avanzati, per la prima volta al mondo, in una macchina di tipo Tokamak. Per quanto riguarda la mia attività di insegnamento, essa si è svolta soprattutto negli Stati Uniti (Università di California), dove mi è stato consentito di organizzare i corsi in maniera compatibile con le mie attività di ricerca.”

     

    Altre informazioni:

    http://www.oavda.it/italiano/contatti/documents/CurriculumVitaeCVEnzoBertoliniIta.pdf

  • 30/06/2017 - L’abbraccio di due galassie visto con tre telescopi spaziali. È l’oggetto 299 del Catalogo di ...
  • 29/06/2017 - La missione Nasa IXPE studierà pulsar e quasar in raggi X polarizzati: italiani i rivelatori
  • 28/06/2017 - Due stelle fuggono dal centro della Via Lattea “frustate” dalla gravità del buco nero ...
  • 27/06/2017 - Era un mini-asteroide di mezzo metro di diametro l’oggetto esploso sul Nord-Italia il 30 maggio
  • 27/06/2017 - L’ESA rilascia due nuovi cataloghi di sorgenti infrarosse osservate dal satellite “Herschel”
  • 26/06/2017 - Onde gravitazionali: l’ESA approva l’interferometro spaziale LISA, previsto per il 2034
  • 24/06/2017 - Primo CubeSat del tutto autonomo sviluppato dall’ESA per studiare piccoli asteroidi
  • 23/06/2017 - Acchiappasatelliti magnetico per liberare lo spazio da rottami e da sonde in disuso
  • 22/06/2017 - 219 nuovi esopianeti, varata la sonda PLATO per cercarne altri. Nascono doppie le stelle di tipo ...
Ricerca
  • Le Stelle
    170
  • Nuovo Orione
    304
  • Libri